Passa ai contenuti principali

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.
"Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 

Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!
Come un contadino che ara deve guardare avanti e fare attenzione al lavoro che sta svolgendo, così anche chi vuole essere un discepolo di Cristo non deve permettere che le altre questioni della vita distraggono la sua attenzione dal discepolato, dal servire il Signore. In questo contesto, i legami familiari rappresentano un guardare indietro. Come discepoli non solo siamo chiamati a servire il Signore per il progresso del Vangelo, ma siamo chiamati a servirlo senza distrazione per compiere bene quello che il Signore ci chiama a fare. Questa era l’esortazione di Paolo: "Dite ad Archippo: 'Bada al servizio che hai ricevuto nel Signore per compierlo bene'" (Colossesi 4:17). In questa esortazione vediamo il modo di adempiere il servizio e cioè con urgenza, diligenza e completezza, senza rilassamento e superficialità. “Bada”(blepe) significa stare in guardia, avverte di un pericolo, il pericolo di trascurare il servizio. Archippo deve compiere bene il servizio che Dio gli ha affidato. “Compiere bene” (plerois) indica portare a compimento, completare, realizzare. Il compito di esercitare un servizio nella chiesa deve essere svolto in modo completo, senza schivare niente di ciò che comporta, senza rilassarsi mai e senza distrazioni! (Cfr. Atti 20:23-24; 2 Timoteo 4:5). In altre parole siamo chiamati a servire il Signore in modo responsabile e fedele. Noi c’impegniamo quando lavoriamo, ci impegniamo nell’educare i figli, stiamo attenti quando guidiamo, a maggior ragione dovremmo impegnarci ed essere concentrati nel servizio, non possiamo permetterci di essere superficiali. Questo per due motivi: (1) perché stiamo servendo Gesù, il Signore. Dio non è indifferente per come lo serviamo (Levitico 10:1-2; 1 Samuele 2:12-36; 4:4-11). (2) Perché stiamo parlando del destino eterno delle persone (Giovanni 3:16). Perciò il compito affidato al discepolo: la predicazione del regno di Dio, esige una grande determinazione, un impegno totale, senza nostalgie, che pone il dovere al servizio del regno di Dio al di sopra degli affetti familiari. Probabilmente se questo andava a casa per salutare i parenti, avrebbe soggiornato così a lungo che non sarebbe più ripartito con Gesù, che si spostava di villaggio in villaggio. Magari sarebbe stato preda delle frasi appassionate ed emotive dei parenti tanto da stare a casa e non partire più per servire il Signore. Molti credenti scoraggiano i figli a servire il Signore, incoraggiandoli piuttosto a farsi una posizione economica! Chi guarda indietro non è adatto per il regno di Dio, cioè per la predicazione del regno di Dio!     

Commenti

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.