Passa ai contenuti principali

Giudici 3:9: Dio è un Dio di grazia!

 Giudici 3:9: Dio è un Dio di grazia!
Poi i figli d'Israele gridarono al SIGNORE e il SIGNORE fece sorgere per loro un liberatore: Otniel, figlio di Chenaz, fratello minore di Caleb; ed egli li liberò.

Il popolo d’Israele peccò contro Dio, lo dimenticò, dimenticò Colui che li aveva reso tante volte vittorioso e servì gli idoli di Baal e di Astarte; per questo motivo Dio lo punì dandolo nelle mani del re di Mesopotamia e gli rimase soggiogato per otto anni (Giudici 3:7-9). Il popolo gridò, chiese aiuto al Signore e il Signore rispose alle loro preghiere dando un liberatore, Otniel, fratello di Caleb. Questo, condottiere sotto l’influenza dello Spirito Santo li liberò, con mano potente, dal giogo del nemico il re di Mesopotamia, Cusan-Risataim, (Giudici 3:10).
Possiamo fare alcune considerazioni.
1) Per Dio il peccato è una cosa seria.
Questo lo vediamo in tutta la Bibbia. In ogni epoca Dio ha manifestato il suo sdegno verso il peccato e come giusto giudice (Salmo 7:11) non chiude gli occhi verso i colpevoli (Esodo 34:6-7; Naum 1:3). 
Quando s’infrange la legge di Dio, l’uomo si attira addosso, il Suo giudizio!
2) Dio è misericordioso! 
Quando si è sotto il giudizio di Dio, ricordiamoci che Dio è un Dio che perdona i nostri peccati, è misericordioso (Deuteronomio 4:31; Luca 6:36). Dove il peccato è abbondato la sua grazia è sovrabbondata (Romani 5:20). Pertanto gridiamo a Lui, riconoscendo che abbiamo bisogno di Lui, aspettando di essere soccorsi al momento giusto, ricordando che può fare infinitamente di più di quello che domandiamo  o pensiamo  (Efesini 3:20; Ebrei 4:14-16). Le risorse di Dio sono infinite!
Quindi quando ci troviamo di fronte a momenti difficili, non facciamo l’errore di guardare al problema e di piangerci addosso, o dando la colpa agli altri, ma gridiamo al Signore umilmente (Giacomo 4:6) per essere aiutati.
Ma mi viene in mente che tutta l’umanità per natura (te compreso), è schiava del peccato e di Satana (Giovanni 8:34; Atti 26:18). Gesù è l’unico liberatore, Salvatore che ci libera da tale schiavitù (Atti 4:12; Efesini 1:7). Grida a Gesù confessando i tuoi peccati per essere perdonato (1 Giovanni 1:8-10) e liberato, non solo dalla schiavitù, ma anche  dal giudizio di Dio (Giovanni 3:16,36). Gesù è più grande dei tuoi peccati! Ha pagato lui al posto dei peccatori (1 Timoteo 1:15; 1 Pietro 2:24; 3:18).
3) Non ci può essere efficacia nel servizio senza lo Spirito Santo.
Qualunque sia stata la preparazione di Otniel nel corso della sua vita, o le sue capacità naturali (non ci viene detto, come non ci viene detto perché Dio lo abbia scelto), Otniel fu un liberatore potente perché lo Spirito Santo era su di lui, è stato appositamente dotato per questo compito di liberazione. Egli è stato unto dallo Spirito Santo in una misura speciale.
Non possiamo essere efficaci nella testimonianza del Vangelo, o nel servizio cristiano se lo Spirito Santo non è presente in noi e non ne siamo ripieni, cioè influenzati, controllati, questo ci ricorda anche il Nuovo Testamento (Atti 1:8; Efesini 5:18).

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…