Passa ai contenuti principali

Luca 1:6-7: Giusti anche nelle prove.

Luca 1:6-7: Giusti anche nelle prove.
Erano entrambi giusti davanti a Dio e osservavano in modo irreprensibile tutti i comandamenti e i precetti del Signore.  Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile, ed erano tutti e due in età avanzata.

Per Zaccaria ed Elisabetta, umanamente parlando era impossibile avere figli: Elisabetta era sterile, ed entrambi erano vecchi.
La loro condizione era difficile da capire perché si riteneva che Dio avrebbe benedetto i suoi servi fedeli dando loro dei bambini (Deuteronomio 7:14; Salmo 127:3-4; 128). Questo significava per la mentalità di allora che Dio li aveva privati della Sua benedizione ed era una cosa vergognosa non averli (Luca 1:24-25; cfr. 1 Samuele 1:5-6; 2 Samuele 6:23). Ma loro erano fedeli! Quindi la loro mancanza di figli non era un castigo di Dio! Non era il risultato di un peccato, non era la conseguenza della maledizione di Dio (Deuteronomio 28:15,18). 
Noi possiamo fare alcune considerazioni per la nostra vita.
Dio a volte ci fa toccare il fondo, affinché manifesti a noi la Sua potenza e grazia per la Sua gloria.
L’accenno al fatto che erano entrambi in età avanzata, serve a dimostrare che la loro circostanza di avere figli era impossibile, quindi serve a mostrare la potenza e la grazia di Dio che si manifesta in loro come al cieco che Gesù guarirà (Giovanni 9:3). Ma loro per la potenza e la grazia di Dio ebbero un figlio: Giovanni (Battista).  
Luca dicendo che erano vecchi ed Elisabetta era sterile, vuole sottolineare  e indicare che dobbiamo aspettarci grandi cose dalla mano di Dio: come il dare un figlio a una donna sterile e a una coppia di età avanzata! Un nuovo grande periodo inizia per la grazia di Dio in questa coppia fedele e attraverso di loro con il figlio Giovanni l’araldo del Messia!
Noi vediamo nella vita di ogni cristiano la consuetudine della prova.
I giusti non sono esenti dalle prove, dalle afflizioni, dalle sofferenze (Salmo 34:19; cfr. Giovanni 16:33; Atti 14:22; Giacomo 1:2-4). Se noi vediamo per esempio la vita di Paolo, lui ha patito molte afflizioni com’è descritto per esempio nelle lettere ai Corinzi (1 Corinzi 4:9-13; 2 Corinzi 6:5-10; 11:16-32).
A volte Dio ci fa soffrire per disciplinarci (Deuteronomio 8:3-5; Ebrei 12:5-11), ma non è sempre così, come in questo caso, nella vita di questa coppia. Dio ha avuto qualcosa di speciale. Dio stava preparando qualcosa di grande: da loro sarebbe uscito l’araldo del Signore!
Quando siamo provati, ricordiamoci che Dio ha dei progetti, possiamo essere suoi strumenti per realizzarli al momento giusto, di sicuro ha in serbo per noi benedizioni come la maturità spirituale (Romani 8:28-29; Giacomo 1:2-4).
Noi vediamo la condotta nella prova.
Nonostante la prova, man mano che gli anni avanzavano, la loro speranza di avere figli diminuiva e la vergogna (di non avere figli) si faceva sempre più pesante (cfr. Luca 1:24-25), Zaccaria ed Elisabetta rimaneva fedeli al Signore!
Non si lamentarono, non mormorarono contro Dio, non lo abbandonarono, ma sono rimasti fedeli a Dio. Così anche noi sotto pressione dobbiamo rimanere fedeli al Signore senza lamentarci. 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: