Passa ai contenuti principali

Romani 2:4: Dio è paziente.

Romani 2:4: Dio è paziente.
“Della sua pazienza e della sua costanza”. 


Paolo, dopo aver parlato dei peccati dei pagani e della conseguente ira di Dio su di loro, si rivolge a quell’uomo (giudeo moralista e presuntuoso) che  pensa (logizē), cioè valuta erroneamente la propria peccaminosità e colpa, di scampare al giusto giudizio di Dio. Paolo mette a nudo la sua ipocrisia: giudica gli altri (i pagani peccatori), ma fa le stesse cose! (vv.1-3). Paolo continua dicendo che se non è una valutazione sbagliata, forse è perché disprezza (kataphroneis), cioè  sottovaluta, o non considera la ricchezza della bontà, la pazienza e la costanza di Dio. Una persona non può pensare, o sottovalutare, di poter peccare e tuttavia evitare il giudizio di Dio! Il giudeo a cui si rivolge Paolo, non riconosce che la bontà di Dio spinge al ravvedimento, anzi s’indurisce e non si pente, e in questo modo sta accumulando contro se stesso, un tesoro d’ira per il giorno del giusto giudizio di Dio (vv.5-6). Quello su cui vogliamo riflettere è la pazienza di Dio, ma questa non sarà per sempre! Paolo usa due parole: “pazienza” e “costanza”, che insieme esprimono che Dio per la sua bontà è lento nell'eseguire la sua ira infliggendo una giusta e meritevole punizione.
“Pazienza” (anochēs) indica la tolleranza e il ritardo dell’ira di Dio; viene da una parola (anochē) che significa “trattenere”, ed era usata a volte per indicare una tregua, che comportava, tra due parti in guerra, la cessazione delle ostilità. Così Dio è in tregua con una persona a causa del peccato; non punisce subito la persona quando pecca, è paziente per la sua grazia. Ma la pazienza, non è il perdono, è la sospensione della pena, questa può essere inflitta in seguito. Non significa, quindi, che l'ira non sarà più eseguita, certamente Dio giudicherà, a meno che non ci sia un ravvedimento. Dio trattiene il suo giudizio in modo da dare al peccatore un intervallo di tempo in cui può pentirsi davanti a Dio. La “pazienza” è una tregua, non è una pace, è temporanea, è una cessazione che ha un limite (cfr. Ecclesiaste 8:11). Se il peccatore non fa altro che peccare, se rifiuta l'invito a pentirsi, allora al tempo stabilito da Dio, sarà giudicato. 

Similmente “costanza” (makrothumias) significa avere pazienza con le persone, la capacità di sopportare a lungo. Dio sopporta con pazienza il continuo fallimento dei peccatori, come per esempio del suo popolo. Indica il prolungamento all’esistenza, per esempio d’Israele, nonostante la sua ribellione perseverante a Dio. Era un termine che indicava un capo potente che non si vendicava, o puniva un criminale. Come in Romani 9:22, qui è collegato all'ira di Dio. Dio è arrabbiato con tutti i malvagi, ma nella sua pazienza offre alle persone ampie opportunità di pentirsi.  
Così riepilogando possiamo dire che la pazienza di Dio ha due aspetti: 
1)La sopportazione di ciò che è spiacevole.
La pazienza è il potere di auto-controllarsi che Dio esercita su di sé e gli permette di sopportare i peccatori e aspettare prima di punirli e lo farà se non si pentono! Il Signore è lento all’ira (Esodo 34:6-7; Numeri 14:18; Salmo 103:8; Naum 1:3), per la sua grande potenza è in grado di sopportare coloro che si ribellano a lui, i peccatori impenitenti, coloro che ripetutamente ignorano i suoi comandamenti, le sue riprensioni e i suoi avvertimenti. La sua potenza è tanto grande sia per punire i peccatori e sia per risparmiarli. Dio ha il pieno controllo su se stesso, non è sottoposto alle passioni, come lo sono gli uomini, bensì egli può contenere la sua ira di fronte alle azioni peccaminose che prevedrebbero di esercitarla (Atti 13:18; Romani 9:22). 
Ma come vediamo anche nella storia biblica, Dio è paziente anche con il suo popolo ribelle (Neemia 9:17; Salmo 78:38-39; Ezechiele 20:17; Abacuc 1:2-3; Matteo 23:37). 
Un altro aspetto della pazienza è:
2) La perseveranza nel ricercare il bene per le sue creature. 
La pazienza di Dio, può essere vista come un aspetto della sua divina bontà, o come la dimostrazione, o il risultato della sua misericordia. Dio nella sua pazienza sopporta pazientemente una moltitudine di peccati provvedendo nella sua grazia immeritati benefici anche a coloro che lo ignorano e l’offendono (Matteo 5:43-48; Atti 14:16-17). Così, nonostante gli uomini siano ribelli a Dio, lui continua a fare loro del bene nella sua bontà e misericordia, è paziente verso di loro.
Inoltre la sua pazienza, come manifestazione della sua bontà, è un’opportunità per il pentimento e la salvezza. (Salmo 86:14-15; 2 Pietro 3:9,15).
Non possiamo che ringraziare Dio per la sua pazienza, e se stai vivendo nel peccato, ricorda che Dio non sarà per sempre paziente, la sua ira potrebbe infiammarsi contro di te in questa vita (1 Corinzi 11:30, Ebrei 12:4-6), e sicuramente se non ti ravvedi e non credi in Gesù Cristo, andrai all’inferno nell’altra vita (Luca 16:19-31; Matteo 25:46; Romani 3:23-26; 5:1-11).

Commenti

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…