Passa ai contenuti principali

1 Cronache 29:11-12: Il governo di Dio è universale (Seconda parte).

1 Cronache 29:11-12: Il governo di Dio è universale (Seconda parte).
“A te, SIGNORE, la grandezza, la potenza, la gloria, lo splendore, la maestà, poiché tutto quello che sta in cielo e sulla terra è tuo! A te, SIGNORE, il regno; a te, che t'innalzi come sovrano al di sopra di tutte le cose! Da te provengono la ricchezza e la gloria; tu signoreggi su tutto; in tua mano sono la forza e la potenza, e sta in tuo potere il far grande e il rendere forte ogni cosa”.

Dio governa la natura.
Dio non solo è sovrano sulle nazioni (Salmo 33:10-11), ma anche sulla natura.
Dio governa i corpi celesti (luna, stelle, sole).
Per esempio Isaia 13:10 dice: “Ecco il giorno del SIGNORE giunge: giorno crudele, d'indignazione e d'ira furente, che farà della terra un deserto e ne distruggerà i peccatori. Poiché le stelle e le costellazioni del cielo non faranno più brillare la loro luce; il sole si oscurerà mentre sorge, la luna non farà più risplendere il suo chiarore”. (vedi anche Giobbe 9:7; Ezechiele 32:7-8; Gioele 2:10; 3:15; Amos 8:9; Salmo 104:2, 19-20; Isaia 30:26; Geremia 31:35; Giobbe 38:31-33; Isaia 40:26; Salmo 104,2, 19-20; Isaia 30:26; Geremia 31:35; Matteo 5:45).

Dio governa il giorno e la notte e il ciclo delle stagioni.
Nel Salmo 104:19 leggiamo: “Egli ha fatto la luna per stabilire le stagioni; il sole conosce l'ora del suo tramonto”.  (cfr. Genesi 8:22; Salmo 65:8; Geremia 31:35; 33:25-26).
Dio governa l’atmosfera terrestre.
Nel Salmo 135:5-7 è scritto: “Sì, io conosco che il SIGNORE è grande e che il nostro Signore è al di sopra di tutti gli dèi.  Il SIGNORE fa tutto ciò che gli piace, in cielo e in terra, nei mari e in tutti gli oceani. Egli fa salire le nuvole dalle estremità della terra, provoca i lampi per la pioggia, sprigiona il vento dai suoi depositi”. (Cfr. Giobbe 9:4-9; 37; Salmo 104:14; 107:25-29; 147:8–15; Amos 4:9). Quando Gesù acqueta la tempesta? I suoi discepoli rimangono meravigliati dicendo: “Che uomo è mai questo che anche i venti e il mare gli ubbidiscono?” (Matteo 8:27).
Dio governa gli animali (Salmo 104:21-29).
Dio ha guidato i corvi a dare da mangiare a Elia (1 Re 17:4).         
Dio governa anche le sciagure secondo i suoi piani. 
In Isaia 45:7 leggiamo: “Io formo la luce, creo le tenebre, do il benessere, creo l'avversità; io, il SIGNORE, sono colui che fa tutte queste cose. (Cfr. Lamentazioni 3:37 Amos 3:6). Le avversità sono decretate dal Signore. Questo è in riferimento al Suo strumento: il re persiano Ciro che avrebbe raso al suolo le nazioni, e questo rappresentava una brutta notizia ai re che soggiogava e le città che distruggeva. Perciò una situazione di guerra persa sarebbe stata per loro tenebre e avversità (rā˓āh- Salmo 49:6; 94:13; Amos 6:3) un qualcosa di sapore cattivo. Dio governa i terremoti (Giobbe 9:6; Isaia 9:1; 13:13; 24:19,20; 29:6; Geremia 4:24; Ezechiele 38:19-23); le carestie (Levitico 26:18–20; Amos 4:6, le siccità (Salmo 107:33–34; Amos 4:7–8); il fuoco (Ezechiele 20:45–48; Amos 7:4); piaghe e calamità (Esodo 9:1–4; Ezechiele 38:22); le inondazioni (Genesi 6:17); le malattie (Esodo 4:11; Lamentazioni 3:31-33; 1 Corinzi 11:30).
Non possiamo pensare che Dio non sia sovrano su tutto, come afferma Wilson Benton: “ Se qualcosa in questo mondo è il risultato del caso, allora Dio non è sovrano su tutto”.
Il fatto che Dio governa anche la natura ci spinge a confidare in Lui, ad adorarlo e a temerlo.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: