Passa ai contenuti principali

Efesini 4:30:Non rattristate lo Spirito Santo.

Efesini 4:30:Non rattristate lo Spirito Santo.
“Non rattristate lo Spirito Santo di Dio con il quale siete stati suggellati per il giorno della redenzione”.

La Bibbia ci esorta a essere ripieni di Spirito Santo (Efesini 5:18). Ci sono tre condizioni necessari per la pienezza, tre imperativi, uno di questi è: “Non rattristate lo Spirito Santo”.  Questo passo ci fa capire che lo Spirito Santo non è una forza impersonale, ma è una persona, infatti, può essere rattristato. Lo Spirito Santo è la terza persona della Trinità. (Per esempio Atti 5:3-4; 1 Corinzi 3:16; 6:19; 2 Corinzi 3:17).
In primo luogo vediamo:
A) La ragione per non rattristare lo Spirito Santo.
Uno dei motivi per non rattristare lo Spirito Santo è perché: con lo Spirito Santo siamo stati suggellati per il giorno della redenzione.  Lo Spirito Santo è presente in tutti i veri credenti(Efesini 1:13). Il sigillo indica la realtà della nostra salvezza, cioè di coloro che hanno creduto a Gesù Cristo. Il sigillo era il segno personale del proprietario, o del mittente di qualcosa d’importante, e questo era segno d’identificazione e quindi, come per esempio per una lettera, distingueva quanto era vero da quanto era falso, così il sigillo era simbolo di autenticità. Il sigillo era anche la garanzia che l’oggetto sigillato forse trasportato intatto.

Ora Paolo dice: "Siete stati suggellati per il giorno della redenzione", cioè per il giorno in cui saremo salvati completamente in cielo. (Romani 2:5-7; 13:11-12; Filippesi 1:6,10; 2:16). Allora possiamo dire che il sigillo dello Spirito Santo è il segno di appartenenza a Dio e la garanzia che veramente saremo salvati, lo Spirito Santo ci porterà fino al giorno della salvezza e non permetterà che saremo allontanati, o che ci possiamo perdere per strada (Romani 8:28-39). Questo è confermato in Efesini 1:14 dove leggiamo che lo Spirito Santo è il pegno. La parola “pegno” (arrhabōn) era un termine commerciale per indicare il pagamento di una parte della merce, un anticipo che comporta l’assicurazione che l’intero pagamento si sarebbe fatto. Questo è lo scopo per cui siamo stati sigillati! Paolo sta dicendo: “Voi appartenete al Signore, siete stati salvati, la prova è il sigillo dello Spirito Santo, perciò non lo contristate!”
In secondo luogo vediamo:
B) La responsabilità per non rattristare lo Spirito Santo.
Non rattristare lo Spirito Santo è una tua responsabilità. Infatti non rattristare (mē lupeite):
(1) È un imperativo attivo.
Questo verbo indica un comando che noi dobbiamo compiere! Quindi, è una nostra responsabilità non rattristare lo Spirito Santo, ci dobbiamo impegnare in questo senso!
Molti cristiani non lavorano diligentemente per la loro santificazione, la loro indifferenza è pericolosa per la loro vita spirituale, è come “muffa” per la loro anima! La muffa negli alloggi è pericolosa, le affezioni più frequenti sono malattie delle vie respiratorie, predisposizione alle infezioni, allergie, emicranie e disturbi motori. Quindi se siamo indifferenti saremmo credenti ammalati spiritualmente!
Non rattristare:
(2) È un imperativo di tutti i giorni.
“Non rattristare” (mē lupeite) è un imperativo presente, questo significa che deve essere fatto ogni giorno. Quindi non dobbiamo mai abbassare la guardia, dobbiamo fare del nostro meglio ogni giorno per non rattristare lo Spirito Santo se vogliamo portare gloria a Dio e se vogliamo essere ripieni di Spirito Santo!
In terzo luogo vediamo:
C) La risoluzione per non rattristare lo Spirito Santo.
Lo Spirito Santo nel Nuovo Testamento è associato di più alla gioia e non al dolore, o all’afflizione (Romani 14:17; Galati 5:22; 1 Tessalonicesi 1:6). Come possiamo rattristare lo Spirito Santo? E qual è dunque la soluzione per non rattristarlo? Innanzitutto cosa significa rattristare? “Rattristare” (lupeite) è causare dolore, tristezza, afflizione, angoscia, offesa. Questa parola “lupeite” deriva dalla parola “lupe”, che indica un dolore che può essere sperimentato solo tra due persone che si amano profondamente. La parola “lupe” era normalmente usata per un marito, o una moglie che scopriva che il suo coniuge è stato infedele. Come risultato di questa infedeltà, il coniuge tradito è scioccato, devastato, ferito, addolorato. Lo Spirito Santo ama profondamente chi gli appartiene, ci brama fino alla gelosia (Giacomo 4:4-5), ci vuole interamente per sé,  e quando lo tradiamo con un comportamento mondano, o peccaminoso, si rattrista! Dal contesto vediamo che Paolo esorta ad avere un comportamento Santo che riflette il carattere di Dio! (Efesini 4:17-6:9.) E poi ricordiamoci che lo Spirito è, appunto, Santo! Lo Spirito Santo è molto sensibile al peccato e si rattrista quando pecchiamo! Ma questo non significa che ci abbandona quando questo avviene, ma che non siamo più ripieni! Per esempio la lampadina quando è spenta c’è, ma è come se non ci fosse! Lo Spirito Santo, se c’è il peccato in noi, sarà come se non fosse presente, benché sia presente. Chiediamo perdono al Signore e abbandoniamo il peccato, impegniamoci a non rattristare lo Spirito Santo con i pensieri, parole e azioni!

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: