Passa ai contenuti principali

1 Cronache 28:20: Dio ci chiama a servirlo con la certezza della sua presenza.

1 Cronache  28:20: Dio ci chiama a servirlo con la certezza della sua presenza.
Davide disse ancora a suo figlio Salomone: «Sii forte, fatti coraggio, e mettiti all'opera; non temere, non ti sgomentare; perché il SIGNORE, Dio, il mio Dio, sarà con te; egli non ti lascerà e non ti abbandonerà fino a che tutta l'opera per il servizio della casa del SIGNORE sia compiuta».

Davide dà le indicazioni al figlio (a Salomone), riguardo la costruzione del tempio. Davide aveva in cuore di costruire un tempio al Signore, ma il Signore non volle perché era un uomo di guerra e aveva sparso molto sangue. Secondo le indicazioni di Dio a costruire il tempio doveva essere Salomone (1 Cronache 28:1-10; cfr. 1 Cronache 22:11-13). Davide preparò tutto il lavoro di costruzione e lo diede al figlio (1 Cronache 28:11-19).
Il versetto 20 ricorda le espressioni di Mosè quando affidò l’incarico a Giosuè (Giosuè 1:9).
Noi in questo versetto vediamo l’ esortazione.
Davide esorta il figlio Salomone a essere forte, a farsi coraggio, a non temere, a non sgomentarsi, a mettersi all’opera per costruire il tempio.
Quando può essere importante una parola di esortazione e d’incoraggiamento al momento giusto (Proverbi 15:23; Efesini 4:29). Morte e vita sono in potere della lingua (Proverbi 18:21). Che potenza ha una parola! Lo sappiamo benissimo, e quindi dovremmo stare molto attenti a ciò che diciamo. Le parole influenzano significativamente un’altra persona (Proverbi 12:25; 15:4; 16:24; 25:11). Questo anche riguardo la consacrazione di una persona e il servizio cristiano. 
Salomone aveva bisogno di sentire quelle parole! Stava per costruire il tempio del Signore! Poteva avere mille pensieri, e tante paure. Sarebbe stato all’altezza? C’è l’avrebbe fatta a finirlo? 
Noi in questo versetto vediamo la rassicurazione.
Dio non lascerà da solo Salomone, sarà con lui e non l’abbandonerà fino a quando il tempio non lo avrebbe completato. Dio aveva scelto Salomone per costruirlo e Dio lo avrebbe aiutato. 
Il Signore non abbandona il suo popolo nel servirlo: con il compito dà anche la sua presenza, sostegno, aiuto (Matteo 28:18-20; Atti 1:8; 18:9; 1 Corinzi 15:10; 2 Corinzi 3:5; 2 Timoteo 4:17). Quando Dio ci dà un compito, ci dà le capacità, i mezzi e il soccorso per realizzarlo! Pertanto non prendiamo scuse nel servirlo dicendo che non siamo capaci, oppure se abbiamo paura di sbagliare, o paura di qualsiasi altra cosa perché Dio è con noi e ci dà ciò che è necessario per servirlo secondo la sua volontà.
Che conforto doveva essere per Salomone sapere che il Dio fedele di Davide sarebbe stato con lui, è che conforto per noi sapere che il Dio fedele di Davide e Salomone è con noi! Non c’è assolutamente niente d’impossibile che non possiamo affrontare noi e il Signore! (Filippesi 4:13). 
Dio ci chiama a servirlo con la meravigliosa certezza della sua presenza, con la meravigliosa certezza che sarà con noi, non ci lascerà e non ci abbandonerà!
Avere Dio con noi e avere tutto! Dio è più che sufficiente! 
Grazie Signore. 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: