Passa ai contenuti principali

1 Re 18:21: Non possiamo seguire due padroni.

1 Re 18:21: Non possiamo seguire due padroni.
Allora Elia si avvicinò a tutto il popolo, e disse: «Fino a quando zoppicherete dai due lati? Se il SIGNORE è Dio, seguitelo; se invece lo è Baal, seguite lui». Il popolo non gli rispose nulla.

La regina Izebel era una devota appassionata di Baal e di Astarte, e quindi anche una divulgatrice zelante di queste divinità pagane. Il marito, il re Acab, non era zelante come la moglie, ma aveva certamente sostenuto la sua fede (1 Re 16:31-33). È vero che i sovrani erano principalmente responsabili per il culto di Baal e di Astarte in Israele, ma le persone non erano senza responsabilità. Il popolo tentava di conciliare il culto a Dio, a Yahweh con quello di Baal e Astarte. La stragrande maggioranza del popolo seguiva questa idolatria.  Fin dai tempi del loro insediamento in Canaan, quando Israele attraversò il Giordano, il culto di Baal era vivo e vegeto, e attirò proseliti Israeliti (Giudici 2:11-13). Il Baalismo affascinò e sedusse il popolo di Dio molto tempo prima con le sue pratiche sessuali nei santuari, le sue elargizioni di fecondità (pioggia, grano, vino, olio).
Il re Acab radunò tutti i figli d’Israele (non deve essere inteso nel senso che ogni singola persona in Israele era presente) sul monte Carmelo, secondo il desiderio di Elia (v.19) con i 450 profeti di Baal e i 400 profeti di Astarte (dea della fecondità, le sacerdotesse si prostituivano, v.19).
Elia lancia una sfida dicendo che non possono zoppicare dai due lati, cioè vacillare, oscillare tra due pareri, convinzioni, culti, quindi seguire Dio e nello stesso tempo Baal e Astarte, solo il Signore va adorato e seguito con tutto il cuore (cfr. Matteo 22:37; Esodo 20:2-3).
Elia esorta a fare una scelta definitiva su chi seguire, dice che se il Signore (Yahweh) è Dio (Elohim), cioè Dio in assoluto, sovrano universale, il Creatore (Genesi 1; Isaia 45:18), si deve seguire Lui, se Baal è Dio si deve seguire Baal. Il popolo non rispose nulla, ma quando Elia invocò il fuoco dal cielo e questo cadde consumando l’olocausto, la legna, le pietre e la polvere con l’acqua che era nel fosso (vv.22-38), allora il popolo, gettandosi con la faccia a terra riconobbe che il Signore è Dio! (1 Re 18:39).
Oggi le cose per molti non sono tanto cambiate: si cerca di fare una sintesi tra vari credi, il farsi una religione fai da te, mischiando varie religioni, o filosofie, oppure vacillare seguendo un po’ Dio e un po’ qualche altra convinzione in base ai desideri, agli interessi personali. Ma non possiamo seguire il Dio della Bibbia e insieme, o a tratti, i Baal moderni. Se il Signore è Dio (il Creatore, Sovrano assoluto) siamo chiamati a essergli fedeli in senso assoluto, radicale, totale, esclusivo. Non possiamo seguire due padroni (Matteo 6:24). Non possiamo vacillare tra due opinioni, tra due culti di divinità. Il Dio della Bibbia, Yahweh richiede fedeltà assoluta (Giosuè 24:14-20).

Post popolari in questo blog

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…