Passa ai contenuti principali

Luca 1:5: Dio è all’opera nei momenti più bui!

Luca 1:5: Dio è all'opera nei momenti più bui!
Al tempo di Erode, re della Giudea, c'era un sacerdote di nome Zaccaria, del turno di Abìa; sua moglie era discendente d'Aaronne e si chiamava Elisabetta.  

Giovanni Battista ha un posto speciale nel piano di Dio, la sua entrata in scena nel mondo è stato un evento molto significativo, è stato un punto di svolta (Luca 16:16). Giovanni nacque nel periodo di Erode, re della Giudea.
Erode era un uomo crudele e paranoico (Matteo 2:16-17) e doppio nei rapporti (Matteo 2:1-12). Egli non ha esitato a uccidere con mezzi violenti, o con avvelenamenti, pur di raggiungere i suoi scopi. Uccise i suoi concorrenti, i suoi nemici e un certo numero di Ebrei ricchi, confiscò le loro ricchezze per i propri forzieri. 
I suoi molti matrimoni (dieci mogli) portarono a una discordia interna e alla lotta per il suo trono. Per evitare che i suoi figli macchinassero contro di lui per succedergli al trono, Erode uccise almeno tre di loro: Alessandro, Aristobulo e Antipatro, e due delle sue mogli.
Nei momenti più bui e difficili Dio fa una grande opera Dio, si compiace di mostrare la Sua potenza anche nella più difficile delle situazioni, anzi in queste circostanze la Sua potenza è messa più in evidenza! Dio non è limitato dalle circostanze, dai tempi bui, dalle grandi difficoltà, Dio è il Sovrano Onnipotente, è non è incatenato, impotente, confuso, preso dal panico e non sa cosa fare! Dio non è un re frustrato!
Dio porta avanti i Suoi progetti e nessuno gli impedirà portarli a compimento! (Salmo 33:10-11; cfr. Isaia 46:10; Daniele 4:34-35).
L’espressione “Al tempo” (avvenne in quei giorni- egeneto en tais hēmerais) evoca l’inizio di una serie di libri profetici dell’Antico Testamento, quindi il periodo biblico dei re di Giuda (cfr. Isaia 1:1; Geremia 1:2-3; Osea 1:1; Amos 1:1; Michea 1:1; Sofonia 1:1), le opere di Dio in quel contesto, e suggerisce la continuità di questa narrazione con la storia in corso dei rapporti di Dio con Israele. 
Dio è l’Iddio della storia che guida la storia secondo i Suoi progetti. A volte non riusciamo a capirli (Isaia 55:8-10; Romani 11:33-34), ma tutto tornerà alla sua gloria (Romani 11:36).
Dio stava guidando la storia, anche in quel periodo buio, secondo il Suo piano di salvezza in Gesù Cristo (Atti 4:27-28). I racconti della nascita di Giovanni e di Gesù (Luca 1:5-56) sono paralleli e mostrano come gli eventi salvifici sono stati avviati secondo la volontà e l'azione di Dio.  
Non dimentichiamo, dunque che Dio non è più debole delle circostanze e quindi limitato da queste. Dio è più grande di qualsiasi circostanza, di qualsiasi difficoltà, di qualsiasi Erode. Egli si compiace di fare grandi opere quando le condizioni sono peggiori in modo che la sua potenza sarà meglio vista, o riconosciuta e onorata. Che incoraggiamento! Quando ci troviamo: “nei giorni di Erode”, non dobbiamo dubitare che Dio è in controllo di tutto e sta operando grandi cose, per realizzare i Suoi progetti, aspettiamoci che mostri la Sua potenza!

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: