Passa ai contenuti principali

Se sei un vero cristiano non avere paura di morire (2 Corinzi 5:1-10)

 Se sei un vero cristiano non avere paura di morire (2 Corinzi 5:1-10)

In definitiva, ci sono tre tipi di paura riguardo la morte: quello che viene dopo la morte, l’evento del morire, il cessare di essere.


Che cosa desideri di più?



Come pensi che sarà il paradiso?



Quali modi di dire spesso senti quando le persone parlano del paradiso?



Osservare

Dopo aver parlato che il cristiano ha lo sguardo verso le cose che non si vedono, le cose eterne, Paolo spiega il contesto precedente, o spiega motivi della dichiarazione precedente, parlando di “tenda”, a cosa si riferiva? Che cosa gli accadrà? (2 Corinzi 5:1)



Cosa possono aspettarsi i cristiani? Che cosa evidenzia Paolo? (2 Corinzi 5:1)



Quando la vita diventa terribilmente dura, una persona desidera naturalmente sollievo. Nella sua condizione di sofferenza che cosa desidera il cristiano? (2 Corinzi 5:2)



L’apostolo Paolo è sicuro di avere una casa nei cieli, ma parla di una condizione, qual è? (2 Corinzi 5:3)



Per quale scopo Dio ci ha creati? (2 Corinzi 5:4-5)



Paolo fa un’affermazione che riguarda Dio e lo Spirito Santo riguardo il versetto precedente. Qual è il contenuto di quest’affermazione? (2 Corinzi 5:5)



Qual è la piena fiducia dei cristiani? (2 Corinzi 5:6)



“Camminiamo” si riferisce al comportamento, alla vita vissuta. Come viene vissuta la vita cristiana? (2 Corinzi 5:7)



Qual è il desiderio e la certezza dei cristiani? (2 Corinzi 5:8)



Quale dovrebbe essere l'obiettivo dei cristiani? Perché? (2 Corinzi 5:9-10)



Davanti chi compariranno i cristiani? Che cosa riceveranno? (2 Corinzi 5:10)

Imparare

Nonostante la fragilità dei nostri corpi, come indicato dalla parola “tenda” (v.1) che allude a idee di insicurezza, decadimento e temporaneità del corpo umano, quindi, come indica la parola “disfatta” (v.1), della sofferenza e della morte (cfr. Isaia 38:12), i cristiani sono fiduciosi e proiettati a ciò che li aspetta dopo la morte. Il desiderio dei cristiani è pieno di speranza, non di paura, il desiderio della piena salvezza, di avere una casa nei cieli, non fatta dallo sforzo, o dall’abilità dell’uomo, ma ha origine in Dio, una casa eterna con un nuovo corpo risorto celeste e glorificato adatto per i cieli (cfr. 1 Corinzi 15:42-52). Perché i veri cristiani possano essere fiduciosi della loro abitazione celeste? 



Nel suo cammino, secondo il progetto di Dio e la promessa della vita dopo la morte, della casa eterna nei cieli, il cristiano in questa vita, non è lasciato da solo a se stesso, ma Dio gli ha dato la caparra dello Spirito Santo, che cosa significa?



Tutta la vita di Paolo è cosparsa di fiducia a causa della speranza della casa eterna nei cieli, del desiderio di stare alla presenza di Dio. Dio non ci abbandonerà nella morte, perché il Signore ha determinato per i cristiani un destino glorioso. Cosa significa vivere per fede e non per visione?



I cristiani vivono in una tensione costante tra il presente dell'esistenza fragile e terrena del nostro corpo e il futuro, la casa eterna nei cieli, alla presenza di Dio. Nel tempo presente sulla terra, per quale motivo i cristiani devono compiacere il Signore in tutto ciò che fanno? 



In che modo questo passo dà speranza ai credenti che sono morti?



Cosa dice Paolo riguardo la morte e come dovremmo considerarla?



Perché questo passo ci stimola a ricercare un comportamento che piace a Dio?



Applicare

Come puoi rafforzare la tua fede oggi?



Come puoi prepararti oggi per affrontare il tribunale di Cristo?



Bibliografia

Abernathy, D. (2008). An Exegetical Summary of 2 Corinthians (2nd ed.). Dallas, TX: SIL International.

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Garland, D. E. (1999). 2 Corinthians (Vol. 29). Nashville: Broadman & Holman Publishers.

Guthrie, G. H. (2015). 2 Corinthians. (R. W. Yarbrough & R. H. Stein, A C. Di). Grand Rapids, MI: Baker Academic.

Harris, M. J. (2005). The Second Epistle to the Corinthians: a commentary on the Greek text. Grand Rapids, MI; Milton Keynes, UK: W.B. Eerdmans Pub. Co.; Paternoster Press.

Hodge, C. (1891). An exposition of the Second epistle to the Corinthians. New York: A. C. Armstrong & Son.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Martin, R. P. (1986). 2 Corinthians (Vol. 40). Dallas: Word, Incorporated.

Utley, R. J. (2002). Paul’s Letters to a Troubled Church: I and II Corinthians (Vol. Volume 6). Marshall, TX: Bible Lessons International.

Yalom, Irvin D.. Psicoterapia esistenziale (Italian Edition). Neri Pozza. Edizione del Kindle.


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: