Passa ai contenuti principali

Giosuè 24:19:Le motivazioni a servire Dio senza ipocrisia.

Giosuè 24:19:Le motivazioni a servire Dio senza ipocrisia.
“E Giosuè disse al popolo: ‘Voi non potete servire il SIGNORE, perché egli è un Dio santo, è un Dio geloso; egli non perdonerà le vostre ribellioni e i vostri peccati’”.

Giosuè al v.14 aveva detto di servire Dio con integrità e fedeltà, cioè senza ipocrisia, al v.19 vediamo due motivazioni per servire Dio senza ipocrisia.
La prima motivazione è: Dio è santo.
Dio non sopporta il peccato (Abacuc 1:13), Dio odia il peccato perché Lui è senza peccato, è completamente pulito, pertanto giudica il peccato. Per questo motivo Isaia di fronte la Santità di Dio reagì in questo modo: “Guai a me, sono perduto! Perché io sono un uomo dalle labbra impure e abito in mezzo ad un popolo dalle labbra impure e i miei occhi hanno visto il Re….” ( Isaia 6:5).
Non possiamo scherzare, o essere superficiali con Dio! Sono parole forti quelle che usa Giosuè: “Dio non perdonerà le nostre ribellioni e peccati”, nel senso che non perdona coloro, che rifiutano volontariamente e deliberatamente di seguire gli idoli (cfr. Numeri 15:30).
L’autore dell’epistola agli Ebrei dice che coloro, che persistono nel peccare volontariamente dopo aver conosciuto la verità, coloro, che sono ribelli li attende un terribile giudizio, saranno divorati dal fuoco (Ebrei 10:26-27). Certamente si riferisce a coloro, che sono ribelli, comunque  in Ebrei 10:30-31 è scritto che il Signore giudicherà il suo popolo ed è terribile cadere nelle mani del Dio vivente! Dio è un fuoco consumante è scritto in Ebrei 12:29! 
Dio il Santo giudicherà anche il Suo popolo perciò va temuto e servito senza ipocrisia!
La seconda motivazione è: Dio è geloso.
La Bibbia parla molto della gelosia di Dio. Ovviamente non è la gelosia viziosa, infantile della serie: “voglio quello che hai tu, ti odio perché non c’è l’ho”.
Vi è un altro tipo di gelosia quella positiva ed è lo zelo nel proteggere un rapporto amoroso, o nel desiderio di mantenerlo quando esso si spezza. Il rapporto di Dio con il suo popolo è simboleggiato al matrimonio che richiede assoluta fedeltà e amore. L’adorazione agli idoli è infedeltà, è chiamata nella Bibbia adulterio spirituale (Geremia 3:8-9). Originariamente la parola tradotta con gelosia significava amore appassionato e traboccante, e quindi amore che non tollera rivali.
Dio è geloso e ama in modo esclusivo, perciò si adira contro il culto degli idoli, idoli che vanno intesi non solo per le rappresentazione delle divinità, ma anche a tutto ciò che mettiamo sopra Dio, o al posto di Dio, o insieme a Dio, queste possono essere cose, persone, desideri, ecc. e risiedono nel cuore degli individui (Esodo 20:3-5; 34:14; Deuteronomio 32:16; Ezechiele 8:3,5; 14:4).
Qualsiasi cosa che ami e in cui confidi, in cui ti diletti e desideri, di cui non puoi farne a meno, che temi, o servi, se queste cose prendono il posto di Dio, lo sostituiscono a Dio, allora sono idoli! 
Attenzione dunque, il Dio geloso ama il Suo popolo con tutto il Suo sentimento e non tollera perciò infedeltà e concorrenti, perciò va servito in modo esclusivo!!

Post popolari in questo blog

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…