Passa ai contenuti principali

1 Cronache 29:11-12: Il governo di Dio è universale (Prima parte)

1 Cronache 29:11-12: Il governo di Dio è universale (Prima parte)
“A te, SIGNORE, la grandezza, la potenza, la gloria, lo splendore, la maestà, poiché tutto quello che sta in cielo e sulla terra è tuo! A te, SIGNORE, il regno; a te, che t'innalzi come sovrano al di sopra di tutte le cose! Da te provengono la ricchezza e la gloria; tu signoreggi su tutto; in tua mano sono la forza e la potenza, e sta in tuo potere il far grande e il rendere forte ogni cosa”.
                                
Dio signoreggia su tutto! Il Suo governo è universale. Tutte le cose sono tenute saldamente sotto controllo da Dio nonostante tutte le apparenze possono sembrare che conducano a credere il contrario! Nulla è troppo grande, o troppo piccolo da sfuggire al controllo di Dio! Dio è Dio, è il solo Dio in tutto l'universo che opera attivamente nella Sua creazione. (Salmo 24:1; 103:19; 115:3; 135:6; Isaia 45:5–6; Daniele 4:34-39; 1 Corinzi 8:4–6; 1 Timoteo 1:17; Efesini 1:11). 

Dio governa sui popoli.
Anche se non vediamo l’opera di Dio che si intreccia con quella dell’uomo, vediamo solo l’attività umana che sembra crei e definisca la storia, ma Dio è sempre all’opera (Salmo 77:19; Giovanni 5:17; Efesini 1:11).
Dio stabilisce e rimuove i regni, stabilisce il destino e i confini geopolitici delle nazioni come leggiamo in Atti 17:26: “Egli ha tratto da uno solo tutte le nazioni degli uomini perché abitino su tutta la faccia della terra, avendo determinato le epoche loro assegnate, e i confini della loro abitazione”. (Deuteronomio 2:30-40; Salmo 33:10-11; Isaia 14:24-27; 43:14-15; Deuteronomio 32:8; Giobbe 12:23-25; Salmo 22:27-28; 47:7–8; 66:7; Isaia 14:24–26; Ezechiele 29:19–20).
Dio stabilisce chi deve governare. 
In Daniele 2:20-21 è scritto: “Sia benedetto eternamente il nome di Dio perché a lui appartengono la saggezza e la forza.  Egli alterna i tempi e le stagioni; depone i re e li innalza, dà la saggezza ai saggi e il sapere agli intelligenti”.  (1 Re 19:15; Giobbe 34:24-25; Romani 9:17; 13:1-4; 1 Timoteo 2:1-2; Daniele 2:37; 4:14,17,28; 5:18-20; Osea 13:11; Isaia 40:23-24; Romani 13:11). Daniele spiegando il sogno al re Nabucodonosor gli dice: “Questa è l'interpretazione, o re; è un decreto dell'Altissimo, che sarà eseguito sul re, mio signore: tu sarai scacciato di mezzo agli uomini e abiterai con le bestie dei campi; ti daranno da mangiare l'erba come ai buoi; sarai bagnato dalla rugiada del cielo e sette tempi passeranno su di te finché tu riconoscerai che l'Altissimo domina sul regno degli uomini e lo dà a chi vuole (Daniele 4:24-25; cfr. 2 Cronache 20:6; 4:34-35; Salmo 22:27-28;33:10-11; Amos 9:7).
Dio governa le decisioni dei governanti. 
In Proverbi 21:1 leggiamo: “Il cuore del re, nella mano del Signore, è come un corso d’acqua; egli lo dirige dovunque gli piace”. (Deuteronomio 2:30; 2 Samuele 16:23 con 17:14; 1 Re 12:15; Esdra 1:1,5; 6:22; Isaia 45:4-5; Daniele 1:9).    
Dio stabilisce le vittorie militari.
In Proverbi 21:31 è scritto: “Il cavallo è pronto per il giorno della battaglia, ma la vittoria appartiene al SIGNORE”. (Giudici 7:2-3,22; 1 Samuele 14:6,15,20; 1 Re 20:28-29; 2 Re 5:1; 2 Cronache 13:14-16; 20:7-9; Salmo 33:16-17; Geremia 27:5-7).
Dunque, Dio non è solo il Creatore, è anche il Signore della storia dei popoli, delle nazioni, dei governanti, controlla e guida la loro storia secondo i Suoi progetti.
Non siamo, dunque nelle mani dei potenti, ma di Dio che guida la storia degli uomini!

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…