Passa ai contenuti principali

Giudici 2:10: Dio non ha nipoti.

Giudici 2:10: Dio non ha nipoti.
“Anche tutta quella generazione fu riunita ai suoi padri; poi, dopo quella, vi fu un'altra generazione che non conosceva il SIGNORE, né le opere che egli aveva compiute in favore d'Israele”.

La prima generazione di israeliti, contemporanei di Giosuè, stanziata nel paese di Canaan, servì il Signore (v.7), conosceva i miracoli e i giudizi del Signore, mentre la seconda generazione non lo conosceva, servì gli idoli di Baal (vv.11-12; Giudici 3:5-6). Studiosi sono divisi riguardo il significato di “conoscere”, alcuni pensano che si riferisca alla mancanza d’informazioni perché non conoscevano le opere del Signore. In questo sarebbero stati negligenti i loro genitori che non hanno insegnato loro le opere del Signore (Deuteronomio 6:6-7; Salmo 78:5-7; Efesini 6:4). Oppure, altri studiosi pensano
che  si riferisca all’incredulità dei figli, al non riconoscere (Proverbi 3:6; Isaia 33:13) il Signore come loro autorità, e i miracoli che aveva fatto non avevano importanza, non avevano alcuna influenza su di loro. Quindi “non conoscere il Signore” indica che non erano veri credenti, come i figli di Eli (1 Samuele 2:12; cfr. Esodo 5:2; Salmo 79:6). Secondo questa interpretazione, fu una loro scelta causata dalle lusinghe della cultura cananea e non dal fallimento dei loro genitori. Infatti al v.7 leggiamo che quella generazione di Giosuè servì il Signore. Allora quella generazione che non conosceva il Signore, non è la mancanza di informazioni, ma è rifiutarsi di accettare gli obblighi che comporta una relazione con Dio. La generazione più giovane non seguì il modello di servizio di Giosuè e dei suoi contemporanei. Ha respinto la grazia del Signore e i suoi doveri verso di Lui, per servire gli idoli di Baal. Ora, benché i genitori siano responsabili dell’educazione religiosa dei loro figli, questo non significa che siano responsabili della conversione dei loro figli! Avere dei genitori consacrati al Signore, non è garanzia che lo siano anche i loro figli! Questo versetto mette in evidenza la verità che la conversione di un figlio, o di una figlia al Signore non è automatica se i genitori sono credenti, i figli sono responsabili di dare la propria vita al Signore, devono avere una loro esperienza personale con Lui. Ogni generazione deve sperimentare personalmente la realtà di Dio. Così ci troviamo in un perenne pericolo: una generazione può avere una fede dinamica, godere della comunione intima con Dio, delle benedizioni che si hanno in Cristo, anche la gioia di trasmettere la propria fede agli altri, ma la successiva generazione può essere indifferente a Dio! Consapevoli che i nostri figli non devono semplicemente scimmiottare la fede dei genitori, ma hanno bisogno di sperimentare la potenza trasformatrice di Dio, noi come servi di Dio siamo responsabili e dobbiamo fare il massimo per trasmettere e insegnare ai nostri figli chi è Dio e le Sue opere, di educarli nelle vie del Signore e di essere un buon esempio per loro, confidando nell’opera potente dello Spirito Santo. Siamo consapevoli, allora, che ogni individuo in ultima analisi, è responsabile per il suo peccato e delle sue scelte, ed è salvato per grazia di Dio, e non dai noi genitori (Giovanni 1:12-13; Efesini 2:8-9).

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: