Passa ai contenuti principali

Geremia 13:23: Possiamo cambiare la nostra natura umana?

Geremia 13:23: Possiamo cambiare la nostra natura umana?
“Può un Cusita cambiare la sua pelle o un leopardo le sue macchie? Solo allora anche voi, abituati come siete a fare il male, potrete fare il bene”.

Le persone possono vivere come se il peccato non avesse conseguenze, ma quelle gravi conseguenze arriveranno! (Romani 6:23). Il contesto di questo versetto è: il popolo di Giuda è avvertito del giudizio di Dio a causa dei suoi peccati. Ora questo versetto ci dice che un Cusita, non può cambiare il colore della sua pelle nera, e nemmeno un leopardo può cambiare le sue macchie. A queste due impossibilità corrisponde una terza: Giuda non è in grado di cambiare il suo comportamento peccaminoso. Il popolo di Giuda era arrivato a un punto in cui non poteva separarsi dal suo peccato, non aveva le forze per cambiare le sue abitudini malvagie.
La sua malvagità era ben radicata da anni e anni di peccato, era diventata una caratteristica fissa della sua vita. Fare il male, non solo fa parte della natura di tutte le persone, come lo è la pelle nera dei Cusiti e le macchie di leopardi, ma anche, non possono cambiare la loro natura peccaminosa. Nel momento in cui un uomo nero, o  un leopardo potranno cambiare il colore della loro pelle, allora anche noi possiamo cambiare il nostro comportamento: dal male al bene. Siamo così radicati nel nostro male che non possiamo cambiare i nostri modi malvagi! Per natura, l'umanità ha una propensione a fare il male (Geremia 17:9), ma ciò su cui Geremia si concentra è che la condotta malvagia viene appresa e rafforzata nel corso degli anni dalla ripetizione. Le cattive abitudini sono come massi che rotolano dalla montagna difficile da controllare man mano che scendono giù velocemente. Il peccato può diventare così abituale che è impossibile rompere i suoi legami (cfr. Giovanni 8:34; Romani 3:23). Se il peccato trova spazio nel tuo cuore, è difficile spezzare le sue catene! Al v.27 il profeta con: “Per quanto tempo ancora non ti purificherai?” richiama a una rottura totale dalle pratiche peccaminose, e presuppone che, se il popolo è incapace di raddrizzare se stesso, potrebbe almeno riconoscere la sua situazione e cercare il Signore, che da solo lo può liberare dai suoi legami malvagi. L’uomo con le sue forze non è in grado di fare cambiamenti dal male in bene, è necessario l’aiuto di Dio! Solo Dio può cambiare il cuore umano! Dio ha mandato il Figlio Gesù Cristo per salvarci dai peccati (Giovanni 3:16; Romani 1:16; 1 Timoteo 1:15), e per mezzo dello Spirito Santo ci fa essere nuove persone con un nuovo carattere e comportamento secondo il Suo carattere (Tito 3:4-6; Efesini 4:17-24; Colossesi 3:9-10), e mediante il Quale possiamo santificarci (Romani 8:12-13; Galati 5:16-22). Non rimanere indifferente riguardo la tua anima! Ogni giorno o ti allontani da Dio, o ti avvicini a Lui. Il peccato crea un muro tra te e Dio (Isaia 59:1-2); ogni anno che passa, questo muro può diventare sempre più alto e spesso. È ora il momento giusto per credere in Gesù Cristo come tuo personale Signore e Salvatore e pentirti dei tuoi peccati davanti a Dio per la tua salvezza (Atti 20:21).

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: