Passa ai contenuti principali

1 Tessalonicesi 4:1: Un appassionato incitamento.

1 Tessalonicesi 4:1: Un appassionato incitamento.
“Vi preghiamo e vi esortiamo nel Signore Gesù a progredire sempre di più”.

Paolo esorta i suoi fratelli e sorelle a continuare a vivere secondo gli schemi comportamentali che hanno ricevuto da lui e dai suoi compagni di servizio (cfr. Atti 17:2-4; 1 Tessalonicesi 1:5-6; 2:7-8, 14). 
Paolo con molta passione, incoraggia i cristiani di Tessalonica, a crescere spiritualmente e moralmente sempre di più. “Vi preghiamo” e “vi esortiamo” secondo alcuni studiosi sono sinonimi, secondo altri, hanno due significati  diversi, “vi preghiamo” ha l’idea di richiesta, mentre “vi esortiamo” di incitamento. La prima parola è una richiesta gentile e amichevole, la seconda è un'esortazione urgente, e include una nota autorevole, apostolica, è più enfatica e formale della prima parola. Paolo non incita secondo i suoi pensieri, secondo la sua personalità, o altro, ma nel Signore Gesù, e questo significa sotto l’autorità di Gesù Cristo che ne è il rappresentate autorevole.
C’è, quindi, una connessione inviolabile tra le istruzioni di Paolo e la volontà del Signore. L’esortazione di Paolo è che i cristiani si comportassero in modo appropriato come servi di Gesù Cristo e a progredire sempre di più. “Progredire sempre di più” significa abbondare, traboccare in misura maggiore (1 Tessalonicesi 3:12; 4:10), indica che crescere spiritualmente e moralmente sempre di più, a comportarsi secondo come è stato loro insegnato secondo la volontà di Dio e piacere quindi a Lui e non per obbedire alle tradizioni. Anche se i Tessalonicesi mettevano già in pratica gli insegnamenti cristiani, non dovevano, però, cullarsi in questo, ora sono esortati a progredire sempre di più in questo. Paolo è chiaramente contento dello sviluppo spirituale generale dei cristiani di Tessalonica, ma vuole che continuino in questo processo con rinnovato impegno. Quindi, l’incitamento di Paolo a continuare nella crescita cristiana non sminuisce i progressi che i cristiani di Tessalonica avevano già fatto! Paolo non li sta rimproverando perché erano disobbedienti, ma piuttosto riconosce la loro spiritualità e li incoraggia a continuare su questa strada. È interessante notare che in nessuna parte dell'epistola, Paolo parla del numero delle persone nella chiesa (quantità), ma Paolo continua a incoraggiare il loro progresso nella qualità. Anche noi oggi, siamo chiamati a progredire sempre di più nella crescita spirituale e morale, dobbiamo ogni giorno comportarci come Dio vuole e continuare a crescere. Non dobbiamo accontentarci dei risultati che abbiamo raggiunto con l’aiuto di Dio, e nemmeno auto-compiacerci pensando di essere a posto (Apocalisse 3:17-18) confrontandoci con quelli che stanno peggio di noi come ha fatto il fariseo con il pubblicano (Luca 18:9-14), ma dobbiamo confrontarci con le richieste e il carattere perfetto di Dio, così saremo sempre mancanti! “Un cristiano non è mai in uno stato di completamento, ma sempre in un processo di divenire” (Martin Lutero). Il modo migliore per capire se stiamo crescendo spiritualmente e moralmente è misurare la nostra crescita con la sensibilità verso il peccato e il nostro atteggiamento verso Dio. Per quanto un cristiano possa essere maturo, egli è consapevole che c’è tanto da migliorare in lui! Inoltre dobbiamo prendere esempio da Paolo nell’incoraggiarci gli uni gli altri a crescere spiritualmente e moralmente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: