Passa ai contenuti principali

1 Corinzi 13:7: Ciò che fa’ l’amore (seconda parte).

1 Corinzi 13:7: Ciò che fa’ l’amore (seconda parte).
“Crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa”.

Paolo continua a parlare di ciò che fa’ l’amore.
(1) L’amore crede ogni cosa.
“Crede” (pisteuei) è avere fiducia, essere convinti. Amare non significa che una persona che ama crederà che il nero sia bianco, o viceversa, ma significa piuttosto che nei casi dubbi, lui o lei non sospetterà male degli altri, l’amore non è sospettoso. È facile pensare al peggio, ma amare significa credere il meglio e non il peggio. Questo non significa essere ingenui e creduloni, o lasciarsi ingannare dalle falsità di una persona, ma l’amore è sempre pronto a concedere il beneficio del dubbio, opterà a essere favorevoli senza sospettare il male, questo è il significato di “crede ogni cosa”. L'amore non perde mai la fiducia, crede sempre il meglio sulle altre persone. Ancora più importante, amare significa credere che Dio può operare in modo potente in una persona, anche quando tutto sembra indicare il contrario.

(2) L’amore spera ogni cosa.
“Spera” (elpizei) indica mettere la propria aspettativa e fiducia in qualcuno, o qualcosa, aspettarsi che qualcosa avvenga, o aspettarsi che si possa essere in grado di fare qualcosa, è un verbo che indica qualcosa di positivo. Amare significa avere fiducia negli altri perché si ha fiducia in Dio che può cambiare le persone e le circostanze, che dal peggio di una persona Dio può trarre il bene, dal male può trarre il bene. L'idea non è un ottimismo irrazionale, che non tiene conto della realtà, ma il rifiuto di rassegnarsi alla sconfitta, al fallimento, l’amore non perde mai la speranza, questo è il significato di “spera ogni cosa”. Anche quando tutto è in frantumi, senza via d’uscita, l’amore spera ancora! 
La corda della speranza è senza fine! La speranza è paziente, in attesa di risultati positivi che alla fine potrebbero essere realizzati. La speranza è il contrario del pessimismo, è l'essenza di un sano ottimismo, concentrata sempre su Dio in Cristo Gesù.
(3) L’amore sopporta ogni cosa.
“Sopportare” (hupomenō) era un termine militare utilizzato per un esercito che teneva una posizione vitale a tutti i costi. È la costanza di un soldato in una dura battaglia che combatte con accanimento senza perdersi d’animo; ogni difficoltà e ogni sofferenza doveva essere sopportata. Sopportare indica sostenere coraggiosamente la sofferenza e la persecuzione, connota perseveranza e tenacia in tutte le circostanze. Non è un’accettazione rassegnata, ma una forza d’animo attiva e positiva. Significa resistere nei momenti di dolore, di sofferenza, di privazione, di odio, di perdita, e di solitudine. Come fece Stefano mentre lo lapidavano, infatti è scritto: “Poi, messosi in ginocchio, gridò ad alta voce: ‘Signore, non imputar loro questo peccato’. E detto questo si addormentò” (Atti 7:60). L'amore sopporta tutto con forza d'animo trionfante! Amare significa avere pazienza, non scoraggiarsi, ma continuare ad amare nonostante le difficoltà, o nonostante l'amore non sia corrisposto, se ci fanno del male!! 
L'amore deve amare anche quando non ottiene nulla in cambio!
Se ami una persona non perderai la fiducia, la speranza e avrai pazienza!


Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.