Passa ai contenuti principali

Dio comunica?


Dio comunica?
Nella meditazione precedente abbiamo visto che Dio esiste, la domanda ora è Dio parla? Dio comunica con gli uomini? Se si, come? Che Dio parli, che si riveli agli uomini è necessario e di estrema importanza per la nostra vita. 
Ci sono almeno tre motivi per cui abbiamo bisogno della rivelazione di Dio. 
1. Perché Dio è inaccessibile agli uomini per la sua natura.
1 Timoteo 6:16: "il solo che possiede l'immortalità e che abita una luce inaccessibile; che nessun uomo ha visto né può vedere; a lui siano onore e potenza eterna. Amen". 
Isaia 45:15 dice: "In verità tu sei un Dio che ti nascondi, o Dio d'Israele, o Salvatore!"
Dio abita una luce inaccessibile, nessun uomo ha visto e può vedere, è un Dio che si nasconde, ecco perché abbiamo bisogno della sua rivelazione. Dio è al di fuori la nostra esperienza sensoriale, Dio è trascendente, è Colui che è illimitato nella Sua conoscenza e nella Sua potenza , è non è soggetto al tempo e allo spazio.  Non possiamo conoscere Dio se Lui non si rivela agli uomini.

Il secondo motivo per cui era necessario che Dio parlasse è: 
2. Perché l’uomo è morto spiritualmente. (Efesini 2:1-5).
Nella sua natura l’uomo è lontano da Dio, a causa del peccato non ha comunione con Dio, è morto nelle colpe e nei peccati, è ribelle, segue il diavolo e i desideri della propria carne, perciò non pensa a Dio, è disinteressato alle cose spirituali. 
(Cfr. 2 Corinzi 4:4).

Il terzo motivo è:
3. Perché l’uomo non è in grado di conoscere Dio con la propria sapienza.
 Il profeta Isaia dice:Come i cieli sono alti al di sopra della terra, così sono le mie vie più alte delle vostre vie, e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri. (Isaia 55:9).
Così Paolo afferma: Poiché il mondo non ha conosciuto Dio mediante la propria sapienza, è piaciuto a Dio, nella sua sapienza, di salvare i credenti con la pazzia della predicazione. (1 Corinzi 1:21. Vedi anche 1 Corinzi 2:9-11). 
Con la nostra sapienza non siamo in grado di conoscere Dio, se ci provassimo falsificheremmo la Sua natura, creandoci un dio a nostra immagine e somiglianza.
Ci sono caratteristiche di Dio, come la Sua eternità, perfezione, onnipotenza,o anche i Suoi piani,  che sono inconcepibili per l’uomo.
Ma come Dio Comunica con gli uomini? Uno dei modi come Dio ha parlato e ci parla è la Bibbia. Quasi 4000 volte nell’Antico Testamento troviamo scritto frasi tipo: “Il Signore ha parlato”;”Il Signore ha comandato”; “Il Signore ha detto”. Quindi la Bibbia non ha avuto origine umane, benché Dio abbia usato gli uomini per scriverla, infatti è scritto: Sappiate prima di tutto questo: che nessuna profezia della Scrittura proviene da un'interpretazione personale;  infatti nessuna profezia venne mai dalla volontà dell'uomo, ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo. (2 Pietro 1:20-21. Vedi anche 2 Timoteo 3:16).

La Bibbia è affidabile per varie ragioni.
1. La Bibbia possiede una profonda unità di insegnamento, nonostante sia stata scritta da più di 40 autori diversi in un arco di tempo di 1500 anni. Come ci possiamo spiegare questa unità?

2. La Bibbia contiene un gran numero di fatti storici confermati dalle scoperte archeologiche.

3.   La Bibbia continua a trasformare le vite ancora oggi. 
La Bibbia ha avuto ed ha un impatto sulla vita delle persone. Nessun libro ha mai avuto un impatto così potente da cambiare radicalmente le vite umane dai più violenti, criminali, di cattiva moralità, ai più miti e religiosi.

4. Le profezie della Bibbia descritte in modo chiaro e dettagliate si sono compiute al cento per cento, alla lettera!
Questo dimostra che è veramente la Parola di Dio, lo strumento che Dio ha usato per rivelarci i suoi decreti e ciò che buono e ciò che è vero! Pertanto facciamo bene a prestare attenzione alla Bibbia.
La Lady Be Good, era un aereo, un bombardiere che aveva affrontato molte missioni di guerra. Nella sua ultima missione successe qualcosa di tragico. Al rientro dalla missione ci fu una spinta forte delle correnti e l’aereo viaggiò più velocemente del normale tanto da confondere l’equipaggio. Mentre l'equipaggio tracciava la loro posizione in base ai loro strumenti, conclusero che ci doveva essere qualcosa di sbagliato con i quadranti. Secondo i loro strumenti e calcoli era giunto il momento di preparare la discesa per atterrare, ma i loro orologi, tuttavia, segnavano a loro che questo era impossibile. 
Ciò li ha posti in una posizione precaria. Pensavano che se avessero creduto ai loro strumenti dovevano cominciare a scendere dalle nuvole troppo presto, e quindi da essere individuati dal nemico ed essere abbattuti dal fuoco antiaereo. Se avessero creduto invece ai loro orologi sarebbero scesi troppo tardi e avrebbero superato il campo d'aviazione e morire al di là nel deserto. 
Hanno scelto di ignorare la strumentazione e credere alla loro intuizione. Purtroppo superarono la pista di atterraggio e il loro aereo fu trovato giorni dopo, schiantato nel deserto! Tutti quelli dell'equipaggio morirono. 
La Bibbia è la strumentazione della nostra vita ignorarne le indicazioni significa morire! 
Proverbi 16:25 dice: "C'è una via che all'uomo sembra diritta, ma finisce con il condurre alla morte".
Non dobbiamo fidarci di quello che a  noi sembra più giusto, ma di quello che Dio dice nella Sua Parola!
La Bibbia ci indica la via della salvezza dai peccati e ci salva rendendoci nuove persone, ma affinché sia efficace in noi la dobbiamo credere come Parola di Dio.
(1 Tessalonicesi 2:13).

Domande di riflessione.
1)Per quale motivo è necessario che Dio si riveli agli uomini?


2)Come Dio ci parla oggi?


3)Perché pensi che la Bibbia sia affidabile?


4)Hai qualche dubbio che la Bibbia sia la Parola di Dio?

Bibliografia
John Blanchard, Domande di fondo, Formigine, Voce della Bibbia,1989.

O.J. Gibson, I principi della dottrina cristiana,Diffusione della letteratura cristiana, 1989.

Max Anders, 30 Days to understanding what Christians believe in 15 minutes day!, Nashville 1994.



Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del servo devoto (Luca 17:7-10).

La parabola del servo devoto  (Luca 17:7-10). Gesù continua a rivolgersi ai discepoli (Luca 16:1; 17:1), alla presenza dei farisei (Luca 16:14) che potevano ancora ascoltare ciò che diceva in questa parabola. 
Gesù ha in mente quegli scribi e farisei che erano ossessionati dall'essere onorati (cfr. Matteo 23:5-7; Luca 20:46-47).
Ma, questa parabola è un’esortazione per i Suoi discepoli.
C'era il pericolo che i Suoi potessero diventare arroganti e orgogliosi. 
Allora, Gesù ha detto questa parabola come un avvertimento contro l'orgoglio spirituale.
Gesù prima aveva parlato di non scandalizzare i piccoli, aveva parlato di perdono, e poi risponde alla richiesta degli apostoli di aumentare loro la fede.  Gesù dice loro che se avessero fede quanto un granello di senape, possono sradicare  con la parola un sicomoro e piantarlo nel mare (Luca 17:1-5).
Riferendosi a questa fede e a questa parabola Leon Morris scrive: “Quando si ha una tale fede si può essere tentati di cadere nell’o…