Passa ai contenuti principali

Salmo 73:17: Come avere una chiara e oggettiva interpretazione della realtà.

Salmo 73:17: Come avere una chiara e oggettiva interpretazione della realtà.
“Finché non sono entrato nel santuario di Dio, e non ho considerato la fine di costoro”.

Nella prima parte (vv.1-14), il salmista ammette che è quasi caduto nel dubitare nella bontà del Signore nel vedere i malvagi prosperare, non avere problemi come gli altri (vv.4-5); che sono superbi, violenti e malvagi (vv. 6-7), dai discorsi sprezzanti, maligni e arroganti, come se fossero padroni della terra (vv. 8-9), hanno le persone dalla loro parte (v.10), e dubitano che Dio conosca il loro peccato (v. 11); questi empi sono sempre tranquilli e accrescono le loro ricchezze (v.12). Il salmista è amareggiato e confuso (vv. 13-14), più tardi dirà che è anche ferito, insensato, di fronte a Dio come una bestia (vv.21-22).
Il salmista con un conflitto interiore doloroso, cerca una soluzione umana, ma riflettendoci bene, la cosa gli è sembrata ardua. Qual è stata la svolta? La svolta è stata l’entrare nel santuario di Dio e considerare la fine degli empi! (vv.16-20). Così, il salmista, ora è convinto della sua posizione fedele, della certezza della presenza, della guida di Dio nella sua vita e di un destino glorioso con Dio, e nonostante lui possa venire meno, Dio rimane un rifugio e la sua parte di eredità. (vv.23-26). Anche se ci sono quelli che si allontanano da Dio e periranno, lui rimane unito a Dio, il suo rifugio, per raccontare tutte le Sue opere (vv.27-28).
Dopo aver visto il contesto, dal v.17 impariamo come possiamo avere una chiara e oggettiva interpretazione della realtà: entrare nel santuario di Dio! Dal momento che il salmista entrò nel santuario di Dio, il suo ragionamento comincia a cambiare. Il santuario è il tempio (1 Cronache 22:19; 2 Cronache 29:20-21; Ezechiele 45:3; Daniele 11:31), la dimora della presenza di Dio (Geremia 51:51; Matteo 23:21; Giovanni 2:16; Cfr. Esodo 29:42-46), dove possiamo andare a pregare e a incontrarlo per contemplarlo (cfr. Salmo 63:2), dove in comunione con Lui, apprendiamo la verità. Il salmista è giunto alla conoscenza non attraverso i propri pensieri, o una riflessione umana, ma grazie alla rivelazione di Dio, allora vede sotto un’altra luce gli empi: la loro rovina, la loro morte e quindi l’eterna separazione da Dio (cfr. Apocalisse 20:11-15).
Soddisfatto dalla grandezza, gloria e maestà di Dio, il salmista ha una corretta prospettiva della sua situazione. Alla luce della verità della rivelazione del Dio eterno e sovrano la lucidità prende posto della confusione, la gioia dell’amarezza, la pace interiore del conflitto, la certezza prende il posto della perplessità, l’oggettività quella della soggettività.
La vita presente e futura va vista alla luce della prospettiva e della verità di Dio attraverso la Sua Parola rivelata accompagnata dalla preghiera.
Hai le idee confuse? Hai amarezza nel tuo cuore? Sei perplesso? Non hai la pace interiore? Vuoi conoscere la verità? Allora entra in contatto con Dio, attraverso la meditazione della Bibbia e in preghiera nel nome di Gesù!


Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: