Passa ai contenuti principali

Gesù purifica il Tempio (Giovanni 2:12-25)

Gesù purifica il Tempio (Giovanni 2:12-25)
“Giovanni ha riportato questo tremendo incidente qui per mettere in primissimo piano della sua storia il grande fatto che Gesù era il Messia di Dio che era venuto a purificare il culto di uomini e donne e per aprire la porta a Dio”. W. Barclay.

Perché Dio richiede la purezza?


Perché molte persone non hanno la consapevolezza della richiesta di purezza di Dio?




Osservare

Con chi andò Gesù a Capernaum? (2:12)


Quando Gesù andò a Gerusalemme? (2:13)


Che cosa trovò Gesù nel tempio? (2:14)


Che cosa fece Gesù nel tempio? (2:15)


Che cosa disse Gesù a coloro che vendevano i colombi? (2:16)


Cosa si ricordarono i discepoli di Gesù? (2:17)


Che cosa gli chiesero i Giudei a Gesù? (2:18)


Come rispose Gesù alla domanda dei Giudei? (2:19)


Di quale tempio i Giudei stavano parlando a Gesù? (2:20)


Di quale tempio Gesù stava parlando ai Giudei? (2:21)


Quando i discepoli si ricordarono di ciò che Gesù aveva detto? (2:22)


Perché molti credettero a Gesù? (2:23)


Quale fu la risposta di Gesù a coloro che hanno creduto in lui? (2:24-25)

Imparare

Come si tenta oggi di utilizzare la chiesa, o la fede per il proprio vantaggio?


In che modo le persone accusano la chiesa, o i credenti di essere corrotti, o ipocriti?


Come purifica Gesù la tua vita? (Per esempio vedi 1 Giovanni 1:7)


Che cosa c’è ancora da togliere dalla tua vita che non piace a Gesù?


Che cosa impari da Gesù?


Quale segno ci ha dato Gesù per credere in Lui?


Perché a volte è difficile riconoscere come Dio sta operando nella tua vita?


Applicare

Che cosa chiedi a Gesù di purificare dalla tua vita questa settimana?


Come puoi mostrare a Gesù il tuo zelo in questa settimana?

Quale atteggiamento esigente, o pretesa verso Gesù hai bisogno di cambiare oggi?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Barclay, W. (2001). The Gospel of John (Rev. and updated., Vol. 1). Edinburgh: Saint Andrew Press.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La pecora smarrita (Luca 15:4-7).

La pecora smarrita (Luca 15:4-7)  Chiunque abbia perso qualcosa, sa quanto sia esasperante cercarla e non trovarla.  Ancora più esasperante è perdere la strada e l’indirizzo. Nicolas Bardyaev disse: “ Il problema dell'uomo deriva dal fatto che non solo ha perso la strada, ma ha perso l'indirizzo”. Questa parabola della pecora smarrita, ha catturato l'attenzione di molti artisti nel corso dei secoli. È chiaro che con la pecora perduta s’identifica il peccatore, mentre colui che la cerca, il pastore è Gesù Cristo.