venerdì 2 dicembre 2016

1 Cronache 29:11-12: Il governo di Dio è universale (Prima parte)

1 Cronache 29:11-12: Il governo di Dio è universale (Prima parte)
“A te, SIGNORE, la grandezza, la potenza, la gloria, lo splendore, la maestà, poiché tutto quello che sta in cielo e sulla terra è tuo! A te, SIGNORE, il regno; a te, che t'innalzi come sovrano al di sopra di tutte le cose! Da te provengono la ricchezza e la gloria; tu signoreggi su tutto; in tua mano sono la forza e la potenza, e sta in tuo potere il far grande e il rendere forte ogni cosa”.
                                
Dio signoreggia su tutto! Il Suo governo è universale. Tutte le cose sono tenute saldamente sotto controllo da Dio nonostante tutte le apparenze possono sembrare che conducano a credere il contrario! Nulla è troppo grande, o troppo piccolo da sfuggire al controllo di Dio! Dio è Dio, è il solo Dio in tutto l'universo che opera attivamente nella Sua creazione. (Salmo 24:1; 103:19; 115:3; 135:6; Isaia 45:5–6; Daniele 4:34-39; 1 Corinzi 8:4–6; 1 Timoteo 1:17; Efesini 1:11). 

Dio governa sui popoli.
Anche se non vediamo l’opera di Dio che si intreccia con quella dell’uomo, vediamo solo l’attività umana che sembra crei e definisca la storia, ma Dio è sempre all’opera (Salmo 77:19; Giovanni 5:17; Efesini 1:11).
Dio stabilisce e rimuove i regni, stabilisce il destino e i confini geopolitici delle nazioni come leggiamo in Atti 17:26: “Egli ha tratto da uno solo tutte le nazioni degli uomini perché abitino su tutta la faccia della terra, avendo determinato le epoche loro assegnate, e i confini della loro abitazione”. (Deuteronomio 2:30-40; Salmo 33:10-11; Isaia 14:24-27; 43:14-15; Deuteronomio 32:8; Giobbe 12:23-25; Salmo 22:27-28; 47:7–8; 66:7; Isaia 14:24–26; Ezechiele 29:19–20).
Dio stabilisce chi deve governare. 
In Daniele 2:20-21 è scritto: “Sia benedetto eternamente il nome di Dio perché a lui appartengono la saggezza e la forza.  Egli alterna i tempi e le stagioni; depone i re e li innalza, dà la saggezza ai saggi e il sapere agli intelligenti”.  (1 Re 19:15; Giobbe 34:24-25; Romani 9:17; 13:1-4; 1 Timoteo 2:1-2; Daniele 2:37; 4:14,17,28; 5:18-20; Osea 13:11; Isaia 40:23-24; Romani 13:11). Daniele spiegando il sogno al re Nabucodonosor gli dice: “Questa è l'interpretazione, o re; è un decreto dell'Altissimo, che sarà eseguito sul re, mio signore: tu sarai scacciato di mezzo agli uomini e abiterai con le bestie dei campi; ti daranno da mangiare l'erba come ai buoi; sarai bagnato dalla rugiada del cielo e sette tempi passeranno su di te finché tu riconoscerai che l'Altissimo domina sul regno degli uomini e lo dà a chi vuole (Daniele 4:24-25; cfr. 2 Cronache 20:6; 4:34-35; Salmo 22:27-28;33:10-11; Amos 9:7).
Dio governa le decisioni dei governanti. 
In Proverbi 21:1 leggiamo: “Il cuore del re, nella mano del Signore, è come un corso d’acqua; egli lo dirige dovunque gli piace”. (Deuteronomio 2:30; 2 Samuele 16:23 con 17:14; 1 Re 12:15; Esdra 1:1,5; 6:22; Isaia 45:4-5; Daniele 1:9).    
Dio stabilisce le vittorie militari.
In Proverbi 21:31 è scritto: “Il cavallo è pronto per il giorno della battaglia, ma la vittoria appartiene al SIGNORE”. (Giudici 7:2-3,22; 1 Samuele 14:6,15,20; 1 Re 20:28-29; 2 Re 5:1; 2 Cronache 13:14-16; 20:7-9; Salmo 33:16-17; Geremia 27:5-7).
Dunque, Dio non è solo il Creatore, è anche il Signore della storia dei popoli, delle nazioni, dei governanti, controlla e guida la loro storia secondo i Suoi progetti.
Non siamo, dunque nelle mani dei potenti, ma di Dio che guida la storia degli uomini!