Passa ai contenuti principali

Come facciamo a sapere che Gesù era il Messia?


Come facciamo a sapere che Gesù era il Messia?
Il Vangelo di Matteo, inizia in questo modo: “Genealogia di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abraamo” (Matt.1:1 vedi anche Mar. 1:1; Luca 24:26; Giov. 20:3). Anche Gesù lo aveva affermato alla Samaritana (Giov.4:25-26), fu riconosciuto da Andrea che lo testimoniò al fratello Simon Pietro (Giov.1:41). Egli accetta il titolo dal cieco Bartimeo (Mar.10:46-48), dalla folla, quando entra a Gerusalemme (Matt. 21:9), dai bambini al tempio (Matt.21:15) e in altri contesti ( Matt.16:16-18, Mar.14:61-62, Luca 4:21). 
La parola greca “Cristo” (Christós) corrisponde alla parola ebraica “Māšîaḥ” che significa unto, il nome dato al Liberatore promesso che sarebbe venuto un giorno per il popolo d'Israele come il loro grande Salvatore e Redentore. Israele, perciò, attendeva, fin dai tempi più antichi, un giorno futuro, in cui il popolo avrebbe trionfato sui nemici e vi sarebbe stata prosperità e pace per tutti. (Gen.49:8-12; Is.9:5-6; 11:1-5; Ger.23:5-6; Zacc.9:9-10; Ez. 34:23-26; Mich.5:1-5,ecc). 
Nell’Antico Testamento il titolo “Messia”, vale a dire Unto del Signore, perché scelto e consacrato da Dio, è il titolo che spetta al re della dinastia Davidica (1 Sam.16:13; 2 Sa.7:13-16; Ez.34:23-24, ecc). Alcuni, ovviamente, aspettano ancora l'adempimento di queste promesse dell'Antico Testamento, quando il “Messia” verrà a instaurare un regno di pace e di giustizia centrata sulla nazione prescelta, Israele. D'altra parte, i cristiani, quindi dagli apostoli in poi, sono convinti che Gesù di Nazaret era il Messia promesso. I primi cristiani hanno predicato che Gesù è il Cristo (Atti 2:36;3:18-20; 1Cor.1:10-30,ecc.). Alla predicazione di questa verità, molti Ebrei si convertirono per la grazia di Dio, ma, in seguito, anche molti pagani riconobbero che Gesù era il Cristo. Avevano buone ragioni per credere questo. Una prova schiacciante che Gesù è il Cristo, è che ha realizzato in modo chiaro e senza equivoci, le profezie messianiche dell'Antico Testamento. 
Josh McDowell: “L’antico Testamento contiene oltre trecento riferimenti al Messia che si sono realizzati in Gesù.”   
Dunque le profezie più di trecento e fatte centinaia di anni prima, è impossibile, che si siano realizzate in modo accidentale su un uomo qualsiasi! Vediamo alcune delle profezie messianiche che provano che Gesù è il Messia. 
1. Nato da una vergine (Is.7:14; Matt. 1:21- 23.) 
2. Del seme di Abramo (Gen. 12:1-3; 22:18, Matt.1:1; Gal 3:16.)
3. Della tribù di Giuda (Gen.49:10, Luca 3:23, 33; Eb. 7:14.) 
4. Della casa di Davide (2 Sam. 7:12-16; Matt.1:1.) 
5. Nato a Betlemme (Mich.5:2; Matteo 2:1; Luca 2:4-7.) 
7. Unto dallo Spirito Santo (Is.11:2; Matt.3:16-17.) 
8. Annunciato dal messaggero del Signore, il Battista (Is. 40:3; Mal. 3:1; Matt.3:1-2.) 
9. Avrebbe fatto miracoli (Is.35:5-6; Matt. 9:35.) 
10. Avrebbe purificato il tempio (Mal.3:1;. Matteo 21:12-13.) 
11. Rifiutato dagli Ebrei (Sal. 118:22; 1 Pietro 2:7.) 
12. Morto di una morte umiliante (Sal 22; Isa 53.) 
a. Vediamo il rifiuto (Is.53:3; Giov.1:10-11, 7:5, 48.) 
b. Vediamo il silenzio davanti ai suoi accusatori (Is. 53:7; Matt.27:12-19.) 
c. Vediamo la derisione (Sal. 22:7-8; Matteo 27:31.) 
d. Vediamo i segni delle ferite nelle sue mani e piedi (Sal. 22:16; Luca 23:33.) 
e. Vediamo la crocifissione con i ladri (Is. 53:12; Matt.27:38.) 
f. Vediamo la preghiera per i suoi persecutori (Is. 53:12; Luca 23:43) 
g. Vediamo il segno della ferita nel costato (Zacc. 12:10; Giovanni 19:34.) 
h. Vediamo la sepoltura nella tomba di un uomo ricco (Is. 53:9; Matt. 27:57-60.) 
i. Vediamo le sue vesti sorteggiate (Sal. 22:18; Giov.19:23-24.) 
14. Sarebbe risorto dai morti (Sal. 16:10; Marco 16:06; Atti 2:31.) 
15. Asceso al cielo (Sal 68:18; Atti 1:9.) 
16. Si sedeva alla destra di Dio (Sal.110:1; Ebr. 1:3.) 

Pertanto possiamo affermare che Gesù è il Messia profetizzato nell’Antico Testamento.
Possiamo dire che come Messia Gesù:
1)Il re promesso liberatore (2 Sam.7:11-13.)
2)Colui che Dio ha mandato per essere il Salvatore del mondo, dei nostri peccati e dall’ira di Dio (Luca 2:11; Giov.4:42; Rom.5:8-11; 1 Tim.1:15.)
3)Dio con noi, Emmanuele (Is.7:14; Matt.1:23.)

Bibliografia.
Dizionario Biblico, Claudiana editrice, 1992, Torino.

Geisler, N. L., & Brooks, R. M. (1990). When skeptics ask. Wheaton, Ill.: Victor Books.

Henry M. Morris and Martin E. Clark, The Bible Has the Answer,  1976, 1987 by Master Books, Inc. Database , WORDsearch Corp. 2007.

Josh McDowell, Nuove evidenze che richiedono un verdetto,  ed. centroBiblico, Napoli, 2004.

Ladd, G. E., & Hagner, D. A. (1993). A Theology of the New Testament. Grand Rapids, MI: William B. Eerdmans Publishing Company.

O.J. Gibson, I principi della dottrina cristiana, Diffusione letteratura cristiana, Berneck/Florenz,1989.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: