Passa ai contenuti principali

Deuteronomio 30:3: Il Signore ti accoglierà!

Deuteronomio 30:3: Il Signore ti accoglierà!
“Il SIGNORE, il tuo Dio, farà ritornare i tuoi dalla schiavitù, avrà pietà di te e ti raccoglierà di nuovo fra tutti i popoli, fra i quali il SIGNORE, il tuo Dio, ti avrà disperso”.

In qualche tempo futuro, quando la disobbedienza del popolo avrebbe attirato la maledizione di Dio secondo il patto (Levitico 26:14-39; Deuteronomio 28:15-69), e il popolo sarà stato disperso tra le nazioni straniere, dopo aver ricordato la benedizione e la maledizione secondo il patto, ci sarebbe stata una svolta. In primo luogo, il popolo si convertirà al Signore, cioè  avrà un cambiamento di orientamento (vv.1-2; cfr. Deuteronomio 4:30), cioè un'inversione dei modelli di comportamento del passato, per esempio possiamo ricordare: allontanarsi dalla Sua via (Deuteronomio 9:12), o  servire altri dèi (Deuteronomio 11:16; 29:25-26), o abbandonare il Signore (Deuteronomio 28:20), o il suo patto (Deuteronomio 29:24). In secondo luogo
la svolta sarà nel cambiamento di ricettività, obbedirà alla parola del Signore (cfr. Deuteronomio 4:30) "con tutto il tuo cuore e con tutto e l’anima” (v.2); questo mette in risalto la completezza del "pentimento" del popolo, mette in risalto il fatto che il popolo ritornerà indietro con un nuovo, sincero, totale e radicale impegno di obbedienza alla parola di Dio (vv.1-2), espressa per loro nella legge di Dio e scritto in un libro (vedi v. 10). Il pentimento che Dio si aspetta da Israele, dunque è più che semplicemente allontanarsi da un passato malvagio, implica un impegno sincero a obbedire al Signore. Di conseguenza a questo pentimento, il Signore invece di allontanarsi da Israele e operare come nemico, si girerà verso di loro e agirà per loro conto. Infatti, il Signore, il Dio d’Israele lo farà ritornare dalla schiavitù, avrà pietà, e lo raccoglierà dai popoli fra i quali lo aveva disperso: dalle estremità della terra avrebbe ricondotto coloro che aveva allontanato con il Suo giudizio (cfr. Deuteronomio 4:27-31; 28:64). Nessuna distanza sarebbe così grande da fargli trascurare, o impedire il suo ritorno (v.4; Isaia 43:6; 48:20; 62:11). L’unica cosa che rende Dio distante dal Suo popolo è il peccato (cfr. per esempio Isaia 59:1-2), ma con il pentimento la relazione è ristabilita. Dio, agendo nel corso della storia umana (proprio come aveva fatto per portare il suo popolo fuori dall'Egitto), avrebbe radunato il Suo popolo dai luoghi in cui li aveva dispersi in giudizio. Una ricerca nella Bibbia mostra che molte generazioni di israeliti sono stati disobbedienti al Signore. I disastri che predisse Mosè, incluso l'esilio dalla terra promessa, sono avvenuti. Le generazioni disobbedienti hanno vissuto calamità, ma la loro disobbedienza non ha annullato le promesse di Dio ai padri (cfr. Deuteronomio 4:29-31; 13:17-18). Israele, dopo che avrà ricordato, dopo che si sarà convertito e avrà obbedito, potrà aspettarsi che Dio lo ristabilirà alla sua precedente posizione. Questo versetto ci incoraggia a guardare sempre alla grazia, alla misericordia e alla fedeltà di Dio. Noi non dobbiamo peccare, ma quando pecchiamo, ricordiamoci che la porta è sempre aperta per tornare a Dio. Dio, quando ci pentiamo, ci perdona (Michea 7:18-19; 1 Giovanni 1:8-10), ci accoglie a braccia aperte come ci ricorda anche la parabola del figliol prodigo  (Luca 15:11-24).  Ma il nostro ritorno a Dio deve essere caratterizzato, anche dall'impegno a non peccare (cfr. Giovanni 8:11; Romani 5:20-6:14). Se Dio si è allontanato da te, perché tu ti sei allontanato da Lui, allora ritorna a Lui! Dio ti accogliere in Cristo, ma il tuo pentimento deve essere sincero!

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: