Passa ai contenuti principali

1 Re 8:22: Quando non sai cosa dire in preghiera

 1 Re 8:22: Quando non sai cosa dire in preghiera.

“Poi Salomone si pose davanti all'altare del SIGNORE, in presenza di tutta l'assemblea d'Israele, stese le mani verso il cielo, e disse…”.

John Bunyan disse: “ La preghiera è uno scudo per l'anima, un sacrificio a Dio e un flagello per Satana”. La preghiera è una grande benedizione che Dio ci ha dato. La preghiera è molto importante e il tempo che trascorriamo in essa non è mai tempo sprecato! Come ci ricorda J.C. Ryle: “Nessun tempo è così ben speso ogni giorno come quello che spendiamo in ginocchio”.

La preghiera è un imperativo divino, Dio ci esorta a pregare sempre! In Luca 18:1 Gesù dice: “Propose loro ancora questa parabola per mostrare che dovevano pregare sempre e non stancarsi”. Paolo in 1 Tessalonicesi 5:17 esorta: “Non cessate mai di pregare”. Finché continueremo a vivere dobbiamo sempre pregare senza stancarci. Ora alcuni non pregano perché non sanno cosa dire a Dio, dicono che non sanno pregare. La domanda è: dove possiamo trovare il contenuto, o le parole per la preghiera? Come possiamo imparare a pregare? Un modo può essere quello di pregare mentre leggiamo la Bibbia, i versetti saranno una linea guida per la nostra preghiera di adorazione, o ringraziamento, o supplicazione, o intercessione, o di confessione dei peccati e quindi di umiliazione. Per Salomone la base della Sua preghiera (vv.22-53) in occasione della consacrazione del tempio (1 Re 8), sono stati i capitoli di Levitico (capitolo 26) e Deuteronomio (capitoli 27-28). Ciò che impariamo dalla sua preghiera è che la preghiera riflette la conoscenza di Dio e del Suo rapporto con il Suo popolo. Così possiamo affermare che la preghiera riflette la nostra comprensione di chi è Dio e di come Dio si relaziona con gli esseri umani. Chiunque si sente incerto, esitante, bloccato e non sa cosa dire in preghiera deve curare il suo rapporto con Dio con la lettura, la meditazione, la memorizzazione e lo studio della Bibbia affinché possa conoscerlo, e quindi come Salomone costruire la preghiera sulla conoscenza di Dio con l’aiuto dello Spirito Santo (cfr. Romani 8:26-27). Chiunque può conoscere Dio e pregare secondo questa conoscenza. Ogni credente ha una misura di conoscenza di Dio, e in base a questa prega. Dunque, più conosciamo Dio, più abbiamo da dire a Dio! Quindi come Salomone possiamo lasciare che ciò che abbiamo imparato su Dio attraverso la Bibbia, ci guidi nelle nostre preghiere secondo la guida dello Spirito Santo. Così pregheremo fiduciosamente, sapendo che Dio agirà in accordo con chi Egli è, e in accordo con il grande amore che Egli ha per te e me. Allora quando non sai cosa, o come pregare, pensa a chi è Dio, pensa alle Sue promesse, pensa alle Sue opere, pensa alle Sue azioni, pensa ai Suoi propositi, e lascia che i tuoi pensieri su di Lui ti guidino mentre alzi la tua voce e la tua anima a Lui in preghiera. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La pecora smarrita (Luca 15:4-7).

La pecora smarrita (Luca 15:4-7)  Chiunque abbia perso qualcosa, sa quanto sia esasperante cercarla e non trovarla.  Ancora più esasperante è perdere la strada e l’indirizzo. Nicolas Bardyaev disse: “ Il problema dell'uomo deriva dal fatto che non solo ha perso la strada, ma ha perso l'indirizzo”. Questa parabola della pecora smarrita, ha catturato l'attenzione di molti artisti nel corso dei secoli. È chiaro che con la pecora perduta s’identifica il peccatore, mentre colui che la cerca, il pastore è Gesù Cristo.