Passa ai contenuti principali

1 Cronache 28:20: Dio ci chiama a servirlo con la certezza della sua presenza.

1 Cronache  28:20: Dio ci chiama a servirlo con la certezza della sua presenza.
Davide disse ancora a suo figlio Salomone: «Sii forte, fatti coraggio, e mettiti all'opera; non temere, non ti sgomentare; perché il SIGNORE, Dio, il mio Dio, sarà con te; egli non ti lascerà e non ti abbandonerà fino a che tutta l'opera per il servizio della casa del SIGNORE sia compiuta».

Davide dà le indicazioni al figlio (a Salomone), riguardo la costruzione del tempio. Davide aveva in cuore di costruire un tempio al Signore, ma il Signore non volle perché era un uomo di guerra e aveva sparso molto sangue. Secondo le indicazioni di Dio a costruire il tempio doveva essere Salomone (1 Cronache 28:1-10; cfr. 1 Cronache 22:11-13). Davide preparò tutto il lavoro di costruzione e lo diede al figlio (1 Cronache 28:11-19).
Il versetto 20 ricorda le espressioni di Mosè quando affidò l’incarico a Giosuè (Giosuè 1:9).
Noi in questo versetto vediamo l’ esortazione.
Davide esorta il figlio Salomone a essere forte, a farsi coraggio, a non temere, a non sgomentarsi, a mettersi all’opera per costruire il tempio.
Quando può essere importante una parola di esortazione e d’incoraggiamento al momento giusto (Proverbi 15:23; Efesini 4:29). Morte e vita sono in potere della lingua (Proverbi 18:21). Che potenza ha una parola! Lo sappiamo benissimo, e quindi dovremmo stare molto attenti a ciò che diciamo. Le parole influenzano significativamente un’altra persona (Proverbi 12:25; 15:4; 16:24; 25:11). Questo anche riguardo la consacrazione di una persona e il servizio cristiano. 
Salomone aveva bisogno di sentire quelle parole! Stava per costruire il tempio del Signore! Poteva avere mille pensieri, e tante paure. Sarebbe stato all’altezza? C’è l’avrebbe fatta a finirlo? 
Noi in questo versetto vediamo la rassicurazione.
Dio non lascerà da solo Salomone, sarà con lui e non l’abbandonerà fino a quando il tempio non lo avrebbe completato. Dio aveva scelto Salomone per costruirlo e Dio lo avrebbe aiutato. 
Il Signore non abbandona il suo popolo nel servirlo: con il compito dà anche la sua presenza, sostegno, aiuto (Matteo 28:18-20; Atti 1:8; 18:9; 1 Corinzi 15:10; 2 Corinzi 3:5; 2 Timoteo 4:17). Quando Dio ci dà un compito, ci dà le capacità, i mezzi e il soccorso per realizzarlo! Pertanto non prendiamo scuse nel servirlo dicendo che non siamo capaci, oppure se abbiamo paura di sbagliare, o paura di qualsiasi altra cosa perché Dio è con noi e ci dà ciò che è necessario per servirlo secondo la sua volontà.
Che conforto doveva essere per Salomone sapere che il Dio fedele di Davide sarebbe stato con lui, è che conforto per noi sapere che il Dio fedele di Davide e Salomone è con noi! Non c’è assolutamente niente d’impossibile che non possiamo affrontare noi e il Signore! (Filippesi 4:13). 
Dio ci chiama a servirlo con la meravigliosa certezza della sua presenza, con la meravigliosa certezza che sarà con noi, non ci lascerà e non ci abbandonerà!
Avere Dio con noi e avere tutto! Dio è più che sufficiente! 
Grazie Signore. 

Post popolari in questo blog

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…