Passa ai contenuti principali

Giovanni 13:34-35: Il nuovo comandamento.

Giovanni 13:34-35: Il nuovo comandamento.
"Io vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Come io vi ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri. Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri". 

Questa è la prima delle due occasioni (Giovanni 13:34; 15:12) dove vediamo che Gesù comandò ai Suoi discepoli di amarsi gli uni gli altri, ma è la prima volta che Egli si riferisce a un nuovo comandamento. 
Perché il comandamento è nuovo? 

(1) Il comandamento è nuovo perché è in riferimento al modo, o alla qualità e al modello di amarsi. 
Non c’era nulla di nuovo nel comando di amare, infatti in Levitico 19:18, Dio aveva ordinato di amare il prossimo come se stessi. 
Il punto cruciale di questo nuovo comandamento si trova nel modo di amare e cioè di amare come Gesù ci ha amati! 
Un amore che l’ha spinto a dare la propria vita per i credenti, per i discepoli, era nuovo perché richiedeva un diverso modo di amare, un amore come il Suo disposto al sacrificio, a donare se stessi in modo generosamente altruistico, pratico e attivo (Giovanni 15:12-13; 1 Giovanni 3:16). 
(2) Il comandamento è nuovo perché è in riferimento alla salvezza che abbiamo in Cristo. 
Se vi è tra di loro discepoli (come anche oggi nella chiesa) questo tipo di amore, vorrà dire che daranno testimonianza al mondo che sono discepoli di Gesù, discepoli da Lui salvati. 
La gente li avrebbe riconosciuti come discepoli di Gesù dal tipo di amore che era presente tra di loro e cioè dall’amore divino presente in loro! 
La testimonianza non è la ragione per la quale si devono amare, piuttosto è il segno che sono discepoli di Gesù perché l’amore di Gesù è in loro. 
(3) Il comandamento è nuovo perché è in riferimento al nuovo ordine: il Nuovo Patto. 
Questo Nuovo Patto è stato stabilito per la redenzione da Dio in Cristo e per mezzo di Cristo (cfr. Marco 14:24-25; Luca 22:20; 1 Corinzi 11:25). 
Il nuovo comando di amarsi reciprocamente è una regola di vita del Nuovo Patto e coloro che ne fanno parte per grazia di Dio si amano reciprocamente. 
Il Nuovo Patto prometteva la trasformazione del cuore e della mente per la potenza dello Spirito Santo (Geremia 31:29-34; Ezechiele 36:24-27; cfr. 2 Corinzi 3:3; Galati 5:16-22). 
Questo nuovo comandamento è presentato come l’ordine di marcia, o lo standard per la nuova comunità messianica salvata da Dio in Cristo Gesù. 
Gesù non vuole dire che chi non è discepolo non deve essere amato, non si limita esclusivamente ai cristiani (Marco 12:28-31; Luca 10:27), ma sottolinea l’amore tra credenti (Galati 6:10), questo per indicare che è una caratteristica di chi fa parte del Nuovo Patto, di chi appartiene a Gesù Cristo, di chi è un suo discepolo. 
Se siamo discepoli di Gesù, se facciamo parte del Nuovo Patto, ci ameremo gli uni con gli altri come Lui ha amato noi! Un amore che si sacrifica per gli altri!

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: