Passa ai contenuti principali

Che cosa c'è dopo la morte?


Che cosa c’è dopo la morte?
Anche se non siamo certi quando moriremo, possiamo essere certi che moriremo! Quindi è buono essere pronti quando questo accadrà. Le persone più riflessive si rendono conto che la vita sulla terra non sarà per sempre. La morte è il fatto più importante per gli uomini,  come diceva J. C. Ryle: “Tutte le morti sono eventi solenni. Nulla in tutta la storia di un uomo è così importante come la sua fine” . Ci sono tre atteggiamenti riguardo la morte, chi la desidera, chi la teme, chi la ignora. 


Le teorie riguardo il dopo la morte.
A) La non-esistenza.
Questa teoria pensa che saremo tutti annientati, quando moriamo dopo non c’è più niente.

B) L’universalismo.
Questa teoria dice che Dio un giorno salverà tutti, tutti andranno in cielo.

C) Reincarnazione.
Una persona morta può ritornare sulla terra sia in una forma diversa oppure nel corpo di un’altra persona.

D) Non lo possiamo sapere.
Alcuni dicono che, la nostra condizione dopo la morte va al di là delle conoscenze umane, perciò noi non possiamo sapere cosa c’è dopo la morte. 

Insegnamento Biblico riguardo il dopo la morte.
A) Ci sarà un giudizio. 
Ebrei 9:27: "Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio". In questo giudizio ci sarà una divisione. (Daniele 12:2; Matteo 13:39-43; Giovanni 5:28-29.)

(1) Coloro che hanno una giusta relazione con Dio saranno salvati, saranno accolti in cielo, per vivere per sempre con Dio. (Giovanni 3:16; Romani 5:8-11,Giovanni 14:3; Apocalisse 21:3-4.)

(2) Coloro che non hanno una giusta relazione con Dio saranno puniti di eterna rovina. 
In altre parole questa condizione viene chiamata inferno. Questi non andranno alla presenza di Dio, ci sarà una separazione da Dio e dalla Sua gloria (2 Tessalonicesi 1:9.) Oltre agli uomini (Matteo 5:30; 10:28;18:9;Apocalisse 20:15) ci sarà satana, la bestia, il falso profeta (Apocalisse 20:10;) e gli angeli malvagi (2 Pietro 2:4)

B) Caratteristiche dell’inferno.
(1) L’inferno esiste veramente.
Non è un’invenzione della chiesa o degli uomini. Gesù ha parlato molto dell’inferno nei Vangeli. (Luca 16:19-31; Matteo 3:12; 5:29;13:42, 50;18:8; 22:13;23:33;24:51;25:30;Marco 9:44,48; Luca 13:28). Non ci sono dubbi l’inferno è reale. (Vedi anche Apocalisse 14:11; 20:15) 

(2) L’inferno è terrificante.
L’inferno è descritto come un luogo di tormento (Luca 16:28). Come una fornace ardente (Matteo 13:42); come un fuoco divorante e inestinguibile (Isaia 33:14). L’inferno è un luogo di sofferenza (Matteo 3:12; 22:13); dove non c’è riposo né  giorno e né notte (Apocalisse 14:11). Quelli che sono all’inferno sono maledetti da Dio, senza aiuto e conforto, in altre parole l’inferno è l’assenza di Dio!

(3) L’inferno è definitivo.
Non ci sarà una seconda opportunità di salvarsi! (Apocalisse 16:26). La Bibbia prevede l'inferno senza fine (Giuda 13; Apocalisse 14:11; 20:10). Speculazioni su una seconda possibilità dopo la morte, o annientamento personale degli empi a un certo punto, non è secondo la rivelazione biblica. (Isaia 66:24; Matteo 25:46; Marco 9:44-48; 2 Tessalonicesi 1:9). 
John Blanchard: “L’orrore, l’isolamento e l’agonia dell’inferno servono non a purificare, bensì a punire per sempre!” 

(4) L’inferno è giusto.
La Bibbia ci dice che Dio è giusto e che giudicherà con giustizia (Atti 17:31). Dio giudica il peccato che detesta per la Sua santità (Ebrei 12:29, Romani 2:4-6, 8-9, 12). Egli è perfettamente giusto da mandare i peccatori impenitenti all’inferno. Dio dà a loro ciò che loro hanno scelto: come hanno rigettato Dio, Dio rigetterà loro, Egli confermerà la loro scelta per sempre. (Giovanni 3:16-21; Romani 1:18, 24, 26, 28, 32;. 2:8; Galati 6:7; 2 Tessalonicesi 2:9-11). Tutti ricevono ciò che effettivamente hanno scelto! 
Coloro che sono all’ inferno secondo le loro azioni, ma anche perché in cuor loro lo hanno scelto. O.J. Gibson: “Insultare l’infinito amore e l’infinita sapienza di un Dio infinito richiede un’infinita punizione.”  
Lo scopo dell’insegnamento biblico circa l'inferno è quello di farci apprezzare e preferire la grazia di Cristo che ci salva da questa terribile realtà. (Atti 4:12; 1Timoteo 1:15-16). È davvero un atto misericordioso per l'umanità che Dio nella Bibbia parla chiaramente dell'inferno. Non possiamo dire che non siamo stati avvertiti. Ma nel giorno del giudizio ci saranno delle sorprese, persone che pensano di essere credenti saranno respinti dalla presenza di Dio. (Matteo 7:21-23; 25:37-46). 
I puri di cuore vedranno Dio, cioè le persone che non sono ipocrite davanti a Lui, credenti sinceri, integri, veri, non solo nell’apparenza, ma interiormente (Matteo 5:8). Perciò, il vero credente non teme il giudizio perché è sicuro della salvezza che si trova in Gesù, dimostrata da un cambiamento interiore e comportamentale. (Giovanni 3:16,36; 2 Corinzi 5:17).

Domande.
1) Cosa pensi delle varie teorie sul dopo la morte?

2) Secondo la verità Biblica del dopo la morte, qual è la tua certezza? Dove andrai?

Bibliografia.

Bruce Milne, Know the Truth, IVP Book, Downers Grove IL,1998.
  
H.Wayne House, Theology and Doctrine, Grand Rapids, Michigan,1992.

John Blanchard, Domande di fondo, Formigine, Voce della Bibbia,1989.

John Blanchard, Complete Gathered Gold, Evangelical Press 2006,WORDsearch. 

O.J. Gibson, I principi della dottrina cristiana, Diffusione della letteratura  cristiana, Berneck/Florenz 1989

Packer, J. I. (1995, c1993). Concise theology : A guide to historic Christian beliefs. Wheaton, Ill.: Tyndale House.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: