Passa ai contenuti principali

2 Cronache 7:14: La via della benedizione di Dio.

2 Cronache 7:14: La via della benedizione di Dio.
"se il mio popolo, sul quale è invocato il mio nome, si umilia, prega, cerca la mia faccia e si converte dalle sue vie malvagie, io lo esaudirò dal cielo, gli perdonerò i suoi peccati, e guarirò il suo paese".

Queste parole sono una risposta alla preghiera di Salomone (2 Cronache 6:26-31). Salomone terminò di costruire il tempio del Signore. Poi il Signore gli apparve e gli disse che quando non avrebbe mandato la pioggia (a causa dei loro peccati 2 Cronache 6:26), quando avrebbe mandato le locuste per divorare il paese, o la pestilenza (2 Cronache 7:11-13), se il suo popolo si umilierà, pregherà, cercherà la sua faccia e si convertirà dalle sue vie malvagie, Dio lo esaudirò dal cielo, gli perdonerà i suoi peccati, e guarirà il suo paese. 
Dio promette di esaudire la preghiera, il perdono dei peccati, e la guarigione del paese (benedizione, pace e prosperità).
Questo è meraviglioso, ma ci sono delle condizioni. Il v. 14 ci parla dell'intensità e della sincerità con cui il popolo di Dio deve desiderare e cercare Dio. Dio non approva, non si fa trovare e benedice chi lo cerca con forme esteriori, con rituali formali (cfr. Isaia 1:10-15; Geremia 7:1-15; Amos 5:21-24; Michea 3:9-12).
Queste istruzioni servono a chiarire che il popolo di Dio deve andare al di là del ritualismo, del formalismo religioso.
In primo luogo vediamo che il popolo di Dio deve umiliarsi. 
Questo significa riconoscere il peccato e riconoscere la nostra dipendenza totale da Dio (2 Cronache 12:1, 6-7; 32:26; 33:12-20; Matteo 18:4; Giacomo 4:6,10; 1 Pietro 5:5-6).
In secondo luogo il popolo di Dio deve pregare. 
Questo termine generico è spesso associato per invocare Dio per chiedere aiuto nel momento del bisogno (2 Cronache 14:8-11; 18:31; 20:6-24; Efesini 6:18; Filippesi 4:6; 1 Tessalonicesi 5:17).
In terzo luogo il popolo di Dio deve cercare la faccia di Dio.
“Cercare” ha una connotazione di culto e di ricerca del favore di Dio con tutto il cuore ( 2 Cronache 11:16; 15:3-4,15;20:4).
Dio deve essere cercato e messo al primo posto (Matteo 6:33; Esodo 20:2-3).
In quarto luogo il popolo deve convertirsi dalle sue vie malvagie. 
La devozione a Dio deve essere dimostrata con una vita trasformata. La conversione è allontanarsi dal male e un atto di svolta verso qualcuno, in questo caso verso Dio (2 Cronache 15:4; 24:19; 30:6; Atti 3:19; 26:18-20). 
Noi possiamo trovare in questo versetto un ammonimento e incoraggiamento. Dio è severo verso il peccato e giudica i peccatori, ma nello stesso tempo se ci umiliamo davanti a Lui, se lo preghiamo, se cerchiamo la sua faccia sinceramente, se ci convertiamo veramente a Lui, c’è la Sua benedizione. 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La pecora smarrita (Luca 15:4-7).

La pecora smarrita (Luca 15:4-7)  Chiunque abbia perso qualcosa, sa quanto sia esasperante cercarla e non trovarla.  Ancora più esasperante è perdere la strada e l’indirizzo. Nicolas Bardyaev disse: “ Il problema dell'uomo deriva dal fatto che non solo ha perso la strada, ma ha perso l'indirizzo”. Questa parabola della pecora smarrita, ha catturato l'attenzione di molti artisti nel corso dei secoli. È chiaro che con la pecora perduta s’identifica il peccatore, mentre colui che la cerca, il pastore è Gesù Cristo.