Passa ai contenuti principali

Giudici 3:9: Dio è un Dio di grazia!

 Giudici 3:9: Dio è un Dio di grazia!
Poi i figli d'Israele gridarono al SIGNORE e il SIGNORE fece sorgere per loro un liberatore: Otniel, figlio di Chenaz, fratello minore di Caleb; ed egli li liberò.

Il popolo d’Israele peccò contro Dio, lo dimenticò, dimenticò Colui che li aveva reso tante volte vittorioso e servì gli idoli di Baal e di Astarte; per questo motivo Dio lo punì dandolo nelle mani del re di Mesopotamia e gli rimase soggiogato per otto anni (Giudici 3:7-9). Il popolo gridò, chiese aiuto al Signore e il Signore rispose alle loro preghiere dando un liberatore, Otniel, fratello di Caleb. Questo, condottiere sotto l’influenza dello Spirito Santo li liberò, con mano potente, dal giogo del nemico il re di Mesopotamia, Cusan-Risataim, (Giudici 3:10).
Possiamo fare alcune considerazioni.
1) Per Dio il peccato è una cosa seria.
Questo lo vediamo in tutta la Bibbia. In ogni epoca Dio ha manifestato il suo sdegno verso il peccato e come giusto giudice (Salmo 7:11) non chiude gli occhi verso i colpevoli (Esodo 34:6-7; Naum 1:3). 
Quando s’infrange la legge di Dio, l’uomo si attira addosso, il Suo giudizio!
2) Dio è misericordioso! 
Quando si è sotto il giudizio di Dio, ricordiamoci che Dio è un Dio che perdona i nostri peccati, è misericordioso (Deuteronomio 4:31; Luca 6:36). Dove il peccato è abbondato la sua grazia è sovrabbondata (Romani 5:20). Pertanto gridiamo a Lui, riconoscendo che abbiamo bisogno di Lui, aspettando di essere soccorsi al momento giusto, ricordando che può fare infinitamente di più di quello che domandiamo  o pensiamo  (Efesini 3:20; Ebrei 4:14-16). Le risorse di Dio sono infinite!
Quindi quando ci troviamo di fronte a momenti difficili, non facciamo l’errore di guardare al problema e di piangerci addosso, o dando la colpa agli altri, ma gridiamo al Signore umilmente (Giacomo 4:6) per essere aiutati.
Ma mi viene in mente che tutta l’umanità per natura (te compreso), è schiava del peccato e di Satana (Giovanni 8:34; Atti 26:18). Gesù è l’unico liberatore, Salvatore che ci libera da tale schiavitù (Atti 4:12; Efesini 1:7). Grida a Gesù confessando i tuoi peccati per essere perdonato (1 Giovanni 1:8-10) e liberato, non solo dalla schiavitù, ma anche  dal giudizio di Dio (Giovanni 3:16,36). Gesù è più grande dei tuoi peccati! Ha pagato lui al posto dei peccatori (1 Timoteo 1:15; 1 Pietro 2:24; 3:18).
3) Non ci può essere efficacia nel servizio senza lo Spirito Santo.
Qualunque sia stata la preparazione di Otniel nel corso della sua vita, o le sue capacità naturali (non ci viene detto, come non ci viene detto perché Dio lo abbia scelto), Otniel fu un liberatore potente perché lo Spirito Santo era su di lui, è stato appositamente dotato per questo compito di liberazione. Egli è stato unto dallo Spirito Santo in una misura speciale.
Non possiamo essere efficaci nella testimonianza del Vangelo, o nel servizio cristiano se lo Spirito Santo non è presente in noi e non ne siamo ripieni, cioè influenzati, controllati, questo ci ricorda anche il Nuovo Testamento (Atti 1:8; Efesini 5:18).

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).