Passa ai contenuti principali

1 Pietro 2:24: La morte di Gesù è una sostituzione.

1 Pietro 2:24: La morte di Gesù è una sostituzione.
“Egli ha portato i nostri peccati nel suo corpo, sul legno della croce, affinché, morti al peccato, vivessimo per la giustizia, e mediante le sue lividure siete stati sanati”. (Vedi anche Romani 5:8; Ebrei 9:28; 1 Pietro 3:18). 

Per sostituzione s’intende che una persona prende il posto di un’altra specialmente nel caso di un castigo in modo da evitarglielo. 
Noi troviamo nella Bibbia che Abramo offrì invece del figlio un montone (Genesi 22:13), così l’Agnello pasquale fu sacrificato per la protezione contro il giudizio di Dio (Esodo 12:13-17); gli animali venivano sacrificati sotto l’Antico Patto come vediamo nel Levitico, per il popolo (Levitico 1:4; 4:13-20; 6:2-7;16:17,30,34, ecc.). Tali sacrifici avevano il senso di espiare (kāp̱ar) i peccati. “Espiare” significa coprire il peccato, coprirlo alla vista di Dio così da non suscitare la Sua ira. “Espiare” ha quindi il senso di riparare, ma anche quello di riconciliare (Salmi 51:9; Isaia 38:17; Michea 7:19).
Quindi nell’Antico Testamento l’espiazione avveniva per mezzi di una vittima sostitutiva che prendeva il posto dell’offerente. In Ebrei 2:17 leggiamo che Gesù ha fatto l’espiazione per i peccati del popolo.
Gesù “ha portato i nostri peccati” nel suo corpo sulla croce, questo indica che la croce è il posto dell’altare del sacrificio dove Gesù ha offerto se stesso!
“Egli ha portato i nostri peccati” significa che, benché Gesù non avesse peccato (2 Corinzi 5:21) si è fatto peccato prendendo i nostri peccati sacrificandosi per i peccatori (Isaia 53:6,11-12). Gesù ha portato il peso massiccio e pesante del peccato.
“Portare i peccati” non significa solidarizzare con i peccati, non significa identificarsi con il dolore, non significa essere perseguitati per i peccati, ma significa portare le conseguenze penali, subire un castigo come vediamo nell’Antico Testamento, (Esodo 28:43; Numeri 14:34, ecc.). 
Nel ricevere l'ira di Dio per il peccato, Cristo non solo morì (Giovanni 19:30-37), ma sopportò anche l’orribile separazione dal Padre (Matteo 27:46). 
“Portare i nostri peccati” significa che siamo assolti dai nostri peccati, e la colpa e quindi il giudizio che meritavamo è caduto sul Figlio. Gesù ha preso la nostra maledizione (Galati 3:13) e noi la giustificazione, cioè Dio ha imputato a noi la giustizia di Gesù (Romani 4:6; 1 Corinzi 1:30; Filippesi 3:9). 
Se Cristo non è il tuo sostituto, occupi ancora il posto di un peccatore condannato! Se i tuoi peccati e la tua colpa non sono stati ancora trasferiti a Gesù, se non li ha portati su di sé, allora sicuramente rimangono ancora su di te con tutte le conseguenze che comporta. Se i tuoi peccati e la tua colpa non sono stati presi da Gesù in croce, rimangono ancora su di te! 
Porta il tuo fardello di peccati alla croce di Gesù, credi in Lui come tuo Signore e Salvatore, invocalo per essere salvato, pentiti dei tuoi peccati e sarai salvato! Gesù rimuoverà la colpa insieme ai tuoi peccati perché li prenderà Lui per te! 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: