Fai una donazione per il sito

Non sei da solo! (1 Corinzi 12:12-31)

 Non sei da solo! (1 Corinzi 12:12-31)

"L'unità nella diversità è l'essenza del corpo di Cristo". 


C’è mai stata una circostanza difficile che hai affrontato nella solitudine? Come ti sei sentito? 



Che cosa desideravi in quel momento?



Quali funzioni nella chiesa ritieni siano più importanti? Perché?

Sei più che vincitore! (Romani 8:28-39)

 Sei più che vincitore! (Romani 8:28-39)

“Nella creazione, Dio ci mostra la sua mano; nella salvezza, il suo cuore” (Anonimo)


Perché accadono cose brutte anche alle persone che non sono malvagie?



Perché alcune persone perdono la fede in Dio?



Perché i cristiani sono perseguitati?

Fidati dei progetti che il Signore ha per te (Geremia 29:1-14)

 Fidati dei progetti che il Signore ha per te (Geremia 29:1-14)

“La promessa di Dio non è mai fuori dai suoi pensieri” (William Gurnall)



Come reagisci a un’opinione quando ti sembra assurda?  



C’è stato nella tua vita un cambiamento di programma importante obbligato? Come hai reagito?



Che tipo di cose faresti se ti trasferissi in una nuova città e sei obbligato a viverci?



Osservare

A chi inviò una lettera il profeta Geremia mentre viveva a Gerusalemme? Dove si trovavano i suoi destinatari? (Geremia 29:1-2)



Da chi fu portata la lettera di Geremia? (Geremia 29:3)



Geremia, secondo la volontà di Dio, scrive enfaticamente qualcosa affinché i destinatari della lettera facessero particolarmente attenzione, è qualcosa che può sembrare rivoluzionario, anti patriottica e assurda. L'obiettivo del messaggio agli esiliati era di stabilirsi a Babilonia per un lungo soggiorno e vivere lì una vita normale; l'esilio non sarebbe stato breve. Quali comandi specifici il Signore diede agli esiliati? (Geremia 29:4-6)



Con quale nome di Dio si apre la lettera? Quale nome è specificato? (Geremia 29:4)



Le parole di Geremia sembravano ancora più rivoluzionarie, anti patriottiche e assurde. Che cosa voleva il Signore riguardo quei Giudei esiliati? Che cosa dovevano fare nel paese straniero in cui furono deportati? Per quale motivo? (Geremia 29:7)



Il Signore degli eserciti da una motivazione per cui dovevano comportarsi in un certo modo. Da chi dovevano stare attenti per non essere ingannati gli esiliati Giudei in Babilonia? (Geremia 29:8-9)



Geremia riporta un’altra dichiarazione del Signore che presenta una visione positiva del futuro. In questo modo quelli che erano in esilio potevano essere incoraggiati. Il Signore degli eserciti ha un progetto per gli esiliati. Dio è sovrano sulla storia degli uomini. Geremia fa una profezia, una promessa. Dopo quanto tempo Dio riporterà il Suo popolo nel loro paese in Giudea? (Geremia 29:10)



Sembrerebbe che quando Geremia scrisse questa lettera c’era molto risentimento contro il Signore e mancanza di fiducia, ora il Signore li vuole incoraggiare. Il ritorno a casa è motivato da che cosa? Qual era la natura dei piani di Dio per il Suo popolo? (Geremia 29:11)



Quali promesse troviamo del Signore per il Suo popolo? (Geremia 29:12-13)



Quale condizione viene sottolineata per le promesse? (Geremia 29:12-13)



Dio è sovrano su tutte le nazioni, nessuno può impedire il Suo disegno.  Nella Bibbia troviamo che le profezie di Dio si compiono.  Il Signore fa ancora una dichiarazione Cosa farà al Suo popolo? Che profezia e promessa troviamo? (Geremia 29:14)



Imparare

Gli esiliati non devono essere mal disposti verso la terra in cui si trovano, anche se vi sono stati portati con la forza. Dovevano cercare il bene della città dove Dio li aveva fatti deportare e pregare per essa, questa era davvero la parte più difficile delle istruzioni divine. Anche il Nuovo Testamento incoraggia a pregare per i nemici (cfr. Matteo 5:43–48; Romani 12:21; Tito 3:1–2; 1 Pietro 2:18). Qual è secondo te la reazione emotiva della maggior parte delle persone se si chiedesse di pregare per la prosperità dei loro nemici che li hanno deportato?



Il benessere della terra non doveva essere cercato solo con mezzi secolari. In modo preminente doveva avvenire mediante la preghiera. Come pensi che Dio vorrebbe che tu pregassi per la tua nazione?



Dio è “il Signore degli eserciti” significa che è onnipotente, che combatte per il Suo popolo usando il creato come Suo esercito, alla luce che i Giudei si trovano esiliati in terra nemica perché Geremia specifica questo nome? Che cosa significa per la tua vita?



I pensieri del Signore per il Suo popolo erano per il loro benessere e non per la loro sofferenza. Perché era importante che gli esiliati sapessero che Dio aveva intenzione di farli prosperare e non per la loro miseria, o avversità?



La rivelazione data da Geremia era rivoluzionaria e del tutto contrario a quello data dai falsi profeti di Babilonia, andava contro corrente, eppure Geremia non si tira indietro dall’annunciare la verità di Dio. Come puoi considerare questo nel tuo servizio per il Signore? 



L’accusa contro i falsi profeti è frequente nel libro di Geremia (Geremia 23:21, 32; 27:15; 28:15; 43:2). Il contenuto delle bugie non è specificato, forse non dovevano ricercare la pace (v.7) e quindi la sottomissione ai Babilonesi (Geremia 27:9, 28:11). Questo passo ci fa capire che non ci possiamo fidare di tutti quelli che parlano dicendo che provengono da Dio anche se ci dicono cose belle. La menzogna può sembrare bella e seducente. Come possiamo discernere un vero profeta mandato da Dio da un falso profeta? 



È molto importante cercare Dio, ma ancora più importante è come cercarlo. Perché Dio vuole che lo cerchiamo con tutto il cuore?



Cosa significa cercare Dio con tutto il tuo cuore?



Molte volte ciò che promettiamo non realizziamo portando così delusione agli altri, ma per il Signore della storia non è così. Nonostante le apparenze a volte possano sembrare contrarie, il Signore non negava loro la speranza per il futuro, anche se non l’avrebbe realizzata immediatamente, o nel prossimo futuro, certamente l’avrebbe realizzata. Cosa significa che le profezie e le promesse di Dio si realizzano?



Applicare

Come puoi imparare a discernere il falso dal vero profeta? Cosa puoi crescere in questo?



Per quale persona che pensi sia tuo nemico, puoi cominciare a pregare?



Quali promesse di Dio devi fare tue in questo momento della tua vita? 



Cosa suscita in te il fatto che si possa cercare e trovare Dio?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Blanchard, J. (2006). In The Complete Gathered Gold: A Treasury of Quotations for Christians. Webster, New York; Darlington, England: Evangelical Press.

Feinberg, C. L. (1986). Jeremiah. In F. E. Gaebelein (A C. Di), The Expositor’s Bible Commentary: Isaiah, Jeremiah, Lamentations, Ezekiel (Vol. 6). Grand Rapids, MI: Zondervan Publishing House.

Huey, F. B. (1993). Jeremiah, Lamentations (Vol. 16). Nashville: Broadman & Holman Publishers.

Keown, G. L. (1995). Jeremiah 26–52 (Vol. 27). Dallas: Word, Incorporated.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Mackay, J. L. (2004). Jeremiah: An Introduction and Commentary: Chapters 21–52 (Vol. 2). Fearn, Ross-shire, Scotland: Mentor.

Thompson, J. A. (1980). The Book of Jeremiah. Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.


Sii soddisfatto in Dio (Filippesi 4:10-20)

 Sii soddisfatto in Dio (Filippesi 4:10-20)

"La soddisfazione cristiana è quella cornice di spirito dolce, interiore, quieta e graziosa, che si sottomette liberamente e si diletta nella disposizione saggia e paterna di Dio in ogni condizione" (Jeremiah Burroughs)


Quali esperienze ti danno più soddisfazioni?



Quand'è stato l’ultima volta in cui ti sei sentito contento nel bel mezzo di problemi, o incertezze?



Come gestisci gli imprevisti della tua vita?

Umiliati davanti a Dio (1 Pietro 5:5-11)

 Umiliati davanti a Dio (1 Pietro 5:5-11)

“L'umiltà è l'inizio della vera intelligenza” (Giovanni Calvino)


Perché è difficile umiliarsi davanti a Dio?



Quali sono le tue maggiori preoccupazioni?



C’è stata una circostanza dove hai sperimentato una lotta spirituale contro il diavolo? Come hai reagito?



Le difficoltà e le sofferenze fanno parte della vita, perché fanno parte del piano di Dio?



Osservare

Perché i cristiani a cui scrisse Pietro, furono esortati a umiliarsi sotto la potente mano di Dio? (1 Pietro 5:5-6)



In che cosa consiste umiliarsi sotto la potente mano di Dio, cosa disse di fare Pietro ai suoi lettori con le loro preoccupazioni? (1 Pietro 5:7)



Quali esortazioni fa Pietro ancora ai suoi lettori? Perché? (1 Pietro 5:8)



Gli attacchi del diavolo erano, e sono un attacco per tutti i cristiani, quale deve essere la nostra reazione a questi attacchi? (1 Pietro 5:9)



Come viene chiamato Dio? (1 Pietro 5:10)



A che cosa sono stati chiamati i lettori a cui scrisse Pietro?  (1 Pietro 5:10)



La sofferenza è per breve tempo, dopo cosa farà il Signore nei cristiani? Quali promesse, o predizioni troviamo? (1 Pietro 5:10)



Pietro loda Dio, che cosa dice? (1 Pietro 5:11)



Imparare

Perché Pietro esorta a umiliarsi sotto la potente mano di Dio? 



“Umiliatevi” significa riconoscere la sovranità di Dio che ha tutto sotto controllo, anche le difficoltà, significa avere un atteggiamento di dipendenza da Dio e sottomissione fiduciosa alla Sua cura e alla Sua protezione.  Perché essere umili davanti a Dio è difficile?



La potente mano di Dio, che c’innalza a suo tempo si riferisce alla liberazione dalla difficoltà, o dalla sofferenza, la mano potente di Dio è la Sua azione onnipotente, quindi irresistibile ed efficace. È stata la mano di Dio che ha liberato Israele dall'Egitto (per esempio, Esodo 3:19; 6:1; 13:3, 9, 14, 16; Deuteronomio 9:26, 29; 26:8; Geremia 21:5; Ezechiele 20: 33-34), quale incoraggiamento trovi nella potente mano di Dio?



Dio non c’innalza, cioè interviene, e quindi ci libera, sempre quando noi vogliamo, ma quando avviene è il momento giusto, il tempo stabilito secondo la volontà di Dio. Cosa significa per te?



La preoccupazione eccessiva, l’ansia ha un effetto debilitante sulla nostra vita e deriva dalla nostra perdita di fiducia e sicurezza. Nella certezza che il Dio di ogni grazia si prende cura di te ed è potente e interviene nel momento giusto, come puoi considerare le tue preoccupazioni?



“Gettare su Dio ogni preoccupazione” descrive un atto deliberato, è un’immagine molto particolare, indica l'atto di esercitare uno sforzo per lanciare via qualcosa lontano da noi stessi, in questo caso le preoccupazioni. Come puoi gettare le tue preoccupazioni sul Signore?



C’è una lotta spirituale tra il diavolo e Dio e quelli che gli appartengono. Pietro ci esorta a essere sobri e vigili, vale a dire a stare in guardia, a stare molto attenti a non lasciarci ingannare dal diavolo che cerca di “divorare”, cioè di annientare, o portare alla rovina spirituale, distruggere la fede, indurre i credenti ad allontanarsi dal Signore. Quali mezzi usa il diavolo per “divorare” i cristiani?



"Resistere" significa “prendere posizione contro”, come dovresti resistere al diavolo?



