Passa ai contenuti principali

Giacomo 4:8: Avvicinatevi a Dio!

 Giacomo 4:8: Avvicinatevi a Dio!

"Avvicinatevi a Dio”.

Continua ancora l’esortazione di Giacomo basato sulla sua preoccupazione per la vita spirituale dei suoi lettori. Il loro comportamento mondano, descritto molto bene nei versetti precedenti (Giacomo 3:14-4:1-5), li ha allontanati da Dio. 

Ma cosa significa avvicinatevi a Dio? 

Avvicinatevi a Dio indica la comunione. “Avvicinatevi” esprime l’azione positiva di avvicinarsi a Dio in contrasto con l’azione negativa del versetto precedente di resistere al diavolo. “Avvicinatevi a Dio” ricorda il rapporto dei servi di Dio che devono avere con Lui. “Avvicinatevi a Dio” ricorda ancora, l’idea dell’Antico Testamento di un sacerdote, o di Mosè che si avvicinano al Signore come menzionato in diversi versetti (Esodo 19:22; 24:2; Levitico 21:21, 23; Deuteronomio 16:16; Isaia 29:13; 58:2, 65:5; Ezechiele 40:46,Cfr. Ebrei 4:16; 7:19). Ricorda anche, le molte promesse profetiche che indicavano la conversione del popolo (2 Cronache 15:2-4; Lamentazioni 3:57; Osea 12:6-7; Zaccaria 1:3;2:3; Malachia 3:7). Dal contesto, vediamo che Giacomo vuole richiamare sicuramente al ravvedimento genuino. 

“Avvicinatevi a Dio” è un richiamo al ravvedimento, a ritornare a Dio rinunciando ai propri peccati. Giacomo dice, sempre nel v.8: “Pulite le vostre mani, o peccatori; e purificate i vostri cuori, o doppi d'animo!”, e questo significa che il vero ravvedimento coinvolge sia le mani che il cuore, sia le azioni e sia l'atteggiamento, sia il comportamento che la parte interiore di una persona. Deve essere sempre così, perché se non lo è,  il ravvedimento interiore, dell'atteggiamento, del cuore senza il ravvedimento del nostro comportamento, delle nostre azioni, delle nostre mani, non è affatto vero ravvedimento. 

“Avvicinatevi a Dio”, benché si possa applicare ai non credenti, non sembra tanto un richiamo alla conversione dei non credenti, a una conversione iniziale, ma è un richiamo per quei credenti che si sono compromessi e allontanati da Dio, a ritornare a Dio con e per un comportamento morale secondo gli standard di questo mondo.

Così “avvicinatevi a Dio” implica il rinunciare alle pratiche peccaminose e di ritornare a Dio, e quindi ad avere comunione con Lui come ha fatto il figliol prodigo per la gioia del padre (Luca 15:11-24). Il peccato è un grande ostacolo alla comunione con Dio!!(Isaia 59:1-2). 

I lettori della lettera di Giacomo, devono rinunciare alla sapienza terrena, animale e diabolica (Giacomo 3:14-16) e sono chiamati a dimostrare la sapienza divina (Giacomo 3:17-18), sono chiamati a rinunciare ai loro peccati di egoismo, ai loro desideri carnali che li portavano a guerre interne alle chiese (Giacomo 4:1-4), e se vogliamo anche al controllo della lingua (Giacomo 1:19-26; 3:1-12), il non avere riguardi personali e quindi prendersi cura dei poveri (Giacomo 1:27; 2:16-17). 

Pertanto “avvicinatevi a Dio” coinvolge la rinuncia di pratiche peccaminose per coloro che sono già cristiani e implica l’avere comunione con Dio. 

Così l’avvicinarsi a Dio non implica solo un’attività mentale, o emozionale, ma una reazione pratica di vivere proprio in accordo con la volontà di Dio, in purezza e santità, senza la quale non c’è comunione con Dio. Quindi il richiamo di Giacomo è ad avere una comunione con Dio, e a incontrarsi e mantenere uno stretto rapporto con Dio come adoratori accettabili con un comportamento che onora il Signore senza ipocrisia (Isaia 29:13).

“Avvicinatevi a Dio” richiede un’azione decisiva e immediata.

Infatti, il verbo “avvicinatevi” (engisate- aoristo attivo imperativo) si riferisce a un’azione decisiva (aoristo) ed esorta a una risposta immediata (imperativo), si riferisce alla chiamata di Dio per i destinatari della lettera a tornare a lui, un ritorno alla comunione con Dio. 

Ora se noi pensiamo che Dio è eterno, infinito, maestoso, santo, trascendente, e nonostante tutto ciò possiamo avere una relazione con Lui, e quindi che abbiamo un libero accesso alla Sua presenza tramite Cristo (Efesini 2:11-18; 3:11-12; Ebrei10:19-22), allora ci renderemo conto che è davvero una grande gioia e privilegio avvicinarsi a Lui!! Dio è così lontano per la Sua natura intrinseca, ma è anche così vicino!! (cfr. per esempio Isaia 57:15).

Allora avvicinati a Dio rinunciando ai tuoi peccati per avere comunione con il Dio Creatore e Trascendente!

Quindi avvicinatevi a Dio implica e afferma il privilegio del cristiano di aver accesso e comunione con Dio!      


Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: