Passa ai contenuti principali

Luca 1:6-7: Giusti anche nelle prove.

Luca 1:6-7: Giusti anche nelle prove.
Erano entrambi giusti davanti a Dio e osservavano in modo irreprensibile tutti i comandamenti e i precetti del Signore.  Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile, ed erano tutti e due in età avanzata.

Per Zaccaria ed Elisabetta, umanamente parlando era impossibile avere figli: Elisabetta era sterile, ed entrambi erano vecchi.
La loro condizione era difficile da capire perché si riteneva che Dio avrebbe benedetto i suoi servi fedeli dando loro dei bambini (Deuteronomio 7:14; Salmo 127:3-4; 128). Questo significava per la mentalità di allora che Dio li aveva privati della Sua benedizione ed era una cosa vergognosa non averli (Luca 1:24-25; cfr. 1 Samuele 1:5-6; 2 Samuele 6:23). Ma loro erano fedeli! Quindi la loro mancanza di figli non era un castigo di Dio! Non era il risultato di un peccato, non era la conseguenza della maledizione di Dio (Deuteronomio 28:15,18). 
Noi possiamo fare alcune considerazioni per la nostra vita.
Dio a volte ci fa toccare il fondo, affinché manifesti a noi la Sua potenza e grazia per la Sua gloria.
L’accenno al fatto che erano entrambi in età avanzata, serve a dimostrare che la loro circostanza di avere figli era impossibile, quindi serve a mostrare la potenza e la grazia di Dio che si manifesta in loro come al cieco che Gesù guarirà (Giovanni 9:3). Ma loro per la potenza e la grazia di Dio ebbero un figlio: Giovanni (Battista).  
Luca dicendo che erano vecchi ed Elisabetta era sterile, vuole sottolineare  e indicare che dobbiamo aspettarci grandi cose dalla mano di Dio: come il dare un figlio a una donna sterile e a una coppia di età avanzata! Un nuovo grande periodo inizia per la grazia di Dio in questa coppia fedele e attraverso di loro con il figlio Giovanni l’araldo del Messia!
Noi vediamo nella vita di ogni cristiano la consuetudine della prova.
I giusti non sono esenti dalle prove, dalle afflizioni, dalle sofferenze (Salmo 34:19; cfr. Giovanni 16:33; Atti 14:22; Giacomo 1:2-4). Se noi vediamo per esempio la vita di Paolo, lui ha patito molte afflizioni com’è descritto per esempio nelle lettere ai Corinzi (1 Corinzi 4:9-13; 2 Corinzi 6:5-10; 11:16-32).
A volte Dio ci fa soffrire per disciplinarci (Deuteronomio 8:3-5; Ebrei 12:5-11), ma non è sempre così, come in questo caso, nella vita di questa coppia. Dio ha avuto qualcosa di speciale. Dio stava preparando qualcosa di grande: da loro sarebbe uscito l’araldo del Signore!
Quando siamo provati, ricordiamoci che Dio ha dei progetti, possiamo essere suoi strumenti per realizzarli al momento giusto, di sicuro ha in serbo per noi benedizioni come la maturità spirituale (Romani 8:28-29; Giacomo 1:2-4).
Noi vediamo la condotta nella prova.
Nonostante la prova, man mano che gli anni avanzavano, la loro speranza di avere figli diminuiva e la vergogna (di non avere figli) si faceva sempre più pesante (cfr. Luca 1:24-25), Zaccaria ed Elisabetta rimaneva fedeli al Signore!
Non si lamentarono, non mormorarono contro Dio, non lo abbandonarono, ma sono rimasti fedeli a Dio. Così anche noi sotto pressione dobbiamo rimanere fedeli al Signore senza lamentarci. 

Post popolari in questo blog

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…