Passa ai contenuti principali

Sofonia 3:17: Il Signore gioirà per il suo popolo.

Sofonia 3:17: Il Signore gioirà per il suo popolo.
“Il Signore, il tuo Dio è in mezzo a te, come un potente che salva; egli si rallegrerà con gran gioia per causa tua; si acqueterà nel suo amore; esulterà, per causa tua con grida di gioia”.

Nel contesto di questo capitolo vediamo che prima Sofonia profetizza il castigo di Gerusalemme per i propri peccati: i suoi capi,  giudici, profeti e sacerdoti erano corrotti e non si fidavano del Signore, o ascoltavano la sua Parola. Sofonia profetizza che il Signore avrebbe portato vera giustizia per tutti i popoli nel giorno della sua ira (vv.1-8). Dopo profetizza le benedizioni future (vv.9-20). Il Signore benedirà sia Gerusalemme e le nazioni. Il popolo di Dio è chiamato a gioire. Tre sono i motivi per gioire: Il primo motivo è perché il Signore ha tolto la punizione sul suo popolo (v.15), il secondo motivo è perché ha scacciato i nemici del suo popolo (v.15), il terzo motivo è perché il Signore è in mezzo al Suo popolo (vv.15-17). 
Il Signore, il Creatore è presente nella vita del Suo popolo! È presente come un potente che salva! “Signore” (Yahweh) fa venire in mente tutte le grandi opere che il Signore ha eseguito per conto dell'antico Israele. “Il tuo Dio" significa il Dio che sostiene questo popolo.

“Potente” (gibbôr) indica un guerriero che è in grado di superare tutti i suoi nemici, che in nome del suo popolo i nemici e li libera (Deuteronomio 10:17-18; Salmo 24:8; 89:8-10; Isaia 10:20-27; 42:13).
“Egli si rallegrerà con gran gioia per causa tua” esprime la profondità dell’amore di Dio per il suo popolo. Che Dio combatte per noi è di grande conforto, ma che il Dio Santo si rallegra per il peccatore è incomprensibile! Questa gioia è radicata nel tipo di Dio che è; egli è un Dio di misericordia (Michea 7:18; Luca 15:11-32). 
Poi il profeta dice: “ Si acqueterà nel suo amore”. Questa espressione indica un amore profondamente sentito, e non può essere diversamente perché Dio è amore (1 Giovanni 4:8) e come tale è un Dio che perdona i peccati del suo popolo. 
Infine leggiamo “Esulterà, per causa tua con grida di gioia”. Come la sposa è la gioia dello sposo (Isaia 62:1-5), o come il padre con il figliol prodigo (Luca 15:22-24). 
Anche i veri cristiani conoscono per esperienza cosa significa che Dio è potente nel salvare, l’hanno sperimentato con la salvezza dai loro peccati in Gesù (Matteo 1:21; Romani 1:16). Grazie al sacrificio di Gesù Dio ci vede puri (Ebrei 10:10-14) e si rallegra di noi! 
Questo passo di benedizione, segue i versetti di giudizio (vv.1-8), pertanto questo versetto insieme al contesto (vv.9-20) ci parlano di speranza: la speranza in mezzo al giudizio, anche per coloro che si credono i peggio peccatori, nessuno è senza speranza (per esempio Luca 19:1-10; 1 Timoteo 1:15-16). Dio può fare cose nuove se siamo umili, se confidiamo in Lui e se ci pentiamo dei nostri peccati (vv.11-13; Atti 20:21). 
La speranza in Dio per le promesse: Dio promette una restaurazione (vv.9-20) e ciò che Dio promette realizzerà! (Numeri 23:19).  

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: