Passa ai contenuti principali

Matteo 6:9: Sia santificato il nome di Dio.

Matteo 6:9: Sia santificato il nome di Dio.
“Sia santificato il tuo nome”.

Questo è il primo soggetto di preghiera del “Padre nostro”. Prima di tutto vediamo cosa indica “nome”. C'è una stretta associazione tra il nome e la persona; in ebraico, il nome rappresenta il carattere e la personalità di qualcuno, così riguardo a Dio rappresenta il Suo carattere, la Sua natura, la Sua autorità come si è rivelato all’uomo e che si può conoscere (cfr. per esempio Malachia 1: 6; Isaia 29:23; Ezechiele 36:23; Giovanni 12:28; 17:6). Il nome di Dio è un termine ricorrente nell’Antico Testamento, ed è spesso descritto come "santo" (Salmo 30:4; 97:12; 103:1; 111:9; ecc.). La santità è il principale e il più glorioso attributo di Dio (Esodo 15:11; Salmo 89:35; Isaia 6:3; Apocalisse 4:8). 
“Santificato” (hagiasthētō) è rendere santo; ora la domanda è: perché dobbiamo pregare che il nome di Dio sia santificato visto che è già santo?  
Troviamo due significati.

1) Il primo significato è che coloro che lo conoscono devono onorarlo con la loro vita con un comportamento santo.
Tutti coloro che si dicono cristiani portano e rappresentano il nome del Dio santo; così con la preghiera “sia santificato il tuo nome”, stiamo chiedendo a Dio che ci aiuti a non disonorarlo con un comportamento peccaminoso. Pertanto il senso della preghiera è: noi dobbiamo essere santi affinché Dio sia onorato e diamo una buona testimonianza con il nostro comportamento santo in questo mondo peccaminoso.
2) Il secondo significato è il desiderio che Dio sia riconosciuto tale e sia onorato in tutto il mondo.
“Sia santificato il tuo nome” indica che Dio dovrebbe avere il proprio onore, di cui ne è degno, che gli uomini non dovrebbero mai pensare, o parlare di Lui senza la più grande riverenza. “Sia santificato il tuo nome” significa riconoscere la sua santità, dando a Dio il rispetto che gli è dovuto (cfr. Isaia 29:23). Esprime il desiderio che tutti stimino, ringrazino, adorino, esaltino e glorifichino Dio, dunque esprime un profondo desiderio per l'onore e la gloria di Dio, in modo che tutte le nazioni s’inchinino in adorazione davanti a Lui come fanno i Suoi figli, il Suo popolo devoto. È una preghiera per Dio affinché sia considerato santo e non disprezzato da coloro che ha fatto a Sua immagine. Esprime il desiderio di vedere Dio onorato nel presente e nel tempo in futuro fra tutte le nazioni. 
Tutto questo implica due verità importanti: la prima è che non dobbiamo pregare mettendo noi stessi prima di Dio, non pregheremo per i nostri bisogni, per i nostri desideri, per le nostre preoccupazioni, ma prima di tutto adoreremo Dio.  Quando preghiamo dobbiamo prima di tutto adorare Dio con timore e tremore (Salmo 2:11; Ebrei 12:28-29). Dio deve avere priorità in ogni aspetto della nostra vita, e quindi anche nella preghiera. In secondo luogo è importante avere la vera conoscenza di Dio. Le idee false su Dio sono irriverenti e portano a dottrine e a comportamenti irriverenti, e a non pregare come vuole Dio! 


Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: