Passa ai contenuti principali

2 Pietro 1:20-21: L’origine divina della Bibbia.

2 Pietro 1:20-21: L’origine divina della Bibbia.
"Sappiate prima di tutto questo: che nessuna profezia della Scrittura proviene da un'interpretazione personale; infatti nessuna profezia venne mai dalla volontà dell'uomo, ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo". 

Questo passo afferma essenzialmente due cose: la prima che la Bibbia, in ogni sua parte, non ha la sua origine con un’iniziativa umana, ma in Dio, la seconda è: Dio ha guidato gli uomini, questi erano sospinti dallo Spirito Santo. In questo senso lo Spirito li guidava e vegliava su di loro, perciò possiamo essere sicuri che la rivelazione di Dio è priva di errori, perché lo Spirito Santo garantisce completamente la verità contenuta nelle Sacre Scritture dalla Genesi all’Apocalisse.
Il verbo greco "sospinti" (pheromenoi) indica qualcosa che è portato, trascinato, preso, sorretto e mosso da colui che è il portatore che lo conduce dove egli vuole. Il verbo nel greco è al passivo, perciò gli autori della Bibbia erano portati, non era la loro volontà a guidarli, ma era lo Spirito di Dio.
La stessa parola greca la troviamo in Atti 27:15,17 quando la nave, su cui era Paolo fu trascinata via da un vento impetuoso e non poterono resistere alla furia del vento, e perciò non potendo più controllare la nave la lasciarono e andarono alla deriva, il vento trascinò via la nave! Quindi i profeti erano trascinati dallo Spirito di Dio come la nave alla deriva dal vento. 
Parlando di 2 Pietro 1:19-21 il teologo B.B.Warfield diceva: “ Questo passo, allora dichiara che gli uomini che hanno parlato da parte di Dio, sono stati presi dallo Spirito Santo e portati dal suo potere a compiere lo scopo da lui preordinato. Perciò, le cose che hanno annunciato sotto l’influenza dello Spirito non provenivano da loro, ma dallo Spirito”. 
La Bibbia è stata scritta dagli uomini, ma è ispirata da Dio, perché nel processo di scrittura, gli autori erano sotto il controllo dello Spirito Santo. 
Ora se la Bibbia è di origine divina allora è importante e un bene per noi conoscerla, quindi leggerla, meditarla, studiarla e praticarla!
Pietro Martiri Vermigli diceva: “ Credetemi, nella condizione umana non vi è miseria più grande dell’ignorare le Sacre Scritture e, viceversa, non vi è maggiore beatitudine del conoscerle”.  
Nessuna disciplina spirituale è più importante quanto il nostro rapporto con la Parola di Dio. Niente può sostituire la Parola di Dio, infatti, tramite la Bibbia, Dio rivela se stesso, il Suo carattere, il Suo piano di salvezza in Gesù Cristo e come possiamo essere salvati, come possiamo relazionare con Lui e come dobbiamo comportarci secondo la Sua volontà. 
Dio si rivela personalmente e lo si può conoscere per esperienza attraverso la Bibbia, quindi non riguarda semplicemente solo una conoscenza intellettuale, ma è anche una conoscenza empirica: fare l’ esperienza di Dio. Attraverso la Bibbia, noi possiamo godere la comunione con Dio, possiamo curare il rapporto con Dio. 
La Bibbia deve essere il nostro metro di misura per la dottrina, per il nostro carattere e comportamento. 

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).