Passa ai contenuti principali

Ezechiele 14:3: Idoli nel cuore.

Ezechiele 14:3: Idoli nel cuore.
“Figlio d'uomo, questi uomini hanno innalzato idoli nel loro cuore”.

Ci troviamo nella diaspora babilonese, Ezechiele è tra quelli che sono stati deportati (2 Re 24:14; Ezechiele 1:1). Alcuni anziani della diaspora d’Israele sono andati dal profeta Ezechiele per una consultazione. Il Signore rivela al profeta che questi uomini hanno innalzato degli idoli nei loro cuori e se non si ravvedono, cioè se non riordinano la propria vita e le proprie priorità, che riguardano la consacrazione solo a Dio, la risposta di Dio stesso sarà il giudizio (Ezechiele 14:3-11). Dio richiede da chi gli appartiene assoluta fedeltà (Esodo 20:1-6; Deuteronomio 13). L'idolatria è il culto di qualcosa del creato in contrapposizione al culto del Creatore stesso.
Il paganesimo con i suoi molti déi viola, ovviamente, il primo comandamento, ma è anche vero che l’idolatria è anche altro (Colossesi 3:5). Un idolo è qualcuno, o qualcosa che sostituisce Dio nell’amore, nella fiducia, e di cui non possiamo farne a meno. Ogni cosa che prende il posto di Dio, che riceve la devozione e fiducia al posto Suo, è un idolo, questo può essere materiale, o spirituale. Perciò l’idolo non si riferisce solo a una divinità fatta di legno, di gesso, o di metallo, ma si può riferire anche a oggetti materiali, a persone, o a hobbies. L’idolo può essere anche l’oroscopo, i tarocchi, la scienza, la storia, la moda, la famiglia, la carriera, i vizi, il divertimento. Poi ci sono gli idoli più sottili, quelli più pericolosi come la propria esperienza come norma di vita, la tradizione, la reputazione, la felicità, la fede, l’amore, la pace, ecc. Come possiamo identificare se ci sono degli idoli nella nostra vita?  L’idolo lo puoi identificare dalla prova dell’amore, da ciò che ami. Noi siamo chiamati ad amare il Signore con tutto il cuore, la mente, l’anima e la forza, quindi con tutto noi stessi (Matteo 22:37); ma se invece noi diamo il nostro amore a qualcuno, o qualcos'altro, prima del Signore allora stiamo servendo qualche altro dio. L’idolo lo puoi identificare dalla prova della fiducia. Di cosa vi fidate? In chi confidate nei momenti di difficoltà? Qualunque cosa il nostro cuore si aggrappa e confida al posto del Signore, è il nostro dio. Se mettiamo la fiducia in una cosa, o persona, più del Signore, o come a Lui, quello diventa il nostro dio. Noi dobbiamo confidare solo nel Signore perché dipendiamo da Lui! Allora di cosa o di chi vi fidate? Da chi dipendete? Alcune persone dipendono dalle droghe, alcol, sesso, o shopping, o da qualche altra ossessione per andare avanti, questa è idolatria! Altre persone confidano nella superstizione, negli oroscopi, nei tarocchi, nei maghi, nelle persone e così via, questa è idolatria! Alcuni confidano nel loro lavoro, nell’assicurazione, nella loro previdenza per la loro sicurezza, nella scienza e nella medicina; in questo non c’è niente di sbagliato, ma se prendono il posto del Signore è idolatria! Perciò qualsiasi cosa che ami e in cui confidi, in cui ti diletti e desideri, che non puoi fare a meno, che temi o servi, se queste cose prendono il posto di Dio, lo sostituiscono, allora sono idoli! Possiamo essere certi che Dio giudica l’idolatria, pertanto ravvediti, e metti il Signore al primo posto!

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: