Passa ai contenuti principali

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.
“Venga il tuo regno”
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. Che cosa si intende con la preghiera venga il tuo regno? Ha due significati.
1) Il primo significato è il regno di Dio nel presente.
“Il regno di Dio” indica il dominio, la signoria regale di Dio.   “Regno” (Basileia) significa, in primo luogo l'autorità di governare come un re e in secondo luogo il regno su cui si esercita tale autorità. Il regno di Dio è una società sulla terra dove Dio regna nel cuore delle persone che fanno la Sua volontà di Dio in Cristo. È una preghiera affinché possiamo amare ciò che Dio comanda e chiedergli di regolare la nostra vita in relazione alla Sua volontà, di obbedirgli con tutto il nostro cuore. “Venga il tuo regno” è una supplica che chiede a Dio di estendere il suo potere reale su ogni parte della nostra vita: emozioni, desideri, pensieri e volontà. Si riferisce anche al desiderio di chi prega che il regno di Dio, iniziato con il ministero di Gesù sulla terra nei cuori delle persone (Luca 17:21), con la conversione e il pentimento (Matteo 18:1-4; Marco 1: 14-15), cresca oggi in tutto il mondo, che sempre più persone entrino nel regno di Dio, attraverso la testimonianza dei Suoi servi.
Il regno di Dio è l’autorità, l’iniziativa e l’azione di Dio, che entra nella storia dell’uomo per attuare la Sua storia di redenzione. Dio viene ed entra nella storia per salvare l’uomo. Far parte del Regno di Dio, allora significa essere salvati (Matteo 25:34; Marco 10:14-15,25-26; Giovanni 3:3,5). Quindi la preghiera è di natura missionaria, che ci siano nuovi convertiti, nuovi cittadini del regno. Pregare “venga il tuo regno” è pregare per la salvezza delle persone, pregare che Dio intervenga sulla terra per liberarla sempre di più dal dominio di Satana e del peccato (Cfr. Atti 26:18). È una preghiera affinché gli uomini si sottomettano al regno di Dio qui e adesso, pertanto, è una preghiera affinché noi, servitori di Dio, saremo fedelmente obbedienti e attivi nel vivere secondo i principi del regno di Dio e lo diffonderemo attraverso le nostre azioni e le nostre parole. Ma è anche un riferimento al regno finale e definitivo di Dio che riguarda il futuro, quindi:
2) Il secondo significato è il regno di Dio nel futuro, alla fine dei tempi.
Ai tempi di Gesù come attualmente, il Regno di Dio è nascosto (Marco 4:26-32), ma si attendono le manifestazioni future, un regno temporale. La Bibbia parla di un regno di Dio futuro (Matteo 7:21-22; 8:11; 20:21; 25:34; 26:29; Marco 9:1,47; 13:1-37; 14:25; Luca 22:18; cfr. Giacomo 5:8; 1 Pietro 4:7) che non sarà più nascosto (Isaia 45:22-23; Zaccaria 14:9). Il regno di Dio si realizzerà completamente alla fine dell’età presente (Matteo 28:20; cfr. 1 Corinzi 16:22; Apocalisse 11:17; 22:20).  Pregare “venga il tuo regno” allora è una richiesta affinché Dio stabilisca il Suo regno completamente e definitivamente sulla terra, quando un giorno tutto il male sarà distrutto, tutta la sofferenza, l'ingiustizia, il peccato, la povertà e la morte non ci saranno più. Dio stabilirà un nuovo cielo e una nuova terra (2 Pietro 3:12-13; Apocalisse 21:1-8). 
Pregare che “venga il tuo regno” è anelare a tutto ciò! Ed è quello che ricerca un vero cristiano!

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: