Passa ai contenuti principali

Spera in Dio! Isaia 40:12-31

 Spera in Dio! Isaia 40:12-31

“La speranza può vedere il cielo attraverso le nuvole più spesse” (Thomas Brooks)


Quanto pensi alle grandezze di questo mondo quali immagini ti vengono in mente?



Quanto pensi alla saggezza e alla giustizia di questo mondo a che cosa pensi?



Dove e come le persone cercano speranza?



Osservare

Con una serie di domande retoriche Isaia afferma che il Signore è unico. Quali immagini Isaia usa per illustrare la grandezza di Dio? (Isaia 40:12)



Dio non solo ha la capacità di fare ciò che è umanamente impossibile, la sua grandezza non possiamo nemmeno misurarla. Al v.13 Isaia è come se dicesse: “Se non possiamo prendere la misura del mondo fisico, come possiamo prendere la misura di Dio?” Quali domande fa Isaia riguardo la giustizia e la saggezza di Dio che ci fanno capire ancora la sua grandezza e indipendenza? (Isaia 40:13-14)



Il popolo di Dio non doveva temere nessuna di quelle nazioni, o dei loro eserciti che li minacciava, il Suo popolo doveva confidare nella potenza e nella grandezza di Dio.Che differenza c'è tra il potere e la grandezza delle nazioni più temute con i loro dèi al tempo di Isaia e il potere e la grandezza di Dio? Come sono le nazioni davanti a Dio? Quali immagini usa Isaia? (Isaia 40:15-17)



Tutti i paragoni che Isaia ha introdotto portano alla conclusione inevitabile che il Signore è il vero Dio e che accanto a Lui non c'è nessun altro. Non c'è nulla con cui possa essere paragonato, perché Dio è il Creatore e tutto il resto è creazione, l'opera delle Sue mani. È cosa vana e sciocca che una persona ricca e povera incarichi un artigiano a fare un idolo (Isaia 40:18-20; cfr. Isaia 41:6–7; 44:9–20; 46:5–7), queste persone sono chiamate a riflettere. Il popolo d’Israele doveva già sapere la vera natura di Dio! Se è vero che Dio è assolutamente unico nella Sua creazione, e se è vero che le nazioni dell'umanità semplicemente scompaiono rispetto a Lui, come si può rappresentarlo? La risposta implicita è nessuno, sarà sempre sbagliata, il motivo è perché Dio è trascendente! Come si esprime Isaia riguardo la trascendenza di Dio? (Isaia 40:21-22)



In che modo Isaia esprime il potere sovrano ed efficace di Dio? (Isaia 40:23-24)



Con quali domande il Signore si esprime tramite Isaia ancora riguardo il Suo potere? Che cosa specifica della Sua natura? (Isaia 40:25-26)



Nel v.27 il popolo di Israele lamentandosi fa due affermazioni, la prima è teologica, che tocca la natura di Dio, cioè che il Signore non conosce la situazione del popolo, mentre la seconda è sperimentale, tocca l'esperienza delle persone, cioè Dio non bada al diritto del Suo popolo. In che modo Dio ha risposto a queste due affermazioni? (Isaia 40:27-28)



La vita mostra che le nostre risorse naturali falliscono, ma quali promesse Dio ha dato agli affaticati e agli stanchi che sperano in Lui? (Isaia 40:29-31) 



Imparare

Ciò che è impossibile all’uomo perché creatura, non è impossibile al Dio Creatore. Il Signore è unico e incomparabile. In che senso può essere confortante e anche di avvertimento meditare sulla schiacciante maestà del Dio Creatore eterno e instancabile, della Sua giustizia, saggezza, trascendenza, santità e potere?



Nel nostro pensare a Dio si deve sempre tenere presente la trascendenza di Dio, l'infinita distanza tra Dio e la creatura. Ignorare questa distinzione è cadere nel peccato dell'idolatria. Fare un'immagine di Dio, rappresentarlo come una creatura, significa considerarlo come un essere finito, e quindi è idolatria. Molti religiosi quando pensano a Dio lo rappresentano con delle immagini, ma il Dio della Bibbia a chi assomiglia?



La grandezza di una nazione sulla terra è insignificante se paragonata a Dio. Dio è più forte dei potenti della terra, che a quei tempi erano gli Assiri, Babilonesi e Persiani con tutti i loro dèi svanivano nel nulla, come anche oggi. Cosa significa oggi per te?

 


In che senso la grandezza del potere di Dio in azione e la sua promessa di aiuto può effettivamente essere un incoraggiamento per gli scoraggiati, o i depressi, gli oppressi?



Quale delle immagini del potere di Dio sulla natura ti parla più chiaramente? Perché?



Dio ha una grande risorsa inesauribile di energia da dare a coloro che ne sono privi e può fare quello che vuole a Suo tempo. Il ritardo apparente non significa mai una mancanza di conoscenza, o una mancanza di capacità da parte Sua, ma noi dobbiamo sperare nell’intervento di Dio, questa è la condizione! Questa speranza è implica un legame spirituale, significa ammettere il nostro bisogno e di affidare la nostra vita nelle mani di Dio; la speranza è un'attiva dipendenza da Dio che attende pazientemente il Suo intervento al momento giusto con fiduciosa aspettativa. Ora sapere che quelli che sperano nel Signore acquistano nuove forze e sono paragonate alle forze delle aquile che prendono il volo, cioè che non sono schiacciati sulla terra dalla propria impotenza, coloro che dipendono da Dio possono “distendere le ali e senza sforzo volare al vento” come le aquile. Cosa significa per te?



Applicare

Ti stai lamentando davanti a Dio contro di Lui? Hai qualche dubbio sulla presenza di Dio nella tua vita? Cosa puoi fare per toglierteli dai tuoi pensieri?



Per quali caratteristiche di Dio puoi adorarlo e ringraziarlo? 



Quali pesi puoi portare a Dio sapendo che da nuove forze a quelli che sperano in Lui?




Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Blanchard, J. (2006). In The Complete Gathered Gold: A Treasury of Quotations for Christians. Webster, New York; Darlington, England: Evangelical Press.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Leupold, H. C. (1971). Exposition of Isaiah (Vol. 2). Grand Rapids, MI: Baker Book House.

Mackay, J. L. (2009). A Study Commentary on Isaiah: Chapters 40–66 (Vol. 2, pag. 21). Darlington, England; Carlisle, PA: EP Books

Motyer, J. A. (1996). The prophecy of Isaiah: an introduction & commentary. Downers Grove, IL: InterVarsity Press.

Ortlund, R. C., Jr., & Hughes, R. K. (2005). Isaiah: God saves sinners. Wheaton, IL: Crossway Books.

Oswalt, J. N. (1998). The Book of Isaiah, Chapters 40–66. Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.

Smith, G. (2009). Isaiah 40-66 (Vol. 15B, pagg. 95–96). Nashville, TN: Broadman & Holman Publishers.

The Complete Biblical Library: Isaiah: 22-Volume Bundle. (2000). WORDsearch.

Watts, J. D. W. (2005). Isaiah 34–66 (Revised Edition, Vol. 25). Nashville, TN: Thomas Nelson, Inc. 

Young, E. (1972). The Book of Isaiah, Chapters 40–66 (Vol. 3). Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.





Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: