Passa ai contenuti principali

1 Re 18:21: Non possiamo seguire due padroni.

1 Re 18:21: Non possiamo seguire due padroni.
Allora Elia si avvicinò a tutto il popolo, e disse: «Fino a quando zoppicherete dai due lati? Se il SIGNORE è Dio, seguitelo; se invece lo è Baal, seguite lui». Il popolo non gli rispose nulla.

La regina Izebel era una devota appassionata di Baal e di Astarte, e quindi anche una divulgatrice zelante di queste divinità pagane. Il marito, il re Acab, non era zelante come la moglie, ma aveva certamente sostenuto la sua fede (1 Re 16:31-33). È vero che i sovrani erano principalmente responsabili per il culto di Baal e di Astarte in Israele, ma le persone non erano senza responsabilità. Il popolo tentava di conciliare il culto a Dio, a Yahweh con quello di Baal e Astarte. La stragrande maggioranza del popolo seguiva questa idolatria.  Fin dai tempi del loro insediamento in Canaan, quando Israele attraversò il Giordano, il culto di Baal era vivo e vegeto, e attirò proseliti Israeliti (Giudici 2:11-13). Il Baalismo affascinò e sedusse il popolo di Dio molto tempo prima con le sue pratiche sessuali nei santuari, le sue elargizioni di fecondità (pioggia, grano, vino, olio).
Il re Acab radunò tutti i figli d’Israele (non deve essere inteso nel senso che ogni singola persona in Israele era presente) sul monte Carmelo, secondo il desiderio di Elia (v.19) con i 450 profeti di Baal e i 400 profeti di Astarte (dea della fecondità, le sacerdotesse si prostituivano, v.19).
Elia lancia una sfida dicendo che non possono zoppicare dai due lati, cioè vacillare, oscillare tra due pareri, convinzioni, culti, quindi seguire Dio e nello stesso tempo Baal e Astarte, solo il Signore va adorato e seguito con tutto il cuore (cfr. Matteo 22:37; Esodo 20:2-3).
Elia esorta a fare una scelta definitiva su chi seguire, dice che se il Signore (Yahweh) è Dio (Elohim), cioè Dio in assoluto, sovrano universale, il Creatore (Genesi 1; Isaia 45:18), si deve seguire Lui, se Baal è Dio si deve seguire Baal. Il popolo non rispose nulla, ma quando Elia invocò il fuoco dal cielo e questo cadde consumando l’olocausto, la legna, le pietre e la polvere con l’acqua che era nel fosso (vv.22-38), allora il popolo, gettandosi con la faccia a terra riconobbe che il Signore è Dio! (1 Re 18:39).
Oggi le cose per molti non sono tanto cambiate: si cerca di fare una sintesi tra vari credi, il farsi una religione fai da te, mischiando varie religioni, o filosofie, oppure vacillare seguendo un po’ Dio e un po’ qualche altra convinzione in base ai desideri, agli interessi personali. Ma non possiamo seguire il Dio della Bibbia e insieme, o a tratti, i Baal moderni. Se il Signore è Dio (il Creatore, Sovrano assoluto) siamo chiamati a essergli fedeli in senso assoluto, radicale, totale, esclusivo. Non possiamo seguire due padroni (Matteo 6:24). Non possiamo vacillare tra due opinioni, tra due culti di divinità. Il Dio della Bibbia, Yahweh richiede fedeltà assoluta (Giosuè 24:14-20).

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: