Passa ai contenuti principali

Deuteronomio 30:15: Scegliere Dio.

Deuteronomio 30:15: Scegliere Dio.
“Vedi, io metto oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male”.


La vita è piena di scelte. Non affrontiamo mai un giorno senza scelte. Gli esperti ci dicono che prendiamo oltre cento decisioni ogni giorno. Per esempio, decidiamo a che ora alzarci, quali vestiti indossare, cosa mangiare, ecc. Ci sono anche scelte importanti nella vita: le amicizie, se sposarsi oppure no, con chi sposarsi, dove vivere e così via. Ma c’è una scelta più importante delle altre: la scelta più significativa che ogni essere umano può fare è la scelta dove passare l’eternità; tra amare e servire Dio, oppure ignorarlo. La Bibbia ci dice che davanti a noi ci sono due alternative: Dio, o gli idoli, la benedizione e la prosperità, o la maledizione e l’avversità (cfr. Deuteronomio 11:26-28), la vita, o la morte. In questa sintesi, Mosè ha sfidato la nazione, sotto forma di comando (vv.16,19) a seguire il patto con Dio.
Secondo questo patto la loro obbedienza avrebbe portato benedizioni da parte di Dio, invece la loro disobbedienza avrebbe portato maledizioni da parte di Dio (Deuteronomio 28-30). Mosè, allora, mette il popolo davanti una scelta importante: amare e obbedire al Signore, il loro Dio, questa sarebbe stata la sua vita, la sua moltiplicazione, la Sua benedizione, se lo avesse respinto, invece, sarebbe stato maledizione e morte (vv.15-18). La sfida qui presentata è esattamente la stessa che viene data alla prima generazione di israeliti al Sinai (Esodo 19:5-8) ed è tipica delle scelte offerte a coloro che il Signore chiama alla salvezza e al servizio (cfr. Giosuè 24:14-18; 1 Samuele 12:19-25; 1 Re 18:21,39; Matteo 16:24; Marco 8:34; Luca 18:22). Quindi, il Signore e le sue capacità non erano messe in discussione, ma solo la responsabilità del popolo. Questo passo c’insegna che prendere una decisione per il Signore implica qualcosa di più di una semplice confessione di fede, coinvolge tutto il nostro stile di vita! (cfr. vv. 16-20). Ora nessuno sano di mente sceglierà la maledizione e la morte. Nessuno rifiuterebbe deliberatamente la benedizione e la vita. Eppure è quello che fecero molti israeliti, e quello che fanno la stragrande maggioranza delle persone oggi che scelgono di vivere senza Dio. Nella storia biblica, le scelte che hanno fatto gli israeliti hanno avuto conseguenze che non avevano previsto, e che sono state dolorose per loro! Anche noi oggi dobbiamo fare una scelta per non avere conseguenze dolorose eterne: serviremo l'unico vero e vivente Dio che si rivela nella Scrittura e nella persona di Gesù Cristo? O serviremo una moltitudine di falsi dèi formati dalle nostre idee, desideri, tradizioni e cultura? Il tipo di scelta che facciamo non solo condiziona la nostra vita terrena, ma anche quella eterna!  (Matteo 7:13-14, Giovanni 3:16).  Davanti a te Dio mette la vita e la morte, la vita eterna e l’inferno! Cosa ne farai della tua vita? Pentiti dei tuoi peccati davanti a Dio e credi nel Signore Gesù al Suo sacrificio, resurrezione e ascensione per il perdono dei tuoi peccati (Atti 3:19; 13:38-39; 20:21). Questa è la scelta più saggia da fare: scegliere Dio nel nome di Gesù! (Giovanni 14:1-6).



Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: