Passa ai contenuti principali

Marco 10:45: Gesù ha dato la sua vita come prezzo di riscatto per molti.

Marco 10:45: Gesù ha dato la sua vita come prezzo di riscatto per molti.
“Poiché anche il Figlio dell'uomo non è venuto per essere servito, ma per servire, e per dare la sua vita come prezzo di riscatto per molti”. (Cfr. Ebrei 9:26; 1 Giovanni 3:5). 

Gesù ha volontariamente velato la sua gloria come Figlio dell'uomo (Marco 8:38; 13:26; 14:62) per assumere la forma di uno schiavo servendo fino alla morte perché questa era la volontà di Dio (Filippesi 2:6-8). Il suo servizio fino alla morte deve essere considerato un atto volontario (Giovanni 10:11,15,17) come indicato dalla frase: “Per dare la sua vita”. La morte di Gesù è un atto di obbedienza a Dio e vicaria per i molti (cfr. Isaia 53:11-12; Marco 14:24, cfr. Matteo 1:21; Giovanni 10:11,15; 17:9; Efesini 5:25; Atti 20:28; Romani 8:32-35), infatti, la preposizione “per” (anti) significa “in cambio di”, o “al posto di”. 

Gesù in questo versetto sta parlando della sua missione sulla terra, del suo sacrificio. La sua morte non fu un ripensamento, né un incidente, ma la realizzazione di uno scopo ben definito in relazione con l'incarnazione: salvare i peccatori attraverso la croce. 
La morte di Cristo è rappresentata come il pagamento di un riscatto (lutron). Nell’Antico Testamento troviamo i riscattati in riferimento al popolo d’Israele liberati dalla prigionia babilonese dal Signore (Isaia 35:10; 51:11), o dalla morte (Osea 13:14). Ci può anche essere un’allusione al Servo del Signore di Isaia 53:10-12 dove si parla che ha dato in sacrificio la sua vita caricandosi dei peccati di molti rendendoli giusti (cfr. Isaia 53:5,6,8,10-12).
L'idea di riscatto è quella del pagamento di un prezzo, al fine di liberare chi è in schiavitù, infatti, nel primo secolo questa parola era usata per la liberazione di schiavi, o di prigionieri, la liberazione implica una servitù, o una prigionia da cui l'uomo non riesce a liberarsi.
Il prezzo della libertà del peccatore, dunque, non è stato il denaro, la ricchezza materiale, ma è stata la morte di Gesù, il sangue prezioso di Cristo! (Levitico 5:14-6: 7; 7:1-7; Numeri 5:5-8; Giovanni 3:16; 1 Pietro 1:18-20). 
Ma attenzione il riscatto non è stato pagato a Satana, perché non è un sovrano da compiacere, ma a Dio per soddisfare la sua giustizia!!
I credenti, una volta riscattati appartengono a Dio (Tito 2:14) con grandi benefici: 1)Gesù libera dalla condanna della legge (Galati 3:13). 2) Libera dagli obblighi della legge che l’uomo non riesce a soddisfare (Romani 6:14). 3) Gesù libera dal potere del peccato (Romani 8:3-4; Tito 2:14). 4) Libera dal potere di Satana (Atti 26:18; 2 Timoteo 2:26; Ebrei 2:14-15). 5) Gesù libera dall’ira futura di Dio (1 Tessalonicesi 1:10; 5:9). 
Ora, anche se il sacrificio di Gesù è unico e incomunicabile (solo lui può compiere questo servizio), tuttavia, è un modello di umiltà, altruismo, sottomissione da seguire, siamo chiamati a essere servitori di Dio e degli altri e non a essere serviti (vv.43-44; 1 Giovanni 3:16), siamo chiamati a mettere Dio al primo posto e a servire gli altri in Sua obbedienza.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: