Passa ai contenuti principali

Introduzione alla Bibbia: Rivelazione

Introduzione alla Bibbia.
Rivelazione
Tutto quello che noi conosciamo del cristianesimo è stato rivelato a noi da Dio. 
Il termine rivelazione deriva dal latino "revelatio" che significa scoprimento. 
La parola ebraica per rivelare è "galah", invece una parola greca comune per "rivelare" è "apokalypto".  Rivelare esprime sia l'idea della scoperta e anche quello che era nascosto. 
Così rivelazione indica svelare qualcosa di nascosto, in modo che possa essere visto e conosciuto per quello che è; vuol dire svelare rimuovendo un velo da qualcosa che era celato. L’idea, dunque è di rendere le cose oscure chiare, portare alla luce cose nascoste, affinché la persona a cui è rivolto il messaggio possa vedere, sentire, percepire, capire e conoscere.
Per quanto riguarda Dio, indica che svela se stesso, si fa conoscere. 
Giorgio Girardert scriveva: “Tutto il messaggio biblico è fondato sul presupposto che Dio esiste, ma è inaccessibile, cosicché l’uomo non può conoscerlo se non in quanto egli stesso si rivela, cioè ' rimuove il velo ' che lo nasconde. Rivelazione è dunque l’atto con cui Dio si fa conoscere agli uomini”. 
Secondo la Bibbia la conoscenza di Dio non è perciò frutto di una conoscenza, o di un’intuizione umana, né la legge morale, o il frutto di un istinto o di una spontanea evoluzione. 
La rivelazione è l’auto-manifestazione di Dio, mediante la quale Dio fa conoscere se stesso e i suoi decreti.
Molto chiara e interessante è la definizione che il teologo B.B.Warfield riguardo la rivelazione, egli dice: “ Il significato attivo di rivelazione indica l’atto con cui Dio comunica all’uomo la verità su se stesso, sulla sua natura, sulle sue opere, sulla sua volontà e sui suoi propositi”.  
Così possiamo dire che quando la Bibbia parla di rivelazione, il pensiero è che Dio il Creatore dischiude, svela se stesso: il suo potere, la sua natura e il suo carattere, la sua volontà, i suoi piani, agli uomini in modo che questi possano conoscerlo. 
Ora, il termine rivelazione, viene impiegato in due modi: c’è una rivelazione generale e una rivelazione specifica o speciale; quella generale o naturale indica tutte le modalità mediante le quali Dio si fa conoscere agli uomini (per esempio attraverso la creazione, l’uomo, eccetera) quella specifica è in riferimento a Gesù Cristo e alla Bibbia che ha un carattere sovrannaturale. 
In questo senso Dio, in contrasto con la rivelazione generale, si è rivelato ad un gruppo ristretto o singole persone scelte da lui, affinché ricevessero una particolare rivelazione della Sua persona o della Sua volontà.

Rispondi a ogni domanda leggendo e trovando le risposte nei versetti.

1. Perché è stata necessaria la rivelazione di Dio?

a) 1 Timoteo 6:16


b) Efesini 2:1-5


c) Isaia 55:9


2. Qual è lo scopo della rivelazione di Dio. 

a) Amos 3:7; Genesi 6:13-22; Deuteronomio 4:13-15

        
b) Esodo 6:3


c) Isaia 43:7; Romani 11:36; 1 Corinzi 10:31



3. Come si rivela Dio?

Rivelazione generale
a) Salmo 19:1-6; Romani 1:18-21


b) Genesi 1:27


c) Daniele 2:21; Matteo 5:45; Atti 14:15-17


d) Romani 2:14-15


Rivelazione speciale
a) Giovanni 1:18; 5:36-37


b) 2 Timoteo 3:16-17; 2 Pietro 1:21


4.  Perché è stata necessaria scrivere la rivelazione speciale, la Bibbia?
a) Deuteronomio 31:26; Matteo 5:17-18.


b) Esodo 17:14; Malachia 3:16; Romani 15:4; 1 Corinzi 10:11


c) Geremia 36:1-25


d) Luca 16:29



Applicazione
1. Quali sono i motivi per ringraziare Dio?



2. Quali implicazioni pratiche abbiamo riguardo la rivelazione di Dio? 



Bibliografia.

Benjamin B.Warfield, Rivelazione e Ispirazione, edizione Alfa & Omega, Caltanisetta, 2001.

David Horton, The Portable Seminary, Database,  WORDsearch Corp., 2009.

D.Guthrie e J.A. Motyer,  Commentario Biblico, vol.1, edizione Voce della Bibbia, Modena,1973.

Elwell, W. A., & Beitzel, B. J., Baker Encyclopedia of the Bible, Book House Baker, Grand Rapids, Michigan, 1988.

Enns, P. P. (1989). The Moody handbook of theology. Chicago, IL: Moody Press.

Geisler, N. L., & Nix, W. E.  A general introduction to the Bible, Moody Press Chicago, 1996, c1986.

Giorgio Girardet, in Dizionario Biblico a cura di Giovanni Miegge, edizione Claudiana, Torino, 1992.

John Blanchard, Complete Gathered Gold, Evangelical Press,   WORDsearch, 2006.

Renè Pache,  L’ispirazione e l’autorità della Bibbia, edizione Unione Cristiana Edizioni Bibliche, Roma,1978.

Ryrie, C. C., A survey of Bible doctrine. Chicago: Moody Press. 1995, c 1972.

Wood, D. R. W., & Marshall, I. H., New Bible dictionary (3rd ed.). InterVarsity Press, Leicester, England; Downers Grove, 1996.

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).