Passa ai contenuti principali

Deuteronomio 8:11: L’importanza di ricordare le azioni storiche di Dio.

Deuteronomio 8:11: L’importanza di ricordare le azioni storiche di Dio.
“Guàrdati dal dimenticare il SIGNORE, il tuo Dio, al punto da non osservare i suoi comandamenti, le sue prescrizioni e le sue leggi che oggi ti do”.

La prosperità e non la povertà, è un grande pericolo: ci può far dimenticare il Signore. Le varie esperienze nel deserto, avevano lo scopo di umiliare e provare il popolo d’Israele per insegnargli che non si vive di solo pane, ma che dipendiamo dalle forze spirituali che si trovano solo in Dio (vv.1-4). Dio può trattenere le cose materiali per insegnarci a dipendere da Lui. Gli israeliti dovevano tenerlo presente quando sarebbero entrati in Canaan, una terra ricca di risorse naturali. Dovevano temere Dio e ringraziarlo per i Suoi doni e non dare tutto per scontato (vv.5-10). Se nella loro prosperità avessero dimenticato Dio e avessero ignorato la Sua legge, Dio li avrebbe puniti come aveva punito i cananei prima di loro (vv.11-20).
Così la minaccia non sono le nazioni cananee, ma gli stessi israeliti; se nel bel mezzo della prosperità, dimenticano il Signore, Lui diventa il loro peggior nemico!! Abbiamo tutti bisogno dell'avvertimento a non dimenticare il Signore quando tutto va bene, quando siamo nella prosperità secondo i nostri progetti con il pericolo incombente che il nostro cuore si può inorgoglire. Dobbiamo, invece, benedire il Signore perché da Lui proviene l’aiuto per la prosperità materiale (vv.10,17-18). L'orgoglio e l'umiltà sono atteggiamenti contrastanti. L'umile riconosce la sua dipendenza da Dio, invece l'orgoglioso attribuisce alla propria forza e potere le sue ricchezze. Tendiamo a vedere ciò che abbiamo come il prodotto dei nostri sforzi e delle nostre capacità. Ora in questo versetto Mosè ci esorta a non dimenticare il Signore quando tutto va bene. La memoria è una grande benedizione, perché il presente e il futuro possono essere modellati, o influenzati positivamente, o negativamente, dal modo in cui ricordiamo le opere e i giudizi passati di Dio! “Nell'Antico Testamento ‘ricordare’ è più che l'atto mentale di pensare a qualcosa che è accaduto nel passato. Il suo significato più profondo è richiamare o prestare attenzione, e quindi agire su ciò che è stato ricordato  (Larry Richards). Nel contesto del v.11 (capitoli 8-11), Dio invitò Israele a ricordare ciò che era accaduto nel viaggio verso Canaan, per aiutarli a fare scelte sagge - scelte conformi alla volontà di Dio - quando sarebbero entrati nella terra promessa. Gli israeliti dovevano ricordare che è stato il Signore a liberarli potentemente dalla schiavitù di Egitto, che li ha condotti attraverso il grande e terribile deserto, pieno di animali pericolosi come i serpenti velenosi e gli scorpioni, che ha provveduto loro da mangiare e acqua in modi sovrannaturali (vv.14-16)  e che ora li avrebbe introdotti in una terra fertile! (vv.7-10). La nostra fede si nutre con la giusta consapevolezza di Dio e il ricordare chi è e le Sue opere, influenzano la nostra vita, il nostro comportamento, le nostre scelte, il nostro benessere interiore, la nostra salute spirituale! Conoscere Dio e avere la giusta consapevolezza di Lui è importante (Osea 4:6)come lo è crederlo e averlo sempre presente nella nostra mente! Da tutto questo dipende la nostra vita! Pertanto chiediamo a Dio che ci faccia la grazia di ricordare sempre ciò che Lui è, le sue opere salvifiche come anche i Suoi giudizi e non c’inorgogliamo pensando che ciò che abbiamo è frutto delle nostre abilità!

Commenti

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…