Passa ai contenuti principali

Giudici 5:31: Identificarsi con il regno di Dio.

Giudici 5:31: Identificarsi con il regno di Dio.
“Così periscano tutti i tuoi nemici, o SIGNORE! Coloro che ti amano siano come il sole quando si alza in tutta la sua forza!”. 

Le donne non erano generalmente dei capi politici nell'Israele patriarcale, infatti in questa società, si enfatizzava la leadership maschile e la subordinazione femminile. Il suo genere sessuale, però, non squalificò Debora, il suo carattere e capacità spirituali, furono riconosciuti dal popolo di Dio. Per volontà di Dio, Debora, moglie di Lappidot, fu profetessa e giudice d’Israele, questo mostra che il Signore usa uomini e donne per realizzare i Suoi progetti. Nel capitolo 4, vediamo che Debora è la protagonista,  disse a un esitante Barac di radunare un esercito per combattere contro Iabin re di Canaan (Giudici 4:1-11). Dietro
il suo incoraggiamento, Barac, con l’aiuto del Signore sconfisse l’esercito nemico. La vittoria israelita (Giudici 4:12-24) è celebrata con un canto, quello di Debora (Giudici 5); il v.31 è una parte di questo canto. In questo versetto vediamo l’identificazione con il regno di Dio. Noi troviamo una doppia invocazione a Dio. La prima invocazione è di far morire i Suoi nemici, un tale giudizio è su tutti coloro che lo sfidano (cfr. 1 Samuele 17:26,36,45). Chiunque si oppone a Israele, si oppone al Signore. La profetessa e giudice Debora considerava il capo dell’esercito di Iabin, Sisera, come uno dei nemici del Signore. Ma al di là dei nemici dell’epoca, un nemico di Dio è chiunque agisce e a progetti in contrasto con la Sua volontà; questo può avvenire anche agli Israeliti se si allontaneranno dal patto di Dio (Levitico 26:14-39; Deuteronomio 28:15-68; 29:22-29). La seconda invocazione è che il Signore porti la benedizione a coloro che lo amano, che siano come il sole quando si alza in tutta la sua forza. “Coloro che ti amano” , si riferisce a coloro che sono fedeli senza riserve agli obblighi del patto, che non adoravano nulla, o chiunque altro, ma solo il Signore e quindi osservavano i Suoi comandamenti (Esodo 20:4-6; Deuteronomio 6:4-5; Giovanni 14:15). “Come il sole quando si alza in tutta la sua forza” è una straordinaria immagine dell'esaltazione di Israele verso un estensione sempre più gloriosa del suo regno. La preghiera è il desiderio che il popolo del Signore continui il trionfo contro i Suoi nemici. Nessun esercito potente può opporsi a coloro che sono fedeli al Signore. Debora stava pregando affinché il regno di Dio potesse essere stabilito sulla terra. Così questa preghiera ci ricorda che dobbiamo pregare come ci ha insegnato Gesù nel “Padre nostro”: “Venga il tuo regno” (Matteo 6:9). Un’altra applicazione è: come popolo di Dio possiamo brillare come luce del mondo. Prima di tutto, possiamo brillare come luce del mondo, vincendo il nemico del peccato nella nostra vita, grazie all’opera di Gesù Cristo (per esempio Giovanni 8:12, 31-36; Romani 1:16) e dello Spirito Santo in noi (Tito 3:3-7; Romani 8:1-17); questo sarà di esempio della gloriosa appartenenza a Dio (Matteo 5:13-16; Efesini 5:8). In secondo luogo, il popolo di Dio deve essere portatore di luce per gli altri nell'oscurità di un mondo caduto. Cristo ha mandato la chiesa a predicare il Vangelo (Matteo 28:18-20; Atti 13:47;  Filippesi 2:15).

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: