Passa ai contenuti principali

Salmo 46:1: Una promessa meravigliosa.

Salmo 46:1: Una promessa meravigliosa.
“Dio è per noi un rifugio e una forza, un aiuto sempre pronto nelle difficoltà”.  

In questi versetti vediamo il motivo per cui non dobbiamo avere paura davanti a situazioni devastanti nella nostra vita. Ci sono “terremoti” (vv.2-3) che possono sconvolgerci: problemi di salute, la perdita di una persona cara, di un lavoro, ecc. Il cristiano non deve aver paura, perché Dio è in controllo ed è così forte da sostenerlo in ogni circostanza! L'ordine delle parole in ebraico pone l'accento sulla parola: “Dio”, egli e nient'altro, è il nostro conforto in tutte le avversità. “Dio” (ʾelōhiym –plurale dèi) indica il suo potere e la sua maestà che a differenza degli esseri umani, è senza inizio e limitazioni di potenza. Dio è più potente di tutte le forze che si abbattono su di noi; provvede sicurezza e sostegno anche nelle peggiori, sconvolgenti e devastanti circostanze! In questa promessa vediamo tre aspetti di Dio che c’incoraggiano ad avere fede in lui e a non temere.

1) Dio è un inespugnabile rifugio. 
Dio è una roccaforte dove possiamo ripararci ed essere assolutamente al sicuro! (Proverbi 18:10). “Rifugio” (maḥseh) si riferisce a una fortezza difensiva invincibile, a un posto inaccessibile all’assalto del nemico, un posto fortificato dove trovare sicurezza, protezione e tranquillità (Giobbe 24:8; Salmo 14:6; 61:3; 62:8; 71:7; 91:2,9; Isaia 4:6; 25:4). 
2) Dio è incredibile forza. 
“Forza” (ʿōz) indica potenza, l’esercizio di una grande forza, o sopportare una grande forza, con l'obiettivo di avere la capacità di fare ciò che si desidera, o è necessario senza ostacoli. Descrive l’onnipotenza di Dio (Salmo 62:11; 63:2). Dio ha mostrato la sua forza, nell’esodo dall’Egitto con i suoi prodigi, superando ogni ostacolo (Esodo 15:13). 
“Dio è per noi una forza”, significa che Dio ci tiene forti, dona forza al suo popolo (cfr. Salmo 29:11) dandogli sostegno e capacità di stare in piedi nelle difficoltà! Dio è la fonte di forza per coloro che sono deboli e indifesi; o che possono contare sulla forza di Dio come se fosse la loro; o che si sentono sicuri nella sua forza come se avessero quella forza in loro stessi. Dio è una fonte inesauribile di forza, permettendoci di affrontare i pericoli che ci assalgono, o situazioni più grandi di noi. Con la forza di Dio possiamo affrontare ogni cosa! (Filippesi 4:13).
3) Dio è instancabile aiuto.
“Aiuto” (ʿezrāh) riassume che Dio è un rifugio e una forza; indica assistenza, supporto per chi è vulnerabile, indifeso. L’aiuto arriva da uno, in questo caso, Dio, che assiste e dà a un altro quello che è necessario, anche se è in estremo bisogno (Salmo 38:22; 70:1; 91:1,9). L’aiuto di Dio è più che sufficiente su tutto (Salmo 22:19; 27:9; 35:2; 40:13; 44:26; 46:1; 63:7; 94:17; Naum 3:9). “Pronto” (nimṣā’) indica che “si trova”, o “è stato trovato”, o “pronto a essere trovato”, o “presente” nel bisogno. Quindi l’idea è: Dio si è dimostrato un aiuto, non ha deluso, è arrivato puntuale (Salmo 34:5). Quindi “pronto” indica l’esperienza vissuta con Dio (cfr. Salmo 63:7), un aiuto concreto e ben dimostrato nei guai. Questo è confermato anche dal fatto che nell’ebraico c’è l’avverbio (mĕ’ōd), affianco a “pronto” che indica “veramente”, o “estremamente”, o “abbondante” per indicare che è vero e proprio, più che sufficiente per ogni situazione. È vero, nel senso più alto che Dio è colui sempre presente nella nostra vita e ci aiuta! Più che sufficiente per ogni situazione! Pertanto ci possiamo fidare di lui, non temiamo! “Difficoltà” (tsārāh) indica un posto stretto, limitato, dove una persona è immobilizzata, quindi nella distretta, nell’afflizione. Si riferisce a una situazione, o a un momento di disagio estremo e forte pressione che crea ansia e dolore. Dio libera da questa condizione (Genesi 35:3, Giobbe 5:19; Salmo 9:9). Quello che dobbiamo fare è ammettere di aver bisogno di Dio, di umiliarci davanti a lui e di chiedergli aiuto (Salmo 34:18; Matteo 5:3; Giacomo 4:6-7; 1 Pietro 5:6-7). 


Commenti

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…