Passa ai contenuti principali

Giosùè 2:11: Il Signore è Dio.

Giosùè 2:11: Il Signore è Dio.
“Appena l'abbiamo udito, il nostro cuore è venuto meno e non è più rimasto coraggio in alcuno, per causa vostra; poiché il SIGNORE, il vostro Dio, è Dio lassù nei cieli e quaggiù sulla terra”.

Due spie israelite andarono a esplorare Gerico. Una volta che furono scoperti, una prostituta di nome Raab, li nascose e non li diede nelle mani degli uomini che il re di Gerico mandò per prenderli (vv.1-7). I vv.9-11 ci parlano della reputazione del Signore, della paura dei Cananei (cfr. Esodo 15:14-16; 23:27) e della fede di Raab (vv.8-9). La reputazione di Israele e del suo Dio, li aveva preceduti. Raab sapeva della liberazione d’Israele dall’Egitto, aveva sentito di come passarono miracolosamente attraverso il Mar Rosso (Esodo 14) e di come sconfissero i due re degli Amorei Sicon e Og (Numeri 21:21-35). Il v.11 descrive la reazione di Raab riguardo il Signore e vediamo come sia considerevole. Primo: Raab affermò, che il Dio di Israele aveva il potere sovrano e il diritto di esercitarlo su tutto: nei cieli e sulla terra, un dominio sulle popolazioni e sui molti dèi che le popolazioni adoravano. I Cananei adoravano molte divinità (per esempio Esodo 23:24,32-33; 34:15; Deuteronomio 11:16, 28; 12:2-3,30-31; ecc.).
Ora menzionando il passaggio del Mar Rosso e le vittorie del Signore (Yahweh) su Sicon e Og (v. 10), Raab, afferma silenziosamaente la superiorità del Suo potere sugli dèi dell'Egitto e degli Amorei; e il panico in Canaan implica anche che il Signore è superiore sulle divinità Cananee. Secondo: Raab dichiarò che il Dio di Israele, il “Signore”, era davvero l'unico Dio, quando disse: “Il Signore, il vostro Dio, è Dio lassù nei cieli e quaggiù sulla terra”. “Signore” (Yahweh) era il vero nome personale di Dio, proprio come “Baal” o “Astarte”  erano i nomi personali degli dèi Cananei. Così, quando Raab dichiarò che "il SIGNORE, il vostro Dio, è Dio lassù nei cieli e quaggiù sulla terra” affermava che le divinità che in Canaan adoravano, non erano veri déi. Il Dio d’Israele è il Signore assoluto (cfr. Deuteronomio 4:35; 6:4; 10:17; Isaia 45:6). Terzo: è implicito dare solo al Signore il nostro culto. La frase “lassù nei cieli e quaggiù sulla terra” - si trova solo tre volte prima di questa (Esodo 20:4; Deuteronomio 4:39; 5:8), e tutti i contesti  affermano la sovranità assoluta di Dio. In due di queste citazioni, nel contesto dei “Dieci comandamenti” si vieta di non farsi idoli (Esodo 20:4; Deuteronomio 5:8). Così Raab stava riconoscendo che quel Signore di cui aveva sentito parlare era l'unico e solo vero Dio, l’unico fra tutti gli dèi che era degno di adorazione e di fedeltà! Raab è ricordata nel Nuovo Testamento come un’antenata di Gesù (Matteo 1:5), e come di una donna di fede praticante (Ebrei 11:31; Giacomo 2:25). Raab c’insegna la differenza tra conoscere Dio solo intellettualmente e conoscere Dio personalmente, quindi impegnarsi per Lui; infatti per fede agì accogliendo le spie e salvandole, perché credeva alla grandezza del Signore (Yahweh), l’unico vero Dio! Inoltre, le parole di Raab segnalano che ha attraversato una linea significativa: dagli idoli al Signore. Anche noi dobbiamo scegliere chi vogliamo servire, o Yahweh o gli idoli di questo mondo, che non sono solo divinità religiose, ma anche materiali come i soldi, o una persona, o qualsiasi altra cosa è nei nostri cuori (Ezechiele 14:3) che prende il posto di Dio, o lo affianchiamo a Dio. Chi stai servendo?

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: