Passa ai contenuti principali

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.
"Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 

Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!
Come un contadino che ara deve guardare avanti e fare attenzione al lavoro che sta svolgendo, così anche chi vuole essere un discepolo di Cristo non deve permettere che le altre questioni della vita distraggono la sua attenzione dal discepolato, dal servire il Signore. In questo contesto, i legami familiari rappresentano un guardare indietro. Come discepoli non solo siamo chiamati a servire il Signore per il progresso del Vangelo, ma siamo chiamati a servirlo senza distrazione per compiere bene quello che il Signore ci chiama a fare. Questa era l’esortazione di Paolo: "Dite ad Archippo: 'Bada al servizio che hai ricevuto nel Signore per compierlo bene'" (Colossesi 4:17). In questa esortazione vediamo il modo di adempiere il servizio e cioè con urgenza, diligenza e completezza, senza rilassamento e superficialità. “Bada”(blepe) significa stare in guardia, avverte di un pericolo, il pericolo di trascurare il servizio. Archippo deve compiere bene il servizio che Dio gli ha affidato. “Compiere bene” (plerois) indica portare a compimento, completare, realizzare. Il compito di esercitare un servizio nella chiesa deve essere svolto in modo completo, senza schivare niente di ciò che comporta, senza rilassarsi mai e senza distrazioni! (Cfr. Atti 20:23-24; 2 Timoteo 4:5). In altre parole siamo chiamati a servire il Signore in modo responsabile e fedele. Noi c’impegniamo quando lavoriamo, ci impegniamo nell’educare i figli, stiamo attenti quando guidiamo, a maggior ragione dovremmo impegnarci ed essere concentrati nel servizio, non possiamo permetterci di essere superficiali. Questo per due motivi: (1) perché stiamo servendo Gesù, il Signore. Dio non è indifferente per come lo serviamo (Levitico 10:1-2; 1 Samuele 2:12-36; 4:4-11). (2) Perché stiamo parlando del destino eterno delle persone (Giovanni 3:16). Perciò il compito affidato al discepolo: la predicazione del regno di Dio, esige una grande determinazione, un impegno totale, senza nostalgie, che pone il dovere al servizio del regno di Dio al di sopra degli affetti familiari. Probabilmente se questo andava a casa per salutare i parenti, avrebbe soggiornato così a lungo che non sarebbe più ripartito con Gesù, che si spostava di villaggio in villaggio. Magari sarebbe stato preda delle frasi appassionate ed emotive dei parenti tanto da stare a casa e non partire più per servire il Signore. Molti credenti scoraggiano i figli a servire il Signore, incoraggiandoli piuttosto a farsi una posizione economica! Chi guarda indietro non è adatto per il regno di Dio, cioè per la predicazione del regno di Dio!     

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: