Passa ai contenuti principali

Introduzione al cammino cristiano


Importante!!
Per  il cammino cristiano è importante una preparazione di base. La preparazione di base è quello di conoscere Gesù Cristo come Signore e Salvatore (Romani 10:9; Giovanni 4:42), così Egli può essere la nostra guida spirituale durante il cammino cristiano e quindi anche per queste lezioni. Riconoscere Gesù come Signore e Salvatore implica avere la vita eterna (Romani 6:23). Se non hai mai riconosciuto Gesù come Signore e Salvatore della tua vita, o se non sei sicuro della vita eterna, ci sono quattro cose importanti che devi capire ...
1. Dio  ama il mondo.
Il Vangelo dice: "Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio" (Giovanni 3:16). L’apostolo Paolo ancora afferma: "Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi" (Romani 5:8).

2. Tu sei peccatore e il tuo peccato ti separa da Dio.
La Bibbia dice: "tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Romani 3:23, Cfr. 1 Giovanni 1:8-10). Quindi tutti siamo peccatori, anche tu e il peccato ti separa da Dio come dice il profeta Isaia: 2 ma le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio; i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la faccia da voi, per non darvi più ascolto (Isaia 59:2).

3. Solo in Gesù Cristo puoi avere il perdono dei tuoi peccati e la salvezza.
Gesù disse: "Gesù gli disse: 'Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me'"  (Giovanni 14:6). Dio ha amato il genere umano caduto nel peccato, da mandare il suo Figlio Gesù Cristo a morire sulla croce per fornire la via della salvezza. Solo in Gesù vi è la salvezza e il perdono dei peccati (Atti 4:12; 10:43). 

4. Devi ricevere Gesù Cristo come Salvatore e Signore.
Questo implica il ravvedimento riguardo i tuoi peccati, il credere in Lui e la confessione dei peccati (Atti 20:21; 1 Giovanni 1:8-10). 
Il ravvedimento (metánoia) è un cambiamento di mente dal male al bene o di bene in meglio (Matteo 3:8, 11; Luca 5:32; Luca 15:7; Romani  2:4; 2 Pietro  3:9,ecc.).  È necessario che ognuno si ravveda perché ogni uomo segue la propria via e non quella del Signore (Isaia 53:6), ognuno si è allontanato da Dio, ha fatto la propria strada seguendo i propri desideri e passioni, e non la legge di Dio (Romani 3:9-12; Efesini 2:1-3,ecc.).
Con il ravvedimento c’è un cambiamento nella mente, che coinvolge ovviamente anche i sentimenti e la volontà, un cambiamento totale nei confronti del peccato, e si ammette di essere peccatori e ribelli davanti a Dio (Salmi 51:3; Luca 15:18). Con il ravvedimento vi è un dispiacere e dolore per il peccato (Salmi 51:4; Luca 15:21), e quindi anche la disposizione ad abbandonare il peccato per prendere una nuova direzione, quella di Dio (Salmi 51:1-2,7,10, Isaia 55:7; Luca 15:20).
Credere indica affidarsi a Gesù, è avere fede in Gesù. La fede è la risposta alla rivelazione di Dio. Significa credere che Dio esiste e che darà ciò che Lui ha promesso a coloro che lo cercano (Ebrei 11:6). Significa riporre la propria fiducia in Gesù per essere salvati, credere che Gesù ti possa salvare e quindi affidarti completamente a Lui senza dubbi! Quindi, la fede non è solo qualcosa d’intellettuale, coinvolge anche la volontà, perché ci si affida completamente a Gesù. Chi crede in Gesù non è giudicato, ha vita eterna (Giovanni 3:16-18,36; Atti 10:43; 13:39; 16:30-31.)
La “confessione” (homologeō) è ammettere a Dio i tuoi peccati chiamandoli per nome! Per confessare i peccati non è semplicemente quello di ammettere che siamo peccatori, ma riporli davanti a Dio e chiedergli perdono. Se lo facciamo, possiamo essere sicuri del perdono e della purificazione perché Dio è fedele e giusto (1 Giovanni 1:8-10; cfr. Salmo 32:1-5; Prov.28:13). La fedeltà sta nel fatto che quanto Lui promette mantiene e Lui ha promesso il perdono dei peccati (Michea 7:18-20). La giustizia consiste nel fatto che se le condizioni sono soddisfatte, Dio non può negare il perdono. Le condizione soddisfatte sono nel fatto che Dio perdona in base al sacrificio di Gesù (Rom.3:23-25). 
Apri il tuo cuore a Gesù, ricevilo senza esitazione e dubbi, ravvedendoti dei tuoi peccati, credendo in Cristo il sacrificio per il perdono dei peccati, confessandogli i tuoi peccati sinceramente e avrai la certezza del Suo perdono (Luca 18:9-14; Atti 13:38-39; 1 Giovanni 1:8-10).



Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: