Matteo 6:13: La lode finale del Padre nostro.

Matteo 6:13: La lode finale del Padre nostro.
“Perché a te appartengono il regno, la potenza e la gloria in eterno, amen”.

Dopo i soggetti di preghiera che riguardano i nostri bisogni, problemi e limitazioni, si ritorna alla verità della grandezza di Dio e alla Sua completa sufficienza. Ogni preghiera dovrebbe finire per come va cominciata e cioè innalzando Dio con l’adorazione e la lode, questa è la misura della nostra spiritualità. Alcuni studiosi pensano che il modello di questa lode finale sia condensata in 1 Cronache 29:10-11. Nel Nuovo Testamento troviamo qualcosa del genere in Apocalisse 5:13. Questa lode dichiara che Dio, il nostro Padre celeste è il re; è una gioiosa affermazione della sovranità di Dio, quindi che in controllo su tutto e di tutto e a cui noi dobbiamo obbedire. Così quando noi preghiamo che a Dio appartiene il regno, stiamo dicendo che Dio è libero di fare tutto ciò che vuole (Salmo 135:6; Isaia 46:10; Daniele); Dio è capace di fare tutto ciò che vuole, niente è impossibile a Lui (Giobbe 42:2; Matteo 19:26; Efesini 3:20).
Stiamo dicendo che la sovranità di Dio si estende su tutte le cose: la creazione (Apocalisse 4:11), sulla vita umana (1 Cronache 29:12; Atti 18:21; Giacomo 4:15), è sovrano anche nei minimi dettagli della vita (Matteo 10:29-30), e quindi sull’elezione del Suo popolo (Romani 8:29; 9:11,18; Efesini 1:11), e quindi sulla salvezza del Suo popolo (1 Corinzi 1:26-30). Stiamo dicendo che Dio è sovrano su tutti gli altri dèi e sulle forze demoniache (Salmo 95:3; 1 Corinzi 15:24; Colossesi 1:13,16). La lode finale dichiara, anche, che Dio è potente! Non c’è nessuno più potente di Dio, perché Dio è Onnipotente (Geremia 32:27). Per Dio niente è impossibile! Egli può fare qualsiasi cosa sia secondo la Sua volontà! Non c'è niente di troppo difficile per Dio! (Genesi 18:14); può fare qualsiasi con facilità e senza sforzo perché ha una forza illimitata e non può essere ostacolato (Giobbe 42: 2; Isaia 14:27). Così quando preghiamo che a Dio appartiene la potenza stiamo affermando che può fare qualsiasi cosa! Questa lode dichiara, ancora, che a Dio appartiene la gloria, cioè l’onore (Luca 2:14, 19:38, Romani 11:36, Galati 1:5, Filippesi 1:11; 2:11). Ciò non significa che l'uomo possa dare quell’onore a Dio che non ha, non possiamo rendere Dio più grande, o più alto di quello che è, ma significa che l'umanità esalta Dio nella sua vera essenza, e di questo Dio è contento perché lo scopo della nostra esistenza è glorificarlo (1 Corinzi 10:31). Gesù conclude in eterno, perché Dio è eterno! (Salmo 48:14; 90:2).  Nel considerare tutto questo, i nostri cuori possono stare in un riposo tranquillo, nel ricordo che niente e nessuno può mai strappare il regno, la potenza e la gloria dal nostro Padre celeste che tanto ci ama, di un amore eterno (Isaia 54:8) a cui noi dobbiamo essere sempre grati e sottomessi. Che così sia, sicuramente, veramente, come ci ricorda la parola “amen”.


Post più popolari