Passa ai contenuti principali

Levitico 4:35: Il perdono dei peccati.

Levitico 4:35: Il perdono dei peccati.
…Così il sacerdote farà per quel tale l'espiazione del peccato che ha commesso e gli sarà perdonato.

Molte persone pensano che la cosa più importante sia la buona salute, avere un lavoro, ma la cosa più importante della buona salute, o di un lavoro è: avere i nostri peccati perdonati, in questo modo avremo la vita eterna.
Senza il perdono il cielo sarebbe vuoto! Nessuno ci potrebbe andare! Nessuno! 
Dio, quando perdona i peccati, li perdona definitivamente come se non fossero mai accaduti! (Salmi 103:12; Isaia 38:17; 43:25; Michea 7:19). “I peccati sono così rimessi come se non fossero mai stati commessi” (Thomas Adams). Meraviglioso!
Dai vv.27-35 è trattato il caso di una singola persona normale del popolo che ha peccato rendendosi colpevole davanti a Dio. Nel suo caso doveva offrire in sacrificio per l’espiazione una capra, o un agnello senza difetto. Il sacerdote, dopo che l’offerente avrebbe posato la mano sulla testa e sgozzato come sacrificio espiatorio, avrebbe preso il sangue del sacrificio mettendolo sui corni dell’altare, e sparso il sangue ai piedi sempre dell’altare, lo avrebbe fatto bruciare sull’altare, togliendo prima, però, il grasso. 
“Espiare” (kāp̱ar) indica coprire, in questo caso, coprire il peccato placando l’ira di Dio e quindi la persona tramite sacrificio era riconciliata con Dio che aveva offeso con il suo peccato.
Il peccato interrompe il rapporto tra Dio e l'uomo, tramite il sacrificio (animale senza difetto) questo rapporto era ripristinato.
Tramite l’espiazione, il peccato è stato eliminato (Salmo 79:9; Isaia 6:7 ) e perdonato (Salmo 78:38). La colpa è rimossa i peccatori sono così vestiti di giustizia (cfr. Zaccaria 3:3-4). 
 “Perdonare” (sālaḥ)indica liberare dalla colpa, o rilasciare da qualcosa, o allontanare. Tramite il perdono, Dio libera dalla colpa colui che offriva in sacrificio un animale.
Noi vediamo, dunque che per l’espiazione del peccato e il perdono, era necessario il sacerdote e il sacrificio.
Oggi non c’è più bisogno di offrire gli animali ogni giorno per l’espiazione dei peccati e per il perdono perché Gesù, il Sommo sacerdote e sacrificio perfetto, ha offerto se stesso (Giovanni 15:13; Efesini 5:2), dando il suo sangue (Romani 3:25; 5:9; Efesini 1:7; 2:13; Colossesi 1:20; Ebrei 9:22) per cancellare il nostro peccato (se crediamo in Lui Romani 3:26; pentendoci dei nostri peccati Atti 3:19) e questo lo ha fatto una volta per sempre morendo in croce per i peccatori santificandoli e riconciliandoli con Dio (Romani 5:9-11; Ebrei 10:5-14).
Gesù prese su di sé il giudizio che meritiamo per concederci il perdono che non meritiamo. Tramite il Suo sacrificio, Dio fu soddisfatto.
Grazie Signore che ci perdoni dei nostri peccati in Cristo Gesù.
   

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La pecora smarrita (Luca 15:4-7).

La pecora smarrita (Luca 15:4-7)  Chiunque abbia perso qualcosa, sa quanto sia esasperante cercarla e non trovarla.  Ancora più esasperante è perdere la strada e l’indirizzo. Nicolas Bardyaev disse: “ Il problema dell'uomo deriva dal fatto che non solo ha perso la strada, ma ha perso l'indirizzo”. Questa parabola della pecora smarrita, ha catturato l'attenzione di molti artisti nel corso dei secoli. È chiaro che con la pecora perduta s’identifica il peccatore, mentre colui che la cerca, il pastore è Gesù Cristo.