Passa ai contenuti principali

Giovanni 1:5: Gesù è stato rifiutato.

Giovanni 1:5: Gesù è stato rifiutato.
La luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno sopraffatta.   

“Splende” si riferisce all’incarnazione di Gesù (vv.7,14. Cfr. Isaia 9:1;60:1-5).
Gesù con la sua vita e predicazione ha illuminato gli uomini, ma gli uomini lo hanno rifiutato! (Cfr. Matteo 5:14).
Nel presente Vangelo, “tenebre” (skotía) indica  il mondo degli uomini estraniato da Dio, ignorante e spiritualmente cieco, malvagio e peccaminoso che ha ceduto alle lusinghe del maligno, quindi il mondo è dominato da Satana (Giovanni 3:19; 8:12, 12:35, 46; 1 Giovanni 1:5, 6; 2:8, 9, 11; Colossesi 1:13; 1 Giovanni 5:19).
Noi vediamo in primo luogo la pazzia del rifiuto.
Coloro che rifiutano Cristo sono stolti, anche se coloro che lo fanno si dichiarano sapienti (Romani 1:22). Noi viviamo in una società cosiddetta cristiana, ma la croce è considerata pazzia! (1 Corinzi 1:18,23). La società occidentale si è estraniata da Dio, allontanata da Dio, Dio non è per niente considerato! È stato licenziato! 
Noi vediamo in secondo luogo la forza del rifiuto.
Il rifiuto a Cristo non è stato passivo e timido. È stato un rifiuto molto forte, questo è dimostrato dalla grande ostilità che ha dovuto affrontare (Matteo 2:16; Luca 4:29; Giovanni 8:59; 10:39). 
Inoltre vediamo il fallimento del rifiuto.
“Sopraffatta” (Katalambánō) può avere il significato di “non accogliere”, “non afferrare”, “non ricevere”, “non avere fede” (Marco 9:18; Giovanni 8:3; Filippesi 3:12-13).
Il senso è: agli uomini è stata fatta la richiesta di una decisione attiva di fede nel Signore Gesù, ma essi non hanno voluto accettarla come affermato anche nei vv.10-11.
Gli uomini rifiutano la luce: cioè Gesù e la sua predicazione e preferiscono stare nelle tenebre(skótos, cfr. Giovanni 3:19-21).
Ma la parola sopraffatto può avere anche il significato di ”superare”, “prevalere”, “vincere” (1 Tessalonicesi 5:4). Nella lotta dura contro Gesù, le tenebre, il mondo e il diavolo non hanno vinto! Anche se Gesù è stato ucciso, con la sua morte ha vinto! La croce non è un luogo di sconfitta, ma di gloria. 
Gesù ha sconfitto il mondo! (Giovanni 16:32-33).
Gesù ha sconfitto il diavolo!( Giovanni 12:31; 14:30; Colossesi 2:13-15).
Gli uomini e il diavolo credevano di aver spento la luce inchiodando Cristo sulla croce, ma non hanno considerato che era necessario per Lui morire al fine di dare la vita ai peccatori. Gli uomini non hanno considerato la resurrezione che ha dato, un colpo devastante al buio della morte!
La crocifissione non ha spento la luce, ma ha fatto risplendere la luce più chiara e più forte. Non si può spegnere la luce di Cristo.
Ora in entrambi i casi, il rifiuto per incredulità, o il rifiuto e l’ostilità verso Gesù per vincerlo è un grande fallimento, perché Gesù è la verità! Perché Gesù è il Signore, un giorno tutti riconosceranno la sua Signoria e si piegheranno davanti a lui, ma sarà troppo tardi per la loro salvezza! Si piegheranno per la loro condanna! (Filippesi 2:10-11). Il cielo è solo per coloro che s’ inginocchiano a Cristo in questa vita terrena.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: