Passa ai contenuti principali

Deuteronomio 12:31: Il nostro culto a Dio deve essere speciale perché Dio è speciale.

Deuteronomio 12:31:  Il nostro culto a Dio deve essere speciale perché Dio è speciale.
“Non farai così riguardo al SIGNORE tuo Dio, poiché esse praticavano verso i loro dèi tutto ciò che è abominevole per il SIGNORE e che egli detesta; davano perfino alle fiamme i loro figli e le loro figlie, in onore dei loro dèi”.

Nei vv.29-30 l’esortazione che viene fatta al popolo d’Israele è di non cadere nel laccio di seguire l’esempio dei popoli di Canaan che offrivano sacrifici ai loro dèi, anche umani, in diversi luoghi. Questo è abominevole per il Signore. In un passaggio precedente Mosè aveva scritto un avvertimento sul culto cananeo e sui suoi dèi: se li avessero seguiti, li avrebbe distrutti. Gli israeliti dovevano distruggere i loro altari e le loro statue (Deuteronomio 7:4-5; cfr. 12:2-3). Il Signore esigeva un culto esclusivo (Esodo 20:3; Deuteronomio 6:4-5; Matteo 4:10) e strutturato in modo completamente diverso dalla pratica dei Cananei. Perché? Perché il Signore è degno del nostro culto: è il Dio della creazione (Genesi 1:1-2), il Dio della rivelazione del patto (Genesi 12:1-3), il Dio della salvezza (Esodo 20:2-3). Perché Dio è assolutamente
santo e quindi trascendente, inaccessibile, misterioso e imperscrutabile (Salmo 99:3-9), ma è anche presente in mezzo al Suo popolo (Osea 11:9). Colui che è l’alto, l’eccelso e abita l’eternità, che si chiama il santo, che dimora nel luogo eccelso e santo, è vicino agli oppressi e agli umili (Isaia 57:15). Dio merita il nostro culto perché è vivente e presente, in grado di rispondere a coloro che lo invocano e perdona i loro peccati (Salmo 99). Il culto di Israele doveva essere tenuto in un posto solo, dove il Signore avrebbe prestabilito (vv.5,11,26-27). Il centro del culto fu prima il tabernacolo e più tardi sarà il tempio a Gerusalemme (per esempio 1 Re 5-8; 2 Re 25:9; 2 Cronache 5-7; Giovanni 2.13-14). Il sistema sacrificale simboleggiava Gesù (Matteo 5:17; Colossesi 2:17; cfr. Ebrei 8-10). Oggi non ci sono altri luoghi, modi e mezzi per offrire il culto che Dio accetta (Giovanni 4:23-24, 14:6; Ebrei 8-10). Il culto al Signore, sarà sempre la prima priorità e il più grande piacere di quelli che Dio ha salvato secondo la Sua sola grazia, e la sola fede, solo in Gesù Cristo (per esempio Romani 3:23-26). Il culto è il modo in cui esprimiamo l'intimità nella nostra relazione comunitaria e personale con Dio. Poiché Dio è speciale, anche il culto a Dio dev'essere speciale, e questo non è solo  cantare inni e lodare in preghiera Dio la domenica. “Le parole ebraiche e greche tradotte ‘adorazione’, tuttavia, significano ‘inchinarsi’ o ‘prostrarsi’. L'immagine è di mostrare il massimo rispetto” (Larri Richards). Così ogni atto con cui esprimiamo profondo rispetto per Dio è un atto di culto. Il culto presuppone uno stile di vita di obbedienza e di servizio (per esempio Deuteronomio 10:12-22; 11:1,13-17; 12:32; Romani 12:1-2; 1 Tessalonicesi 1:9). Quindi non solo il cantare gli inni, o lodare il Signore, il culto è ogni atto con cui esprimiamo profondo rispetto a Dio. Dio ci vuole ricordare che deve essere coinvolto ogni aspetto della nostra vita e in tutto ciò che facciamo, dobbiamo onorarlo: tutto ciò che facciamo deve portare gloria a Dio (Deuteronomio 14:3-21; 1 Corinzi 10:31; Colossesi 3:17,23-24). Allora il culto è adorazione riverente e servizio devoto a Dio motivato da ciò che Lui è e dalle Sue azioni nella storia. Il culto che Dio merita è servirlo in adorazione con una vita totalmente, radicalmente ed esclusivamente dedicata a Lui con tutto noi stessi: interiormente ed esteriormente, anima e corpo (cfr. Matteo 22:37; Romani 12:1-2).

Commenti

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…