I cristiani soffrono, ma non devono temere la sofferenza, sapendo che nulla può separarli dall'amore di Cristo (Romani 8:31–39). Sapendo che Colui che serviamo è il Dio di ogni grazia che ci ha chiamati alla Sua gloria eterna in Cristo, cioè nella esaltata e beata perfezione con Dio in cielo (Luca 24:26; Giovanni 17:5, 24; Filippesi 3:20-21; 1 Timoteo 3:16; 2 Timoteo 2:10; 1 Pietro 1:3-5; 5:1), e sapendo che la sofferenza è per breve tempo, e poi Dio poi ci farà crescere, come cambia la tua prospettiva verso di essa e il Signore?



Pietro conclude riconoscendo la potenza di Dio che è eterna, quale significato ha in questo contesto della lotta spirituale contro il diavolo?



Applicare

Quali preoccupazioni getterai oggi su Dio?



Come puoi incoraggiare un fratello in fede che sta lottando contro il diavolo?



Per quali motivi puoi adorare e lodare Dio?



Bibliografia

Abbott-Smith, G. (1922). A Manual Greek Lexicon of the New Testament. New York: Charles Scribner’s Sons.

Abernathy, D. (2008). An Exegetical Summary of 1 Peter (2nd ed.). Dallas, TX: SIL International.

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Davids, P. H. (1990). The First Epistle of Peter. Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

MacArthur, J. F., Jr. (2004). 1 Peter. Chicago: Moody Publishers.

Woods, G. N. (1991). W7-3267 GAC - Peter, John, Jude. WORDsearch.

Zodhiates, S. (2000). The complete word study dictionary: New Testament (electronic ed.). Chattanooga, TN: AMG Publishers.


Trova ristoro nel Signore (Salmo 23)

 Trova ristoro nel Signore (Salmo 23)

“Desidero sostenere la mia ferma convinzione secondo cui l’unica cosa di cui dobbiamo aver paura è la paura stessa” (Franklin Delano Roosevelt).


Di che cosa, o quando si ha paura?



Che cosa di solito si dà per scontato?



Che cosa si desidera più della pace?



Osservare

Spera in Dio! Isaia 40:12-31

 Spera in Dio! Isaia 40:12-31

“La speranza può vedere il cielo attraverso le nuvole più spesse” (Thomas Brooks)


Quanto pensi alle grandezze di questo mondo quali immagini ti vengono in mente?



Quanto pensi alla saggezza e alla giustizia di questo mondo a che cosa pensi?



Dove e come le persone cercano speranza?

Trova conforto in Dio! (Isaia 40:1-11)

 Trova conforto in Dio! (Isaia 40:1-11)

“Un uomo deve riposare interamente su Dio, in modo che non abbia bisogno di cercare molto conforto nelle mani degli uomini” (Tommaso da Kempis).


In che modo, secondo te, le persone si consolano per le difficoltà della vita?



Qual è uno dei messaggi più confortanti che hai mai ricevuto da un cristiano?



C’è stato qualcosa che ti ha fatto capire quanto l’umanità sia fragile?

Salmo 14:5-7: L’immanenza di Dio

Salmo 14:5-7: L’immanenza di Dio. 

In questi versetti vediamo l’immanenza di Dio.

Tradizionalmente, nella teologia cristiana, l'immanenza di Dio indica l'essere, o l'agire di Dio all'interno dell'umanità, o nel mondo, in contrasto con la trascendenza di Dio, che denota il Suo essere al di là, o al di sopra dell'umanità, o del mondo.

Ma l’uno non contraddice l’altro perché Dio è nello stesso tempo trascendente e immanente.

Martin Robinson dice: “Dio non è solo al di sopra della creazione, è anche potente in essa”.

Gesù guarisce un uomo cieco (Giovanni 9:1-12)

 Gesù guarisce un uomo cieco (Giovanni 9:1-12)

“Non chiediamo al Signore ricchezze ingannevoli, né cose buone di questo mondo, né onori transitori; ma chiediamo luce”. (Gregorio Nazianzeno)


Cosa pensi quando vedi una persona disabile? 



Essere ciechi è una brutta condizione, in che modo influenzerebbe la tua vita? 



Osservare

Probabilmente Gesù è ancora a Gerusalemme, dopo la festa delle capanne, mentre camminano insieme, Gesù e i discepoli videro un uomo cieco, da quanto tempo l'uomo era cieco? (Giovanni 9:1)


 

Che cosa chiesero i discepoli a Gesù riguardo la condizione del cieco? (Giovanni 9:2) 



A volte c’è un collegamento tra sofferenza e peccato personale (Numeri 12; 2 Cronache 26:16-21; Giovanni 5:14; 1 Corinzi 11:30), o causa dei genitori (Esodo 20:5; Numeri 14:18; Deuteronomio 5:9), ma riguardo questo cieco, perché era nato così? (Giovanni 9:3) 



Le parole “bisogna” e “mentre è giorno” hanno un senso di urgenza (Giovanni 7:33; 11:9-10; 12:35; 13:33), questo indica che il crepuscolo del suo ministero stava iniziando e il buio sarebbe presto arrivato (Matteo 16:21; Marco 8:31; Luca 9:22), cosa disse Gesù che doveva fare “mentre è giorno”? Qual era il Suo scopo, la Sua missione? (Giovanni 9:4)



Che cosa disse Gesù di essere? (Giovanni 9:5) 



Quale iniziativa prese Gesù, cosa fece, cosa mise Gesù sugli occhi del cieco? (Giovanni 9:6) 



Vediamo l’obbedienza del cieco, che cosa gli disse Gesù di fare e cosa è accaduto al cieco? (Giovanni 9:7) 



Come reagirono i vicini del cieco alla sua nuova condizione? (Giovanni 9:8-9) 



Quale domanda gli fecero i vicini del cieco? (Giovanni 9:10) 



Come rispose il cieco alla domanda dei suoi vicini? (Giovanni 9:11)


 

Cosa volevano sapere i vicini dell'uomo? (Giovanni 9:12) 



Imparare

In che modo i nostri peccati ci possono influenzare fisicamente o emotivamente? 



Gesù non è stato l’unico a vedere il cieco, anche i discepoli lo hanno visto, ma lo vedono diversamente! Perché non è giusto giudicare la sofferenza degli altri?



Anche se Dio non ti ha dato il potere per guarire gli altri, l’azione di Gesù verso il cieco che cosa t’insegna a fare verso i bisognosi?


 

Quale altro esempio ti lascia Gesù nella Sua relazione con Dio che lo ha mandato sulla terra?



La cecità fisica ci ricorda un altro tipo di cecità. Di quale cecità si tratta? (Isaia 49:6; Giovanni 3:19-20; 8:12, Atti 13:47; 26:18). Sei stato guarito da questa cecità?



Anche se il cieco ha avuto una fede obbediente, l’iniziativa di guarire quell’uomo è stata di Gesù? Che cosa mostra questa azione di Gesù?



Cosa significa che Gesù è la luce del mondo?



Anche se è difficile, perché a nessuno piace soffrire, oltre a chiedere la guarigione, che cosa dovremmo chiedere a Dio? Che opportunità può darci la sofferenza?


Applicare

Come potresti glorificare Dio per la situazione che stai vivendo?



Guardandoti in giro, chi e come potresti aiutare chi è nel bisogno fisicamente?



Cosa puoi fare per chi è cieco spiritualmente?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Culpepper, R. A. (2015). Exegetical Perspective. In C. A. Jarvis & E. E. Johnson (A C. Di), Feasting on the Gospels: John (First edition, Vol. 1). Louisville, KY: Westminster John Knox Press. 

http://christian-quotes.ochristian.com/

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Riposati in Cristo! (Matteo 11:25-30)

 Riposati in Cristo! (Matteo 11:25-30)

“L'ansia è una parola di incredulità o di terrore irragionevole. Non abbiamo il diritto di consentirlo. La piena fede in Dio la mette a riposo” (Horace Bushnell)


Se tu avessi qualche giorno di vacanza per ricaricare le “batterie” fisiche ed emotive, dove andresti a riposarti e a rinvigorirti?



Che tipo di attività ti svuota completamente emotivamente e fisicamente?



Perché molti cristiani sono logorati ed esausti?

Rifocalizza Dio! (Salmo 73:1-28)

 Rifocalizza Dio! (Salmo 73:1-28)

“Quando iniziamo a concentrarci su Dio, le cose dello spirito prenderanno forma davanti ai nostri occhi interiori” (A.W.Tozer).


Hai mai avuto dubbi inquietanti? 



Che cosa ti amareggia di più?



Chi invidi di più e che cosa invidi di questa persona?



Chi sono le persone che prosperano di più nella società?



Qual è la persona, o la cosa più desiderabile sulla terra?

Si grato al Signore! (Salmi 103:1-22)

 Si grato al Signore! (Salmi 103:1-22)

“I cristiani dovrebbero avere un atteggiamento di gratitudine” (Stuart Briscoe)


C’è sempre il pericolo di dimenticare. Che cosa dobbiamo fare per ricordare?



Perché molte persone non sono grate?



Quali pensi siano le cose più importanti della vita?



Quali sono i beni più fragili che curi e proteggi di più?



Osservare

Quale esortazione introduce e conclude il salmo? (Salmo 103:1-2, 20-22)



Qual è il punto centrale di questo salmo? (Salmo 103:1-22)



Di quali benefici del Signore parla l’autore? (Salmo 103:3-13,17-18)



Quali immagini ha usato lo scrittore del salmo? (Salmo 103:4-5, 11-16)



Il salmista parla del regno di Dio, quali caratteristiche troviamo a riguardo? (Salmo 103:6, 19)



Come reagisce il Signore alla peccaminosità delle persone? (Salmo 103:8-10)



Come vengono illustrati la bontà e il perdono di Dio? (Salmo 103:11-13)



In che modo Dio dimostra la Sua pietà al Suo popolo? (Salmo 103:8-18)



A chi il Signore dà le sue benedizioni? (Salmo 103:6-7,13,17-18)



Qual è la natura dell’umanità? Perché lo scrittore del salmo paragona l’umanità all'erba e ai fiori dei campi? (Salmo 103:14-16)



Imparare

Perché il salmista inizia richiamando la propria anima a benedire il Signore?



Quali aspetti del carattere di Dio impariamo da questo salmo?



Cosa possiamo imparare da questo salmo su noi stessi?



Cosa dovremmo imitare dell’autore del salmo?



In che modo la visione cristiana delle persone è diversa da quella secolare?



Cosa significa essere grati e come possiamo coltivare la gratitudine verso il Signore?



Cosa significa essere umili e come possiamo coltivare questo atteggiamento?



Il timore del Signore è la riverenza praticata nella fiducia e nell'obbedienza, come può crescere in noi questo timore?



Come possiamo sperimentare Dio nella nostra vita? In che modo Dio si fa conoscere da noi?



Come ti ha dimostrato Dio la Sua compassione?



Quali benedizioni del Signore hai ricevuto?



Cosa possiamo imparare da questo salmo su come lodare il Signore?



Applicare

Siamo chiamati a essere grati al Signore sinceramente e non per i nostri interessi, ma la preghiera di gratitudine fa bene anche per le nostre ansie, perché ci concentriamo sul carattere e le opere di Dio. Per che cosa oggi puoi essere grato al Signore?



Come puoi impedire a te stesso di avere un atteggiamento orgoglioso questa settimana?



Quali passi specifici potresti fare per ricordare il carattere, i benefici e gli insegnamenti del Signore?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Blanchard, J. (2006). In The Complete Gathered Gold: A Treasury of Quotations for Christians. Webster, New York; Darlington, England: Evangelical Press.

Grant, J. A. (2018). Psalms 90–106. In T. Muck (A C. Di), Psalms (Vol. 2). Grand Rapids, MI: Zondervan.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Kidner, D. (1975). Psalms 73–150: An Introduction and Commentary (Vol. 16). Downers Grove, IL: InterVarsity Press.

Mays, J. L. (1994). Psalms. Louisville, KY: John Knox Press.

VanGemeren, W. A. (2008). Psalms. In T. Longman III & D. E. Garland (A C. Di), The Expositor’s Bible Commentary: Psalms (Revised Edition) (Vol. 5). Grand Rapids, MI: Zondervan.


Cerca la pace (Filippesi 4:4-9)

 Cerca la pace (Filippesi 4:4-9)

“La pace è il sorriso di Dio riflesso nell'anima del credente”. (William Hendriksen)


Come reagisci quando le cose non sono, o non vanno come vuoi tu?


Cosa fai per avere la pace interiore?



Osservare

Paolo esorta i Filippesi a fare che cosa? (Filippesi 4: 4)



Quale caratteristica dovevano avere i Filippesi? (Filippesi 4: 5)



“Il Signore è vicino” può avere un senso temporale, cioè che Gesù sta per ritornare e sia in senso spaziale, cioè è vicino a noi con la Sua presenza, secondo te, come potrebbe influire nella tua vita riguardo la pace interiore e quindi l’ansia? (Filippesi 4:5)



Cosa disse Paolo dell'ansia? (Filippesi 4: 6-7)



Cosa dovevano fare i Filippesi per non essere ansiosi? (Filippesi 4:6-7)



Come può un credente avere la pace di Dio? (Filippesi 4:6-7)



Il v.8 è un ulteriore esortazione di Paolo, rende chiaro che una vita cristiana fedele richiede il compimento di tutte le virtù cristiane, non solo una. C'è una stretta connessione con il ragionamento precedente riguardo la pace, Paolo fa un elenco, che cosa esorta ed enfatizza specificatamente?  (Filippesi 4:8)



“Siano oggetto dei vostri pensieri” (logizesthe – presente imperativo medio) indica un impegno quotidiano, significa più di un semplice pensare, significa considerare, tenere conto, prestare molta attenzione, lasciare che la mente si soffermi, essere concentrati, focalizzare continuamente le menti, ora su che cosa si dovevano concentrare i Filippesi? Specifica l’elenco. (Filippesi 4:8).



La concentrazione della nostra mente su pensieri virtuosi e lodevoli deve portare all’azione! Quale esortazione finale di Paolo troviamo ancora? (Filippesi 4: 9)



Quale sarà la conseguenza, o la promessa per coloro che mettono in pratica l’insegnamento di Paolo? (Filippesi 4: 9)



Imparare

Come possiamo avere la pace interiore di Dio ogni giorno?



Perché pensi che sia importante avere pensieri virtuosi e lodevoli? Come si possono avere secondo te?



Cosa significa vivere uno stile di vita virtuoso?



In quali settori della tua vita devi seguire l'esempio di Paolo? Su che cosa ti senti mancante?



Perché secondo te Paolo dice: “Siano oggetto dei vostri pensieri”.



Applicare

Cosa puoi fare oggi per ridurre il tuo livello di ansia?



Come puoi capire e conoscere nello specifico l’elenco che fa Paolo delle virtù cristiane? 



Quali aspetti del tuo carattere e del comportamento devi rivedere per mettere in pratica gli aspetti delle virtù cristiane?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.


Blanchard, J. (2006). In The Complete Gathered Gold: A Treasury of Quotations for Christians. Webster, New York; Darlington, England: Evangelical Press.


Fee, G. D. (1995). Paul’s Letter to the Philippians. Grand Rapids, MI: Wm.B. Eerdmans Publishing Co.


Greenlee, J. H. (2008). An Exegetical Summary of Philippians (2nd ed.). Dallas, TX: SIL International.


Hawthorne, G. F. (2004). Philippians (Vol. 43). Dallas: Word, Incorporated.


La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.


O’Brien, P. T. (1991). The Epistle to the Philippians: a commentary on the Greek text. Grand Rapids, MI: Eerdmans.

Non dubitare! (Matteo 14:22-33)

 Non dubitare!  (Matteo 14:22-33)

Paul Tournier affermava: “La fede non è un riparo contro le difficoltà, ma credere di fronte a tutte le contraddizioni”. 


Qual è l'esperienza più brutta che hai avuto nella tua vita?



Qual è l'esperienza più bella che hai avuto?



In che modo le tue esperienze pensi siano state formative per la tua vita per la provvidenza di Dio?


Non essere ansioso! (Matteo 6:25-34)

Non essere ansioso! (Matteo 6:25-34)


“L'ansia non ti rafforza mai per il domani; ti indebolisce solo per oggi” (John Blanchard).



 Elenca le tue tre prime ansie?


 

Perché si è ansiosi secondo te?

Giovanni 4:1-6: I movimenti di Gesù

  Giovanni 4:1-6: I movimenti di Gesù  In Giovanni 4 il regno di Dio si diffonde oltre i confini della Giudea, in Samaria.  Nel capitolo pre...

Post più popolari dell'ultima settimana