Fai una donazione per il sito

Aggeo 1:5-8: L’esortazione alla riflessione.

Aggeo 1:5-8: L’esortazione alla riflessione. 
Robert G. Morgan racconta: “Per qualche strana ragione, i suoi genitori gli assegnarono il nome improbabile di Handley Carr Glyn Moule. I suoi amici, tuttavia, lo chiamavano "vescovo", perché era diventato uno dei più rispettati uomini di chiesa d'Inghilterra. La sua conversione a Cristo avvenne all'età di 25 anni, durante il periodo natalizio del 1866. Scrivendo a suo padre, disse: ‘In questa vacanza natalizia, dopo molte miserie mentali, ho potuto trovare e accettare il perdono e la pace attraverso la soddisfazione del Redentore, come non avevo mai fatto prima’.
Tuttavia alcuni anni dopo, quando entrò nel ministero, si sentì spiritualmente inadatto. Scrivendo di nuovo a suo padre, disse: ‘Sento tristemente il bisogno di una grazia decuplicata prima di poter sperare di essere, o un cristiano molto felice, o - come ministro di Gesù Cristo - molto utile’.
Continuò nel ministero, ma la sensazione di impotenza aumentò. Sua madre gli scrisse di essere pieno

Salmo 1:4-6: La via degli empi.

Salmo 1:4-6: La via degli empi.
Il versetto 4 passa bruscamente dalla benedizione dei giusti, alla punizione degli empi.

Nella precedente predicazione abbiamo visto la via del giusto, del devoto.

Il devoto è l'uomo benedetto che conduce una vita incontaminata e prospera in conformità con la Parola del Signore.

L’empio, invece, non è beato, è la persona che vive senza Dio, è moralmente corrotto, sarà condannato e dannato per sempre! 

Anche se gli empi possono avere successo nei loro progetti malvagi (Salmo 37:7), un giorno saranno condannati da Dio!!

Salmo 1:1-3: La via del devoto.


Salmo 1:1-3: La via del devoto.
Dante Alighieri inizia la divina commedia con queste parole:
“Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita”.

Invece Charles H. Spurgeon ci ricorda: “Camminate con Dio, e voi non potete sbagliare strada, voi avete un’infallibile sapienza a dirigervi, permanente amore a confortarvi ed eterna potenza a difendervi”.
  
Sappiamo che ci sono molte strade diverse per ogni persona, una serie di scelte che stanno davanti a noi: la scelta della scuola, del lavoro, con chi sposarsi e così via. 

ORA LE SCELTE SEGNANO IL NOSTRO DESTINO: IN BASE A CIÒ CHE SCEGLIAMO FAREMO E SAREMO! 

CIÒ CHE SCEGLIAMO DETERMINERÀ LA NOSTRA VITA!

La stessa cosa vale per la nostra vita spirituale presente e futura.

Per la Bibbia, la vita è un viaggio che offre solo due strade!

Infatti in questo salmo vediamo alla fine che ci sono due tipi di scelte: la via dell’alto e la via del basso, del cielo e della terra!

La nostra vita deve essere vissuta secondo la legge del Signore nonostante siamo circondati dagli empi!

Il Salmo 1 parla di due persone, di due vie e dei loro destini: la via della benedizione e la via della maledizione, la via della salvezza e la via della morte eterna: l’inferno.

Vediamo che i giusti sono beati in quanto non si compromettono con gli inganni e le contaminazioni di questo mondo malvagio, ma si dilettano nella Parola di Dio e prospereranno. 
Invece, l’empio perirà.
Allora questo salmo “commenta come funziona la vita, in modo tale da costituire una promessa e un'implicita esortazione”.                    
(John Goldingay).

Il Salmo 1 c’introduce al modo in cui possiamo trovare la felicità.

Questo salmo è stato scritto per insegnarci ciò che conta veramente nella vita.

Questo salmo è come una prefazione per tutti gli altri salmi che seguiranno.

Da una parte come scrive James L. Mays: “La sua posizione come primo salmo non è casuale; il salmo è lì per invitarci a leggere e usare l'intero libro come guida per una vita beata”.

Invece lo studioso Walter Brueggemann sottolinea che la sua posizione iniziale dimostra che “le preghiere del Salterio sono fondate e dipendono dalla pietà e dall'obbedienza”.
E ancora sempre Brueggemann parlando del significato del Salmo 1 come poema iniziale osserva: "Trovandosi proprio a all'inizio del Salterio, questo salmo vuole farci capire che tutti i salmi debbano essere letti attraverso la lente dell’obbedienza alla Torah". 

Il Salmo 1 chiama i fedeli all’obbedienza! 

Oggi considereremo la via del giusto, la via del devoto.

Matteo 11:29: Le motivazioni a prendere il giogo di Gesù.

Matteo 11:29: Le motivazioni a prendere il giogo di Gesù.
“Perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre”.

Gesù precedentemente aveva esortato a prendere il Suo giogo, cioè  a camminare con Lui e a servirlo fedelmente seguendo i Suoi insegnamenti con il Suo aiuto. Ora spiega perché dobbiamo prendere il giogo di Gesù e imparare da Lui? Due sono i motivi: perché è mansueto e umile di cuore. Troviamo un contrasto tra il carattere dei farisei e quello di Gesù. Gesù, a differenza degli scribi e dei farisei che annullavano la Parola di Dio con le loro tradizioni (per esempio Matteo 15:1-9;23), si sottomette alla legge di Dio (Matteo 5:17-19), è mansueto e umile. Inoltre i farisei, e anche oggi erano maestri arroganti, duri, cattivi e crudeli, ma Gesù è mansueto e umile di cuore.

Matteo 11:29: I comandi di Gesù che danno riposo.

Matteo 11:29: I comandi di Gesù che danno riposo.
“Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me”.

Come mai, nonostante il rapporto con Gesù Cristo, sia intensamente attraente e desiderabile, molte persone, anche cristiani, hanno difficoltà a relazionare con Lui? “La  vita abbondante” (Giovanni 10:10), promessa da Gesù, per queste persone è lontana! Così, anche se desiderano questo rapporto con Gesù, sono scoraggiati e depressi spiritualmente parlando. Perché avviene questo nonostante tutte le buone intenzioni e gli sforzi? Avviene perché non abbiamo capito, o non pratichiamo il segreto della vita cristiana. Non basta avere volontà, o essere sinceri, o seguire tutte le discipline spirituali (come la preghiera, il digiuno, la meditazione della Bibbia, ecc.), ciò che è importante è prendere il giogo di Gesù e imparare da Lui.

1 Samuele 4:22: La gloria si è allontanata da Israele

 1 Samuele 4:22: La gloria si è allontanata da Israele “La gloria si è allontanata da Israele, perché l'arca di Dio è stata presa”. Ques...

Post più popolari dell'ultima settimana