Passa ai contenuti principali

Dio comè? Terza parte.


Dio com’è? (Terza parte).
Dio si è rivelato in maniera tale da rendere possibile attribuirgli determinate qualità e caratteristiche, ma dobbiamo fare attenzione al fatto che non lo possiamo scatolare in concetti! Dio è Infinito!

Dio è amore (1 Giovanni 4;8,16).
Dio non è semplicemente amorevole, Egli è l'amore stesso, la personificazione dell'amore perfetto, il che implica una responsabile e fedele dedizione verso il benessere delle sue creature. Egli ama indipendentemente dalla reazione nel ricambiare da parte dell’uomo, oggetto del Suo amore. L’amore di Dio è incondizionato! (Romani 5:8). L’amore è l’espressione del sacrificio e della donazione di se stessi; ricerca il bene dell’altro. L’amore di Dio è concreto, la Sua massima espressione si trova con la croce di Cristo, nel perdonare i peccati degli uomini che credono in Cristo e si pentono dei loro peccati.  
L’amore di Dio non si può misurare! Ma come ha detto qualcuno: la vera misura dell'amore di Dio è che egli ama senza misura! (Efesini 3:18-19).


Dio è misericordioso. 
Il Dio misericordioso "non ci tratta secondo i nostri peccati, e non ci castiga in  proporzione alle nostre colpe" (Salmi 103:10).
Shenton: ” La misericordia è la bontà di Dio, unita ad un sentimento di pietà, la quale è estesa agli oppressi e ai sofferenti, senza tener conto dei loro meriti. Essa presuppone il peccato e si muove per alleviare la miseria che deriva dal peccato. In altre parole, la misericordia divina va incontro all'umanità sofferente e colpevole, e porta Dio ad aver compassione dei miserabili e a liberarli dalle tribolazioni”.
La misericordia di Dio è abbondante (Giacomo 5:11; Efesini 2:4) e eterna, si stende di generazione in generazione su quelli che lo temono" (Luca 1:50; cfr. Salmi 103:17).

Dio è paziente. (Romani 2:4).
O.J. Gibson: "La Sua autoimposta limitazione di atti, che altrimenti potrebbero ben essere effettuati, è una qualità che si addice a chi possiede un gran potere".

La pazienza di Dio ha due aspetti: 
1)La sopportazione di ciò che è spiacevole.
Quindi sopportare i malvagi e aspettare così a lungo prima di punirli. Dio ha il pieno controllo su se stesso: non è sottoposto alle passioni, come lo sono gli uomini, bensì egli può contenere la sua ira di fronte a delle provocazioni che prevedrebbero di esercitarla (Atti 13:18; Romani 9:22).

2) La perseveranza nel ricercare il bene per le sue creature (2 Pietro 3:9).
"Non vi è alcun attributo divino più bello che la pazienza di Dio". (John Benton)

Dio è generoso.
Dio è il più grande di tutti i donatori e lo ha dimostrato nel dono supremo di Suo Figlio Gesù Cristo (Giovanni 3:16).
Dio da generosamente e senza rinfacciare (Giacomo 1:5).
Malachia 3:10: "……… vedrete se io non vi aprirò le cateratte del cielo e non riverserò su di voi tanta benedizione che non vi sia più dove riporla".

Dio è grazia.
La grazia è un atteggiamento favorevole verso i peccatori, il favore concesso con generosità a chi non possiede alcun merito per ottenerlo. È l'esercizio dell'amore verso chi è in posizione inferiore e di dipendenza, che può essere chiamato "favore immeritato". Dio prende l'iniziativa e si adopera per comunicare i suoi favori e le sue benedizioni alle sue creature. Egli si abbassa per abbracciare i miseri e i meno amabili, e per concedere benefici agli ingiusti.
La grazia di Dio è gratuita. La grazia divina non può essere comprata, vinta o reclamata di diritto. Non può essere guadagnata attraverso opere religiose e spirituali, né può essere procurata da qualche eccellenza umana (Romani 11:6).
La grazia è l'amore divino gratuitamente mostrato ai peccatori colpevoli, che meritano solo la  dannazione eterna. "Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù" (Romani 3:23-24).

Dio è fedele (1 Corinzi 1:9).
La fedeltà è che in Dio che garantisce che egli non potrà mai essere o agire in contraddizione con se stesso (2 Timoteo 2:13).
Dio non cesserà mai di essere ciò che è e che Egli è. Tutto ciò che Dio dice o fa deve essere in accordo con la Sua fedeltà. Egli sarà sempre fedele a se stesso, alla sua opera e alla sua creazione. Questo significa anche che Dio mantiene le sue promesse. A causa del suo potere illimitato e capacità, non avrebbe mai potuto impegnarsi a fare qualcosa di cui si sarebbe poi rivelato incapace. 
(2 Corinzi 1:18-22). Dio mantiene la parola data e perciò possiamo fidarci di Lui (Numeri 23:19).

Sei sconfortato? Amareggiato? Ti mancano le forze? Guarda a Dio? Guarda alla croce! Guarda Gesù! Abbi fede!Dio ha accumulato tutto in Gesù, tutte le benedizioni di Dio sono solo in Gesù! (Efesini 1:3).

Domande.
1)Descrivi brevemente l’amore di Dio?
2)Che cosa significa che Dio è paziente?
3)Cosa significa che Dio è fedele?


Bibliografia.
Erickson, M. J. Christian theology (2nd ed.) Grand Rapids, Mich.: Baker Book House. 1998

John Blanchard, Complete Gathered Gold, Evangelical Press 2006, WORDsearch. 

O.J. Gibson, I principi della dottrina cristiana, Diffusione della letteratura Cristiana, 1989.

Shenton, T. Our Perfect God: A Summary of the Attributes of God, One Publications Day, Leominster, UK,2005.


Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: