Passa ai contenuti principali

Amos 5:6: Senza Dio non c’è vita!

Amos 5:6: Senza Dio non c’è vita!
“Cercate il Signore e vivrete”.

Queste parole sono rivolte alla casa di Giuseppe, Efraim e Manasse che rappresentavano il regno del nord d’Israele (Ezechiele 37:16,19), questo regno necessitava di una rinascita spirituale perché era assente una vera adorazione e una mancanza di giustizia.
Noi in questo passo vediamo il comando a cercare Dio, di conseguenza il popolo sarebbe rimasto in vita. 
Noi troviamo qui una chiamata al pentimento, Dio è ancora misericordioso e longanime, ma pone un limite al peccato.
Le sue braccia erano aperte e tese, pronte a ricevere i peccatori pentiti (cfr. Isaia 65:2-5), ma voleva che si allontanassero completamente dalla falsa adorazione idolatrica nei santuari di Betel, Ghilgal e Beer-Seba (cfr. v.5), nonché dal loro peccato, dall’avidità e dal maltrattamento dei poveri (vv.10-17). 

Israele è esortato a rivolgersi a Dio con tutto il cuore e a smettere di praticare l’idolatria, se non l’avessero fatto Dio li avrebbe giudicati, come leggiamo nel v. 6: “Affinché egli non si avventi come un fuoco sulla casa di Giuseppe e la consumi senza che a Betel ci sia chi la spenga”.

Dio è un fuoco consumante (Deuteronomio 4:24), il fuoco a volte rappresenta la Sua ira (Deuteronomio 32:22; Ezechiele 22:21) e il Suo giudizio (Salmo 21:9; Isaia 30:27,30; Geremia 5:14; Ezechiele 15:7; Amos 1:12,14; 5:6; 7:4; Ebrei 10:26-27) che si concretizzerà con la guerra e la distruzione portata da eserciti invasori.
Questo giudizio nessuno lo potrà fermare! Nessuno sarà in grado di spegnere il fuoco del giudizio di Dio! Nessuno potrà aiutare il regno del nord!!
Noi impariamo alcune verità importanti.
1) Per Dio il peccato è una cosa seria.
Dio è santo (Isaia 6:3; Abacuc 1:13), e giusto (Esdra 9:15; Salmo 11:7)quindi non è indifferente al peccato.
I giudizi di Dio sono veri e giusti! (Apocalisse 16:5:7; 19:2), e punisce i peccatori perché ricevano la giusta pena dovuta per il loro peccato (Esodo 34:6-7; Salmo 99:8; 119:137; 129:4; Romani 1:18).
2) Il giudizio di Dio non ha ostacoli. 
Nessuno può spegnere il fuoco del giudizio di Dio!  È una cosa terrificante affrontarlo (Ebrei 10:31; Apocalisse 6:15-16).
Non possiamo prendere alla leggera tutti quei passi della Bibbia che ci parlano del giudizio di Dio!
Dio è un Dio di amore, ma è anche santo e giusto! 
3) Al di fuori di Dio non c’è vita!
La vita è possibile solo con un vero ritorno al Signore!
È necessario pentirsi dei nostri peccati (Atti 3:19), confessandoli a Lui (1 Giovanni 1:8-10) e credere in Gesù Cristo (Giovanni 3:16,36), l’unico salvatore(Giovanni 4:42; Atti 4:12) e mediatore (1 Timoteo 2:4-5)che Dio ha stabilito per avere un rapporto con Lui, Gesù è la via, la verità e la vita, nessuno può andare a Dio se non per mezzo di Lui (Giovanni 14:6).
Gesù ci libera dal giudizio finale dopo la morte, quindi dall’inferno (Matteo 25:41; 1 Tessalonicesi 1:10; 2 Tessalonicesi 1:8-10; Ebrei 9:27-28).
Coloro che amano le tenebre al posto della luce saranno giudicati per andare all’inferno.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: