Passa ai contenuti principali

Genesi 1:1: Il Dio della Bibbia è il Creatore.

Genesi 1:1: Il Dio della Bibbia è il Creatore.
“Nel principio Dio creò i cieli e la terra”.

La vigilia di Natale del 1968 l'equipaggio della nave spaziale Apollo 8 (la prima navicella a orbitare intorno alla luna), nei loro auguri di Natale verso terra, gli astronauti citarono queste parole: “In principio Dio creò i cieli e la terra”. Dio è diventato per molti poco più di un concetto filosofico astratto, ma per la Bibbia non è così. Senza andare molto lontano, Dio in Genesi 1, è un Dio che agisce e parla, la sua esistenza è vista nei suoi atti; Egli non può essere concepito a parte le sue opere. La prova evidente della realtà di Dio è la creazione (Salmo 19:1; Atti 14:15; 17:24-31; 1 Tessalonicesi 1:8-9). 
Questa frase di apertura, è molto semplice, ma nello stesso tempo molto profonda, ed è un’introduzione all’intero prologo della creazione.

“Nel principio” (bĕrē'šît) si riferisce al principio assoluto delle cose create, indica che l’universo ebbe inizio nel tempo e nello spazio, a differenza di Dio che è eterno (Salmo 90:2), oppure si riferisce al punto di partenza di un periodo di tempo, tutta la durata della creazione (sei giorni). 
“Dio” (ʾelōhiym) è il termine più comune nell’Antico Testamento quando ci si riferisce alla divinità (per esempio Genesi 31:30), ma qui è utilizzato per l'unico vero e vivente Dio Creatore (Isaia 42:5; 43:15; Cfr. Salmo 96:5; Geremia 10:10-11). Dio, indica la Sua maestà che a differenza degli esseri umani, è senza inizio, generazione, opposizione, o limitazioni di potenza.
“Creò” (bārāʾ) significa "portare in esistenza” viene utilizzato solo con Dio come soggetto e suggerisce quindi che è l'attività di Dio solo, trasmette l'idea di un'attività speciale solo di Dio. Questo verbo è definito per esprimere l'origine di qualcosa di grande, nuovo ed epocale che solo Dio può farlo. Teologi credono che si riferisca che Dio abbia creato ogni cosa dal nulla (cfr. per esempio v.3; Salmo 148:5; Proverbi 8:22-27; Giovanni 1:3; Romani 4:17; Colossesi 1:16-17; Ebrei 11:3; Apocalisse 4:11), quindi Dio è il Creatore, e non c’è stata casualità ed evoluzione.
“Cieli e terra” indica tutto ciò che esiste. È caratteristico di molte lingue descrivere la totalità di qualcosa con i suoi estremi, per esempio, "buoni e cattivi", "grandi e piccoli", ecc. (cfr. Geremia 10:16; Isaia 44:24; Salmo 103:19; 119:91; Ecclesiaste 11:5).
Noi possiamo fare almeno cinque considerazioni.
(1) Dio è il solo Creatore, non c’è nessun altro, la creazione ha avuto origine attraverso di Lui.
(2) Il versetto ci dice che c'è stato un inizio a tutto, un tempo, uno spazio e l'intero universo, prima dell'inizio di tutte le cose Dio era già lì. 
(3) Dio nella sua libertà ha creato ogni cosa, ha portato all’esistenza i cieli e la terra.
(4) La creazione esalta la trascendenza di Dio, l’autorità e la potenza, nulla può resistere al suo comando.
(5) Non c’è nessun tentativo di provare l’esistenza di Dio. 
Questo passo parte dal presupposto dell’esistenza di Dio. Dio è più grande di qualsiasi calcolo matematico, o argomento filosofico. Noi dobbiamo, semplicemente accettare questa premessa fondamentale e meravigliosa adorandolo.

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).